Crea sito

Pangrattato integrale fatto in casa e panature alternative light

Pangrattato integrale fatto in casa e panature alternative light

Amanti della gratinatura e delle panature, oggi vi racconto di come preparo il mio pangrattato integrale fatto in casa [ricetta del riciclo e di grande utilità] e delle panature alternative light.

Da quando siamo alle prese con iperglicemia, prediabete e diabete di tipo 2 abbiamo rinunciato completamente all’acquisto di prodotti già panati; le panature industriali infatti contengono fecola di patate, sono pre fritte, ricche di grassi, sali e calorie.

Il pangrattato integrale è in assoluto la soluzione più semplice, leggera e sana.

In alternativa, è possibile utilizzare altri prodotti da forno integrali prestando attenzione alle etichette alimentari quindi all’elenco degli ingredienti e alla dichiarazione nutrizionale.

Non dimenticare di tenere conto della panatura nel conteggio dei carboidrati totali del tuo pasto.

Pangrattato integrale fatto in casa e panature alternative light
  • DifficoltàBassa
  • CucinaItaliana

Preparazione

Per la preparazione del pangrattato integrale fatto in casa ti occorre del pane integrale avanzato o raffermo.

Per evitare di forzare e danneggiare le lame del tuo robot da cucina ti consiglio di utilizzare panini integrali o filoni integrali di grano tenero anziché pane integrale di grano duro.

Oltre che per la gratinatura e per le panature, il pangrattato integrale può essere utilizzato nella preparazione di frittate e di polpette, in Sicilia lo mettiamo anche sulla pasta [ammuddicata].

Come fare il pane grattugiato integrale in casa

  1. Taglia il pane integrale a cubetti grossolani.

    Distribuisci il pane integrale su una leccarda da forno su un unico strato.

    Riscalda brevemente il forno.

    Inforna a 200° C in forno ventilato per 10 minuti facendo attenzione a non bruciarlo.

    Aspetta che si freddi.

    Trita con un robot da cucina dalle lame resistenti.

  2. Il tuo pangrattato integrale è pronto.

Come conservare il pane grattugiato integrale fatto in casa

  1. Versa il pane grattugiato integrale fatto in casa in un sacchetto da freezer e riponilo in freezer.

    In freezer il pane grattugiato integrale non va incontro a muffe e si conserva a lungo inoltre non congela quindi puoi prelevarne la quantità che ti serve agevolmente e in qualsiasi momento.

Cosa si può usare al posto del pangrattato integrale?

  1. Il pangrattato integrale è in assoluto la soluzione più semplice, leggera e sana.

    In alternativa, è possibile utilizzare altri prodotti da forno integrali prestando attenzione alle etichette alimentari quindi all’elenco degli ingredienti e alla dichiarazione nutrizionale [ne parlo qui: leggere le etichette alimentari].

  2. Esempi di panature alternative light:

    • friselle integrali: si tratta di pane secco, privo di grassi e per questo differente da altri prodotti da forno quali crackers e grissini;

    • crackers integrali;

    • fette biscottate integrali;

    • grissini integrali;

    • pane in cassetta integrale.

    Trita con un mixer o utilizza batticarne e tagliere per ottenere una grana più grossolana.

Le mie panature integrali preferite

  1. Filetto di salmone panato al forno

    PANATURA A BASE DI PANGRATTATO INTEGRALE

    • q.b. pangrattato integrale;

    • 1-2 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato [opzionale];

    • 1 pizzico di sale;

    • 1 pizzico di pepe misto in grani con macinino;

    • prezzemolo tritato.

  2. Alici al forno croccanti

    E’ la panatura che uso più spesso ed è personalizzabile secondo gusto ed esigenze con l’aggiunta di:

    – aromi e spezie [per una panatura aromatizzata e/o speziata];

    – frutta secca tritata [mandorle, nocciole, pinoli, pistacchi];

    – semi oleosi [girasole, sesamo, lino, papaveri];

    ricorda che frutta secca e semi oleosi sono fonte di grassi, da consumare con moderazione senza eccedere in quantità.

  3. Gamberoni impanati con friggitrice ad aria

    E’ ideale per cotolette, gratinatura e panature [carne, pesce e verdure].

    E’ ideale per la cottura in forno, in friggitrice ad aria o su bistecchiera – grill – piastra a induzione [su carta forno].

    Risultato croccante con e senza uovo.

  4. Finto fritto misto di pesce al forno [con panatura integrale e light]

    PANATURA A BASE DI PANGRATTATO INTEGRALE E SEMOLA INTEGRALE

    • metà pangrattato integrale;

    • metà semola integrale di grano duro macinato a pietra [in alternativa farina di grano duro integrale di tipo 2];

    • 1 pizzico di sale;

    • 1 pizzico di pepe misto in grani con macinino.

    Effetto fritto misto.

  5. Filetti di merluzzo alla mugnaia senza burro e con semola integrale

    PANATURA A BASE DI SEMOLA INTEGRALE

    • q.b. semola integrale di grano duro macinato a pietra [in alternativa farina di grano duro integrale di tipo 2];

    • q.b. mix di erbe e spezie per arrosto.

    E’ ideale per preparazioni simili a la mugnaia e per le scaloppine.

    Lo strato di semola deve essere molto sottile o a causa della cottura senza olio il risultato non risulterà gradevole.

    La semola, al contrario del pangrattato, non assume una colorazione dorata; l’aggiunta e l’assorbimento di olio a crudo, dopo la cottura, farà si che imbiondisca.

Con o senza uova?

  1. … questione di:

    • gusti;

    • valori nutrizionali.

    L’uovo è una fonte proteica per cui:

    senza uova in caso di carne e pesce;

    con uova eventualmente in caso di cotolette di verdure che non saranno più un semplice contorno ma un antipasto o un secondo.

  2. Cotoletta alla palermitana
  3. Cotolette di funghi pleurotus al forno

Come faccio aderire la panatura?

  1. In funzione dell’umidità dell’ingrediente [carne, pesce e verdure] da panare la panatura aderisce più o meno senza difficoltà.

    Se l’ingrediente va lavato, asciugalo con fogli di carta assorbente da cucina prima di panarlo.

    Nel caso l’ingrediente dovesse risultare troppo asciutto, irroralo con del succo di limone prima di panarlo.

  2. L’olio va aggiunto sempre e solo a crudo, al piatto finito.

  1. Buon appetito!

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da azuccherozero

Mi chiamo Francesca e la mia mission è: prevenire o tardare l’insorgenza del diabete attraverso un’alimentazione corretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.