Fagioli alla messicana (versione vegana) con polenta Taragna

• da Nord a Sud passando per il Messico• 💃🏼
Direttamente dalla Sicilia vi propongo la mia versione vegana di Fagioli alla messicana accompagnati dalla polenta Taragna… una specialità tipica della tradizione valtellinese. • La Farina per Polenta Taragna è una bilanciata miscela senza glutine di farina integrale di Mais e farina di Grano Saraceno precotta.

  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 300 gfagioli barlotti
  • 1cipolla
  • 2carote
  • 1Costa di sedano
  • 2alloro
  • 200 mlpassata di pomodoro
  • 150 gmais precotto
  • q.b.pepencino
  • q.b.sale
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. Cuocere i fagioli in una pentola con abbondante acqua e alloro (dopo averli messo a bagno la sera prima). 

    Scolarli e tritare la cipolla, il sedano e le carote e farli rosolare in un tegame capiente con un filo d’olio.

    Aggiungere la passata di pomodoro, due mestoli d’acqua di cottura, salare e mettere il coperchio al tegame facendo cuocere a fuoco lento per circa 30 minuti.

    Infine aggiungere i fagioli con alcuni mestoli della loro acqua di cottura il peperoncino e far cuocere ancora per circa 20 minuti.

    Spegnere il fuoco e aggiungere il mais ai fagioli.

    Mescolare e servire con la polenta.

  2. Per la polenta:

    In una pentola portare ad ebollizione un litro di acqua, salare e aggiungere a pioggia 250 g di farina precotta per polenta Taragna mescolando con un mestolo di legno per circa 5 minuti.

    Aggiungere 50 ml di olio d’oliva e, sempre mescolando, continuare la cottura ancora per qualche minuto. Servire calda con i fagioli.

  3. Per la mia presentazione:

    Mettere la polenta calda in un coppapasta direttamente sul piatto, togliere il coppapasta dopo qualche minuto e servire con i fagioli.

https://www.molinofilippini.com/azienda.htmlIl @molinofilippini si trova a Teglio, nel cuore della Valtellina, una valle ricca di biodiversità dove a padroneggiare è la natura alpina. Qui, esposti al sole, in mezzo alle montagne e all’aria pura, da tre generazioni lavorano il Grano Saraceno secondo la loro secolare tradizione. Da sempre abbracciano la cultura gastronomica che caratterizza questi luoghi e con impegno, dedizione e la giusta innovazione la portano avanti con passione. Anno dopo anno, però, non si sono fermati: hanno fatto ricerca e hanno inserito diverse materie prime indispensabili per creare piatti unici e sani. Grano Saraceno, ma anche Mais, Quinoa, Miglio, Riso, Amaranto e molti altri cereali annoverati nella categoria Gluten Free. Producono biologico da oltre 30 anni, un dato che testimonia la loro costante attenzione alla sicurezza delle produzioni e alle esigenze di un mercato sempre più attento alla qualità.

.

/ 5
Grazie per aver votato!
Senza categoria
Precedente Sbriciolata alle fragole e crema pasticcera Successivo Cassata siciliana con Romacash

Lascia un commento