Crea sito

La nostra esperienza a partire dalla diagnosi di prediabete

La nostra esperienza a partire dalla diagnosi di prediabete
Voglio raccontarvi la nostra giornata di ieri: un primo maggio diverso, ricco di importanti spunti e di condivisione.
La nostra esperienza a partire dalla diagnosi di prediabete
Ho partecipato insieme al mio compagno ad una sorta di incontro sperimentale organizzato dal G.A.S. [gruppo di acquisto solidale] Mazzarelli.
Dopo il raduno e la partenza, la giornata è proseguita con un’interessante discussione sull’alimentazione nel corso della quale ho avuto la possibilità di condividere con gli altri partecipanti la nostra esperienza a partire dalla diagnosi di prediabete del mio compagno, in cucina e a tavola.

Esperienza iniziata a settembre dello scorso anno quando al mio compagno è stata diagnosticata una predisposizione al diabete.
Ci siamo ritrovati quindi con uno schema alimentare, delle sostituzioni e degli accorgimenti da seguire prima in cucina poi a tavola.
Con grande soddisfazione posso dire che in soli 3 mesi di dieta il valore dell’emoglobina glicata [che è una media della glicemia degli ultimi 3 mesi] è rientrato quindi proseguiamo per questa strada.
Si tratta essenzialmente di seguire una dieta ipocalorica [per dieta ipocalorica si intende un regime alimentare che prevede un apporto di calorie/energia quotidiano inferiore a quello richiesto dall’organismo nell’arco della giornata].
→ questo perché il dimagrimento è una delle condizioni necessarie all’abbassamento dell’emoglobina glicata [dimagrimento che in linea di massima deve corrispondere al 10% del peso corporeo, il mio compagno ha perso circa 8 chili e successivamente le quantità dei carboidrati sono state riviste e aumentate; il peso si è stabilizzato].
Abbiamo discusso dell’importanza di acquisire abitudini corrette in cucina e a tavola, di pasto bilanciato e piatto unico e ci siamo scambiati dubbi e domande.
Tutto quello di cui ho parlato è contenuto nel mio blog: a zucchero zero sulla piattaforma Giallo Zafferano insieme a tante ricette cucinate nel rispetto di quanto visto insieme.

Successivamente il Professore Giuseppe Terranova ha proseguito la discussione spiegando l’importanza dell’alimentazione e dello svolgimento di attività fisica nella prevenzione delle malattie, l’influenza dell’ambiente e come spesso una cattiva gestione del tempo ci porti a trascurare aspetti fondamentali per la nostra salute.

… questi e altri importanti spunti di riflessione cui seguiranno ulteriori incontri di approfondimento e in cui, perché no, mi piacerebbe coinvolgervi.
Nel corso della giornata ho cercato di portare gli altri ospiti nel nostro mondo “a zucchero zero” spiegando la preparazione di due ricette che successivamente abbiamo degustato insieme:

Unanime la decisione di inaugurare il pasto con ricche insalate a voler seguire il consiglio di iniziare il pasto con un’abbondante porzione di verdure crude o cotte.

Dopo il pranzo, l’esperienza è proseguita con una fantastica passeggiata ecologica immersa tra gli alberi, tra sentieri e ponti sul fiume durante la quale non sono mancati incontri con cavalli, asini e vacche.

Ma quello che in assoluto mi ha reso più felice è stata la possibilità di condividere la nostra esperienza e la mia cucina con gli altri e notarne interesse.
Assolutamente da rifare!

Pubblicato da azuccherozero

Mi chiamo Francesca e la mia mission è: prevenire o tardare l’insorgenza del diabete attraverso un’alimentazione corretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.