Crea sito

Finte frittelle di San Martino [cotte al forno]

Finte frittelle di San Martino cotte al forno

Ci siamo, novembre in Sicilia è il mese delle frittelle di San Martino: guardandomi bene dal friggere ho preparato delle finte frittelle di San Martino dette finte in quanto cotte al forno.

L’assaggiatore ufficiale ha apprezzato moltissimo ed è partito per l’ufficio con un vassoio carico per la merenda con i colleghi.

L’impasto tradizionale, quello che prepara anche la mia mamma, è a base di semola di grano duro, acqua e lievito di birra; si aspetta lieviti per qualche ora, poi con l’aiuto di un cucchiaio si prelevano dei bocconcini e si tuffano nell’olio caldo.
Qualcuno aggiunge all’impasto del latte, qualcun altro le patate così capita di assaggiare frittelle più croccanti e frittelle più morbide… io adoro quelle che prepara la mia mamma: croccanti fuori e morbide dentro.

Sempre per tradizione, vengono aggiunti all’impasto semi di finocchio e uva passa.
Poi ci sono numerose varianti: alle gocce di cioccolato, alle mele, alle noci e chi più ne ha più ne metta.

Per ottenere delle frittelle morbide, che non somigliassero a dei biscotti secchi, ho preparato il mio impasto a base di ricotta vaccina, lavorata con zucchero di cocco integrale, e farina di tritordeum [un nuovo cereale nato dall’incrocio naturale tra grano duro e orzo selvatico] che sembra dare ottime rispondenze glicemiche.
→ In molti mi avete chiesto dove trovare la farina di tritordeum: prima riuscivo a reperirla presso l’Ipercoop [Farina di tritordeum – Selezione Casillo] adesso la acquisto on line [Farina di tritordeum – Uniqua verde].
Semola integrale e farine integrali: quali utilizzo nei miei impasti e come sostituirle.

Anziché il lievito di birra ho utilizzato il lievito in polvere per dolci, riducendo di gran lunga i tempi di preparazione.
Ho aggiunto i semi di finocchietto ma ho evitato l’uva passa, non adatta in caso di iperglicemia, sostituendola con delle gocce di cioccolato fondente.

… via in forno: morbide e golose!

Le frittelle di San Martino tradizionali sono avvolte in abbondante zucchero semolato, io ho aggiunto una spolverata di cannella e di zucchero a velo.

Se ti piacciono puoi gustarle tutto l’anno, noi non aspettiamo mica sempre San Martino!

Carnevale, ad esempio, è un’altra buona occasione per prepararle.

Concludo con un aneddoto personale: galeotte furono le frittelle!
Il nostro anniversario di fidanzamento cade il 12 novembre: quella sera ci si mise insieme proprio dopo una scorpacciata di frittelle consumate in piazza insieme al nostro gruppo di camminatori, quando lo zucchero non era ancora un incubo.

Finte frittelle di San Martino cotte al forno
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni24 finte frittelle
  • Metodo di cotturaForno elettrico
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 400 gRicotta vaccina
  • 20 gZucchero di cocco integrale
  • 200 gFarina di tritordeum
  • 1 bustinaLievito in polvere per dolci (16 g)
  • q.b.Semi di finocchio
  • 4 cucchiaiGocce di cioccolato fondente
  • 1 pizzicoCannella in polvere
  • 1 pizzicoZucchero a velo

Strumenti

  • Sbattitore con fruste elettriche

Preparazione

  1. In una ciotola capiente versa la ricotta e lo zucchero di cocco integrale setacciato.

  2. Frulla e lavora la ricotta insieme allo zucchero.

  3. Setaccia nella ciotola con la ricotta lavorata la farina di tritordeum e il lievito in polvere.

  4. Aggiungi una manciata di semi di finocchio [quantità secondo gusto].

  5. Inizia ad amalgamare l’impasto con una spatola in silicone.

  6. Prosegui ad impastare con le mani in modo che ricotta e farina si amalgamino per bene.

  7. Il risultato è un impasto appiccicoso ma elastico, decisamente non quasi liquido come l’impasto tradizionale.

  8. Aggiungi le gocce di cioccolato e incorporale delicatamente all’interno dell’intero impasto.

  9. Fodera una teglia da forno con un foglio di carta forno.

  10. Preleva delle palline e sistemale sopra la carta forno.

  11. Set 5 cucchiai dosatori Tiger

    Io ho utilizzato un misurino da 15 ml per prelevare l’impasto e un cucchiaino per staccarlo: ho ottenuto circa 24 finte frittelle; se non disponi del misurino puoi utilizzare un cucchiaio e un cucchiaino.

    Nel prelevare l’impasto non arrotondarlo e non affinarlo troppo, le finte frittelle devono essere grezze e informi proprio come le frittelle tradizionali.

  12. Finte frittelle di San Martino cotte al forno

    Riscalda brevemente il forno.

  13. Inforna a 160° per 40 minuti circa in forno ventilato fino ad ottenere una colorazione dorata e uniforme.

  14. Aggiungi una spolverata di cannella e di zucchero a velo in superficie.

  15. Le tue finte frittelle di San Martino [cotte al forno] sono pronte.

    Buon appetito!

Note

Se senti la necessità di sgarrare fallo ma con intelligenza, e ricorda che deve trattarsi di un’eccezione: se, ad esempio, senti il desiderio di consumare un dolce fallo alla fine di un pasto completo, ricco di verdure e fibre, la domenica a pranzo.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da azuccherozero

Mi chiamo Francesca e la mia mission è: prevenire o tardare l’insorgenza del diabete attraverso un’alimentazione corretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.