Crea sito

Rosmarino. Erbe aromatiche, impariamo a riconoscerle

Rosmarino. Erbe aromatiche, impariamo a riconoscerle

 Rosmarino.  Eccomi qui’ a parlarvi  di una pianta che  adoro letteralmente. Per quello che ho capito la amano molto  anche le mie pelosette. Oltre al rosmarino in forma bonsai, ne ho una piantata in terra e spesso ci passano sotto. Ha un profumo cosi’ intenso, che quando le annuso, sembrano davvero due patatine al rosmarino. Altro che shampoo per cani, quello si che elimina ogni odore molesto. Troppo buono. “Ops! mi sbaglio o ho  scritto bonsai?”  Ebbene si! Ho un bel bonsai di rosmarino ancora in lavorazione ed è’ stupendo..

rosmarino

Rosmarino

  • Ho la grande fortuna di avere un marito bonsaista, le cui mani  e cuore, creano delle vere opere darti. E’ da anni che questo suo hobby  lo segue e la sua bravura lo ha portato anche a fare mostre sia in Italia che all’estero, da cui ha tratto molti premi prestigiosi. Ok e’ vero, sto elogiando le qualità artistiche della mia dolce metà , ma chi non lo farebbe se avesse in casa un artista?. Proprio in virtù di questo, posterò un paio di foto della pianta.. Ma e’ ora di parlare del nostro rosmarino. In fondo alla pagina troverete: la sua carta di identità,  caratteristiche,  proprietà,  cenni storici,  utilizzi e una piccola  ricetta di cucina..

    rosmarino

Peccato che la pianta non sia in fiore, sarà per il prossimo anno. Bellissima davvero. Secondo me  è una pianta ornamentale spettacolare.

Carta d’identità

  • specie-Rosmarinus officinalis .
  • Il nome deriva dal latino “ros ” rugiada  e “maris”  del mare
  • nome -Erba acciuga, origano comune, menta bastarda, regamo, acciughero
  • Origini- Africa settentrionale. Asia occidentale, Europa meridionale.
  • VarietàRosmarinus Serern Sea – Rosmarinus officinalis Prostratus-Rsomarino majorca Pink – Rosmarinus suffolk -Rosmarinus Foliis Aureis ecc

rosmarino

Caratteristiche

  • Si presenta in forma cespugliosa, con arbusti forti che possono raggiungere anche oltre i 2 metri. E’ un sempre verde e i suoi arbusti legnosi,  prostrati (paralleli al suolo) e ascendenti  (quasi radicante),  accolgono foglie aghiformi, lunghe e appuntite che vanno verso l’alto. Il loro colore e’ di un bel verde acceso e nella parte sottostante della foglia il colore si presenta bianco e argenteo e vi e’ una leggera peluria. I fiori sono  piccoli raggruppati  alle ascelle delle foglie e possono cambiare colore a seconda della varietà della pianta. Di solito sono color viola chiaro tendenti all’azzurro. E’ una pianta dalle alte concentrazioni  di oli essenziali.

rosmarino

Rosmarino

Raccolta e coltivazione

  • La pianta in vaso ha bisogno molto spazio. Quindi la dimora deve essere grande e le innaffiature non eccessive, vanno fatte  solo quando il terreno e’ asciutto o leggermente umido. Predilige zone in esposizione diretta al sole. Il terreno deve essere  leggero e non ristagnante
  • La talea va fatta verso settembre -ottobre. Per la semina invece il periodo ideale è  fine marzo inizio aprile.

Potatura 

  • Essendo una pianta  mediterranea,  la potatura e’ meglio evitarla  nel periodo invernale . E’ bene farla  dalla primavera  a fine  estate, nel periodo della vegetazione.

Proprietà

  •  Sia in campo fitoterapico che estetico, viene spessissimo utilizzato il rosmarino. Ha proprietà fortemente  antiossidanti, antibatteriche  e antisettiche . E’ uno dei componenti principale di alcune tisane depurative per il fegato ed e’ utile contro i problemi digestivi. Stimola la diuresi,  aiuta la digestione, combatte  il meteorismo, stimola l’appetito, calma gli stati ansiosi .E’ un antidepressivo naturale.

