Crea sito

Violette candite

Le violette candite sono ottime per essere servite a fine pranzo, oppure si possono utilizzare come guarnizione per la preparazione di torte o dolcetti. Vediamo la ricetta.


Autore
Ricetta realizzata da Basilicorosa. Ph. Paola Assandri. Tutti i diritti sono riservati.
Se ti piacciono le mie ricette e vuoi continuare a seguirmi, iscriviti alla mia pagina Facebook cliccando qui oppure iscriviti alla mia pagina di Instagam cliccando qui per non perderti nemmeno una ricetta o salva le mie ricette di Pinterest cliccando qui.
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 5 gViolette (possibilmente appena sbocciate)
  • 5 cucchiaiAcqua (naturale)
  • 5 gZucchero di canna
  • q.b.Zucchero a velo

Preparazione

  1. Raccogliete le violette in un luogo lontano da fonti inquinanti e lavatele sotto un getto di acqua delicato, con il loro gambo, e poi fatele asciugare su un canovaccio. Prendete un piccolo pentolino, versate l’acqua, lo zucchero semolato e a fuoco dolce fatelo sciogliere completamente, mescolando in continuazione. Quando lo zucchero è imbiondito, immergete per bene le violette tenendole per i gambi. Fatele impregnare bene da tutte le parti e mettetele ad asciugare su un piano. Quando sono quasi completamente asciutte prendete un colino a maglie fini e setacciando guarnitele con zucchero al velo.

Conservazione

  1. Le violette candite si conservano per 3 giorni in frigorifero, una volta messe in un contenitore a chiusura ermetica.

Curiosità

Secondo alcune voci, pare che Federico di Svezia amasse particolarmente questo dolcetto sfizioso e raffinato.

Ricetta n° 15

(Visited 482 times, 3 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.