Crostone di Palamita e Avocado

C’è aria di primavera nell’aria,anzi da calendario siamo entrati ufficialmente in questa stagione,seppur nel week end sia tornato a trovarci Burian, questo clima mite, e quell’aria leggermente frescolina la mattina che diventa via via più calda durante il giorno (tant’è che io ho già messo via il piumino) mi fanno venir voglia di sapori primaverili anche in cucina.

Nel banco frutta e verdura hanno già fatto capolino da alcune settimane le fragole (con dei prezzi proibitivi come d’altronde tutte le primizie) e si cominciano a vedere anche i primi pomodori (non di serra, quelli li abbiamo tutto l’anno) i pomodori “veri, quelli “saporiti” che hanno preso i primi raggi di sole caldo e che sanno quindi di pomodoro; tant’è che mi figlio continuava a rubare i pachino ed a mangiarseli crudi mentre io continuavo a fare la mia spesa! Spero che gli altri clienti del supermercato non abbiamo pensato che non gli do da mangiare a casa!

Mentre lui era concentrato con i pomodori io ero attratta dai frutti esotici (questo va in contradizione tra quando ho sempre ribadito di compare prodotti del nostro territorio, ma ogni tanto qualcosa di estero finisce sulla mia tavola) e con più precisione tra mango e avocado ( consiglio,un bell’estratto di mango, ananas e pompelmo) a cui volevo abbinare del pesce crudo che mi aveva consigliato il mio pescivendolo di fiducia. L’abbinamento frutta/pesce in cucina è molto frequente ed a me piace molto, ovvio che bisogna trovare il giusto binomio tra tipi di pesce e tipi di frutta ma generalmente gli abbinamenti sono sempre graditi al mio palato e a quelli dei miei ospiti a cena.

Questa volta l’abbinamento era una novità anche per me in quanto non avevo mai acquisto la Palamita, pesce azzurro molto simile allo sgombro ma dal sapore più delicato. In pescheria doveva vado io l’avevano tagliato a carpaccio ed abbattuto per cui l’idea era quello di tenerlo a crudo, ma non sapendo se gli amici che avevo a ceno gradivano il pesce crudo l’ho passato a vapore per alcuni secondi, e servito con avocado e germogli di soia.

Un’altra idea dove il pesce incontra la frutta https://blog.giallozafferano.it/balaumoulin/crostini-salmone-marinato-agli-agrumi-germogli-soia-maracuja/

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 4 pezzi
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • palamoita (filetti molto sottili) 100 g
  • Avocado 1
  • Fiori eduli
  • Semi di lino
  • limone 1
  • Olio di oliva

Preparazione

  1. Prendete del pane toscano (meglio se di qualche giorno fa) e ricavate delle fette da 1 cm che farete tostare al forno con filo d’olio sopra. Nel frattempo cuocete le fettine sottili di Palamita al vapore per 30 secondi per lato,e conditele con olio,limone ed un po’ di pepe. Tagliate a dadini piccoli l’avocado (deve essere bello maturo altrimenti risulterà troppo aspro) e condite anche lui con olio, limone sale. Assemblate il crostone mettendo sotto l’avocado, ponete sopra una fettina di Palamita e finite semi di lino, fiori eduli ed un filo d’olio.

Note

IN MEZZO AL MAR

Informazioni su balaumoulin

Bal au Moulin (de la Galette) è un bellissimo quadro di Renoir, un quadro che mi ricorda la mia infanzia, quando passavo i pomeriggi in salotto a studiare e avevo questo quadro sopra le mie spalle con tutti i suoi personaggi che mi guardavano ed io mi soffermavano a guardare loro, tentando di scorgere ogni giorno un particolare diverso. Per cui ho scelto questo nome perché mi ricorda casa, mi ricorda gli affetti, le tradizioni, mi ricorda quando da bambina stavo in cucina con la mia mamma, e la osservavo fare la sfoglia con tanta passione e amore che solo le donne di un tempo sapevo metterci. E forse osservando lei che è nata in me questa passione per la cucina, per (come dico io) "mettere le mani in pasta", oppure era già fondata in me dalla nascita e piano piano sta emergendo, perché le passioni non vanno tappate, hanno bisogno di sgorgare; l'essere umano ha bisogno di essere gratificato facendo quello che gli piace, che sia per pure passione o (per i più fortunati) che sia per lavoro. Al momento la mia è pura passione, ma in fondo come tutti, vorrei che potesse divenire anche un lavoro, perché in fondo io alla favole ci credo ancora. Ama, vivi, cucina.

Precedente Crostata al grano saraceno e olio Successivo Quinoa con peperoni, pomodori secchi ed erbe aromatiche

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.