zuppa di friarielli e taralli di babet

La zuppa e’ un piatto straordinario che riporta alla mente le baite di montagna, la neve, il teporino del camino e il sapore verace  della famiglia. Quando poi si  uniscono tradizioni e amori la fantasia crea piatti semplici come questi. Un connubio di sapori classici che rendono una  zuppa  ”  La Zuppa” Il piatto classico napoletano sono i friarielli in padella con le salsicce, ma la zuppa credetemi è divina. Il pane è azzeccatissimo con le zuppe e questo  “ci si sa”, ma io  ho voluto fare omaggio alla mia città fino in fondo, l’ho sostituito con i taralli e non vi dico la bontà.

zuppa di friarielli e taralli

Lo so che gli ingredienti forse non sono sempre reperibili ma io abito a Forlì e li ho trovati, quindi spero  possiate riuscirci anche voi.

                          zuppa di friarielli e taralli

friarielli e taralli

Ingredienti

  • 400 g di friarielli
  • 1 spicchio di aglio
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 600 g di brodo vegetale
  • 1 peperoncino fresco
  • 100 g di pecorino romano
  • sale
  • 3 taralli Gentilmente offerti da bufala bistrot
  • 2 salsicce (facoltativo)

Procedimento

  • Mondate i friarielli eliminando  le foglie gialline e  i gambi lasciando solo i più piccoli e sottili. Riempite una vaschetta d’acqua e ponete a bagno la verdura. Lavatela cambiando  spesso l’acqua, (almeno 3 volte, anche più se è necessario) per eliminare i residui di terra. Fateli scolare poi in uno scolapasta.
        • Ponete in una casseruola l’olio con 1 spicchio di aglio schiacciato. Fatelo dorare insieme al peperoncino.
          006
        • Se volete potete togliere l’aglio (a me piace e lo lascio). Quando l’olio è ben caldo tuffatevi i friarielli e incoperchiate subito.
        • Fate cuocere a fiamma media per 10 minuti circa. Appena i friarielli si saranno appassiti unitevi il brodo fino a ricoprirli.
        •  Aggiungete un po’ di sale e lasciate andare a fuoco basso per circa 20 mt sempre incoperchiati.
        • Unitevi il pecorino tagliato a pezzetti e continuate la cottura ancora per 10 minuti  o finche’ non si sarà ammorbidito. Controllate se va bene di sale e se la verdura è cotta ( morbida si ma non spappolata)
        • Unitevi ora i taralli spezzettati e bagnateli con altro brodo caldo  per rendere più liquida la minestra.
        • Coprite e lasciate riposare per altri 5  minuti in modo tale che i taralli possano assorbire una parte di brodo.
        • Ora ponete la zuppa di friarielli in 2  tegamini  come quelli nella foto ( il numero dei tegamini dipende  anche dalla fame). Se non li avete vanno bene anche i piatti fondi.
          zuppa di friarielli e taralli
        •  Date una bella spolverata di pecorino romano  grattugiato e servite con altri taralli a parte.

I taralli sono stati offerti gentilmente da Bufala bistrot

bufala bistrot

Beh che dire di questa ricetta. E’  forse la più buona che ho postato. Certo i gusti sono gusti ma quando un piatto ti riporta alle origini e ai ricordi più dolci della tua infanzia, ovviamente i profumi e i sapori  si accentuano ancora di più.

Tornando invece ai friarielli vi chiederete che cosa sono.

  • Friarielli– Infiorescenza delle cime di rapa. Hanno un retrogusto amarognolo e si utilizzano per minestre, fritti e anche per pizze ripiene ecc. Utilizzati anche in molte pizzerie  come ingrediente principale o come variante.
  • A Napoli la ricetta principale dei friarielli  è la cottura in olio e aglio con peperoncino e salsiccia.. Consumati anche come contorno ma anche come ripieno di un bel pezzo di palatella di pane (pane napoletano dalla forma lunga).Mio nonno spesso si faceva preparare da mia nonna 1kg di pane cafone con dentro friarielli e salsicce. Lo metteva in un panno da cucina ben chiuso e via che andava a lavorare in campagna. Un bicchierozzo  di vino rosso, il “panino” e quello era il suo “pranzo”. Ogni tanto invece il pane lo riempiva veniva  con i peperoni fritti. Ma quella é un’altra storia 

 

    •  

24 Risposte a “zuppa di friarielli e taralli di babet”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.