In cosmetica- 

  • Sono utili gli shampoo, gli  impacchi  o le lozioni al rosmarino, per combattere i capelli grassi e la caduta di questi. Utile per pelli grasse e acneiche. L’olio essenziale di rosmarino  molto spesso viene associato ad altri oli essenziale per  la preparazione di creme da massaggio. Stimola la circolazione, tonifica e aiuta a combatte la cellulite.
  • E’ presente anche  in molti dentifrici per rafforzare le gengive e nei collutori contro l’alitosi. Ottimi sono anche  i massaggi, con l’olio al  rosmarino e gli impacchi, alleviano  i dolori reumatici o da contusione.
    rosmarino

Rosmarino

Conservazione- L’ideale sarebbe consumarlo fresco, appena raccolto ma in alternativa si può

  • Essiccare- Con il solito procedimento. I rametti vanno posti a mazzetti in un luogo ben ventilato e non al sole  ma anzi in un luogo riparato dalla luce diretta . Potete appenderli o porli su una rete fitta (in questo caso vanno semplicemente stesi senza dover  legare i rametti in mazzetti ) in modo tale che l’aria passi, sia dal basso che dall’alto. Per  farli asciugare bene bisogna girarli quasi ogni  giorno.  Gli aghi poi vanno tolti ed in fine posti in un contenitore  ben chiuso. Questo va fatto solo nel momento in cui gli aghi sono talmente asciutti da sbriciolarsi tra le dita tramite una lieve pressione. Ci vorranno diversi giorni.  Altra soluzione e’ l’utilizzo dell’essiccatore, di cui ho parlato nella scheda della maggiorana     Con questi, ci vorranno poche ore. Ritengo sia la  soluzione più efficace e veloce rispetto anche al forno tradizionale.  Ovviamente, purtroppo, il rosmarino perderà molto in profumo e gusto.
  • Congelazione.  Come per le altre  piante, questo potrebbe essere una opzione all’essiccazione. Si tolgono  gli aghi e  li si imbusta in sacchettini per alimenti ben chiusi. Se li lavate accertatevi che non vi siano residui di acqua e che siano ben asciutti.
  • Si puo’  anche mettere sott’olio e conservare nel sale.

Rosmarino

Cenni storici  e la sua storia

  • Il rosmarino e’ la pianta per eccellenza tra le erbe aromatiche. La sua storia parla di una pianta il cui nome sembrerebbe avere due letture di linguaggio- Potrebbe avere origini greche “rosp” arbusto e “mirinòs” profumato. Altra strada di pensiero invece come ho detto inizialmente, potrebbe, in senso ancora più romantico, provenire dal  latino “ros ” rugiada  e “maris”  del mare, (rugiada del mare) a cui si lega anche il colore dei fiori.
  • Come la maggiorana, il rosmarino e’ considerata la pianta della felicità, amore e fedeltà, per i suoi colori brillanti e sempre verdi. Nell’antica Grecia, veniva utilizzata  per  creare una corona e posta sul capo delle spose  per adornarle e augurare loro, fedeltà eterna. Questo si e’ protratto fino al medioevo ma in questo caso la corona era  simbolo di buona fortuna.
  • Le corone venivano create anche per donarle ai defunti e deponendole sulle loro tombe.
  • Vi era anche la  convinzione che bruciando del rosmarino nelle case, gli spiriti maligni e le streghe non varcassero la soglia.
  • Tempo addietro al posto del l’incenso il rosmarino veniva utilizzato per riti religiosi nei  i luoghi in cui vi erano pestilenza ed epidemie. Un bellissimo aneddoto prelevato dal libro le  “erbe aromatiche”,  da cui sto studiando i vari cenni storici, racconta che il colore dei fiori  di rosmarino un tempo erano bianchi e che Maria  distese il suo manto su di essi  mentre scappavano dall’Egitto e i suoi fiori divennero azzurro- viola
  • In Egitto i faraoni venivano posti nei sarcofagi insieme a rametti di rosmarino
    Vi lascio una piccola ricetta “patate con bacon al forno”
    patate
    Grazie per essere stati quì. Per le ricette vi riporto alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.