Strudel salato speck e gorgonzola, ricetta torte salate

Strudel salato speck e gorgonzola, ricetta torte salate. Giusto per non mangiare sempre “le solite cose”, ogni tanto mi diletto nel preparare qualche torta salata che può essere utilizzata sia come portata principale oppure come sfizioso antipasto. Una di queste è proprio questo strudel salato speck e gorgonzola che piace moltissimo ai miei figli e mi viene richiesto spesso; si tratta di una preparazione davvero semplice e veloce, alla portata anche delle persone meno esperte in cucina.

Strudel salato speck e gorgonzola

INGREDIENTI
1 rotolo di pasta sfoglia già  pronta
80 gr. di speck tritato o affettato sottile
150 gr. di gorgonzola dolce

PREPARAZIONE

Accendere il forno a 180°C, togliere la sfoglia dal frigo e lasciarla sul piano di lavoro per 5-10 minuti prima di srotolarla affinchè non si rompa.
Aprire la sfoglia delicatamente e disporla su una teglia con la sua carta originale. Disporre le fettine di speck fino a ricoprirla avendo cura di lasciare uno spazio vuoto di circa 1 cm. tutto intorno; distribuire il gorgonzola a pezzetti sopra lo speck e, se avete avanzato ancora qualche fettina di quest’ultimo aggiungere anche queste. Arrotolare delicatamente, aiutandovi anche con la carta forno, la sfoglia su se stessa. Bagnare con un pennello intriso d’acqua i bordi superiori e laterali del rotolo e sigillare bene. Infornare per 20 minuti circa finchè la sfoglia risulti dorata. Attendere qualche minuto prima di tagliare e servire; è buona sia calda che fredda.

Strudel salato speck e gorgonzola

Se vi fa piacere seguitemi anche su Facebook

5 Risposte a “Strudel salato speck e gorgonzola, ricetta torte salate”

  1. ciao ho provato a farlo ed è venuto bene ma come dici tu l’ho provata anche fredda il giorno dopo ed era durissima. Come mai? cos’ho sbagliato?Grazie

    1. ciao Laura, non riesco a capire cosa intendi per durissima… sicuramente il formaggio raffreddandosi si rapprende però…
      ti dirò che a casa mia non è mai capitato di avanzarne per il giorno dopo, al massimo da pranzo a cena…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.