Crea sito

RISO, ZUCCA E CASTAGNE SECCHE

Da piccola ero molto cocciuta, un po’ “viziatina”, essendo la piccolina di casa, arrivata quando la mia mamma era già un po’ avanti negli anni, 42, e già a quell’età le donne di un tempo erano più nonne che mamme. I miei, mi hanno sempre raccontato, avrebbero desiderato un maschietto, dopo tre femmine. Poiché l’attesa era tutta volta per il maschietto, mia madre aveva preparato il corredino sull’azzurro, secondo le usanze di prima per il genere maschile, per cui da piccolina ero sempre vestita di azzurro. Da qui nasce il mio nome perché chiunque mi vedeva diceva: ma quanto è bella, tutta azzurrina! E siccome la domanda nasce spontanea, come diceva uno della TV, per tutta la mia vita ho dovuto dare sempre la motivazione del mio nome.
Direte voi: e tutto questo cosa c’entra con la ricetta? E’ vero, ho divagato un po’ col racconto, ma ero partita dal “viziatina” e continuo nel dire che mia mamma, in cucina, variava molto con gli ingredienti, così come in effetti dovrebbe essere, e seguiva molto la stagionalità dei prodotti ( anche perché allora non esistevano ancora i frigoriferi nelle case né tanto meno i surgelati), e spesso faceva la minestra con le castagne secche. Io “viziatina” storcevo il naso quando la preparava, perché innanzitutto non ero tanto amante delle minestre e poi perché vedevo strano le castagne cotte in quel modo mentre noi bambini le sgranocchiavamo crude come fossero caramelle.
Ora invece che sono grande e non più viziata la minestra di castagne secche mi piace eccome e la propongo qui per il contest della piccola bottega di campagna.

Per il mese di novembre il contest richiede l’abbinamento della zucca con le castagne.

Io ho scelto di fare un risotto a modo mio e devo dire mi sono leccata i baffi.

La Ricetta

Ingredienti per 2 porzioni (quantità approssimative)

riso per 2
zucca 300 gr circa
castagne secche 100 gr
1 cipolla, 1 carota, 1 costa di sedano
olio extravergine di oliva, sale, pepe, pecorino qb
salsiccia o pancetta facoltativo qb

Mettere a bagno le castagne secche la sera prima.

Ho lessato la zucca, sbucciata e fatta a pezzi, in un brodo vegetale, con carota, cipolla e sedano, assieme alle castagne, per una mezz’ora.

Nel frattempo in una casseruola ho fatto appassire mezza cipolla con olio e un paio di fette di salsiccia.

Intanto ho fatto tostare il riso in una padellina con un poco olio e cotto col brodo vegetale. Verso fine cottura ho versato il riso nel tegame con la cipolla, ho unito la zucca e le castagne. Ho amalgamato il tutto ed ho spento e fatto riposare il risotto per cinque minuti.
Ho fatto una passata con alcuni pezzi di zucca ed ho impiattato.

Ho completato il piatto con una macinata di pepe nero, un giro di olio extravergine di oliva e una spruzzata di pecorino.

Il piatto é pronto per il contest e lo invio al Gattoghiotto e al sito Malvarosa edizioni

Pubblicato da azzurratagliaecucina

Mi chiamo Antonietta, ma per familiari e amici sono da sempre Azzurra. Perché Taglia e Cucina? Perché mi piace passare dalla padella… al cucito!