Hummus di ceci

Dopo avervi proposto la ricetta dell’hummus di fagioli cannellini, come variante dell’originale di ceci, ecco l’hummus di ceci. L’ho ripreparato in questi giorni e non poteva mancare la ricetta base di questa preparazione che ha poi dato origine a tutte le varianti con diversi legumi e verdure che poi vi proporrò.

Il nome hummus deriva dall’arabo e significa proprio “ceci” e il nome completo della preparazione sarebbe precisamente ḥummuṣ bi ṭaḥīna, ossia “ceci con tahina”, quest’ultima è un burro o pasta di sesamo. La prima ricetta di hummus risale al XIII secolo nel Cairo e non prevedeva la tahina o l’aglio, ma ceci, aceto, limone, spezie e olio. La prima ricetta che contiene tahina è successiva ma sempre della cucina egiziana.
Altri Paesi però rivendicano le origini della ricetta, tra cui Israele, che sostiene sia cibo ebraico menzionato nella Bibbia 3500 anni fa. Charles Perry, esperto di cibo arabo medievale, afferma che l’hummus di ceci sia originario di Damasco.
Dal 2008, inoltre, pare ci siano “guerre di hummus” tra Israele e Libano, il quale ha citato in giudizio il primo per violazione del copyright e ha chiesto una petizione all’Unione Europea per riconoscere l’hummus come cibo libanese. La contesa era nata dopo che Israele era stato inserito nel libro del Guinness dei primati per un piatto di hummus da 420 kg e il Libano, per rivendicare l’identità della preparazione, ne aveva realizzato uno da 10.452 kg grazie allo chef Ramzi Choueiri e gli studenti dell’Università Al-Kafaat.

Ad ogni modo, la ricetta è molto semplice, deliziosa e versatile, oltre che nutriente, dato che è ricco di proteine, potassio, ferro, magnesio, acido folico, manganese, vitamina B-6 e fibre.
Vediamo quindi come preparare l’hummus di ceci.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Porzioni4
  • CucinaItaliana
113,09 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 113,09 (Kcal)
  • Carboidrati 13,34 (g) di cui Zuccheri 1,09 (g)
  • Proteine 5,27 (g)
  • Grassi 4,08 (g) di cui saturi 0,37 (g)di cui insaturi 2,11 (g)
  • Fibre 4,47 (g)
  • Sodio 104,85 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 76 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Ingredienti

Ingredienti

  • 250 gceci cotti, bolliti
  • Mezzolimone (Succo)
  • 1 cucchiaiotahina (opzionale, se non l’avete potete ometterla e decorare con semi di sesamo in superficie)
  • Mezzo spicchioaglio fresco (privato dell’anima)
  • 20 gacqua (o aquafaba, opzionale)
  • 1 ciuffoprezzemolo
  • q.b.sale fino
  • q.b.pepe nero
  • q.b.paprika (dolce o forte)
  • 1 filoolio di oliva

Strumenti

Strumento

  • 1 Tritatutto

Preparazione

Procedimento

  1. A parte tagliamo a metà un limone e ne spremiamo il succo di solo una parte.

    Lo stesso facciamo con l’aglio, lo dividiamo in due per il lungo ed eliminiamo l’anima. In questo modo sarà più digeribile.

  2. In un tritatutto versiamo tutti gli ingredienti: i ceci, il succo di mezzo limone, l’acqua, la tahina, mezzo spicchio d’aglio, il prezzemolo, sale, pepe, paprika e un filo d’olio.

  3. Serviamo in una ciotolina decorando con un filo d’olio e una spolverata di paprika.

Consigli utili

Si può gustare spalmato sul pane per degli aperitivi, all’interno di toast, piadine o wrap.

Potete conservarlo in frigo per 3-4 giorni in un contenitore ermetico.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.