Cereali e prodotti derivati dei cereali, come scegliere in caso di iperglicemia

Cereali e prodotti derivati dei cereali, come scegliere in caso di iperglicemia

Immagina di trovarti al supermercato e di dover acquistare cereali e prodotti derivati dei cereali: farina, pane, prodotti da forno dolci e salati, pasta, cereali pronti per la colazione.

Una delle domande più frequenti, dopo l’acquisto, è se in caso di iperglicemia, prediabete e diabete di tipo 2 il cereale o il prodotto derivato da esso può essere consumato.

Sarebbe opportuno conoscere la risposta prima dell’acquisto, al fine di sapersi districare tra le varie offerte.

Cereali e prodotti derivati dei cereali, come scegliere in caso di iperglicemia

Iniziamo dall’inizio: i CEREALI, non tutti, quelli che solitamente acquisto o evito di acquistare e perché

Premessa: l’argomento è vasto, non sono qui a scrivere un trattato di botanica ma ad annotare qualche informazione che ci aiuterà a districarci nell’acquisto e nel consumo dei cereali e dei prodotti derivati dei cereali.

I “frutti” dei cereali sono le cariossidi [o chicchi]; struttura:

  • [strato esterno] crusca ricca di fibre;
  • [strato interno] endosperma ricco di amidi;
  • germe.

Con la raffinazione alcuni strati e vari componenti della cariosside vengono eliminati.

Per questo motivo scegli cereali integrali ed evita cereali raffinati.

Le farine

Le farine sono il risultato della separazione dei vari componenti della cariosside, più il prodotto è raffinato più risulta impoverito: ad esempio, nelle farine di frumento di tipo 0 e 00 la crusca [ricca di fibre] e il germe vengono totalmente eliminati mantenendo il solo endosperma [ricco di amidi].

Per quanto riguarda le farine → Semola e farine integrali: quali utilizzo nei miei impasti.

Utilizza farine integrali.

Cereali mondati, decorticati, perlati… che significa e quali compro?

Ho comprato il farro, posso mangiarlo?

Ho comprato l’orzo, posso mangiarlo?

FARRO e ORZO:

  • mondato: cariossidi in forma integrale;
  • decorticato: viene sottoposto ad una decorticazione durante la quale vengono eliminate alcune parti esterne, una via di mezzo tra integrale e non integrale;
  • perlato: cariossidi in forma non integrale private della crusca, sbiancate e lucidate.

Cambiano, naturalmente, i tempi di ammollo: lunghi per i cereali integrali, ridotti per i cereali decorticati, nulli per i cereali perlati.

Scegli orzo e farro mondati o decorticati ed evita orzo e farro perlati il cui indice glicemico è notevolmente più alto.

Avena

L’AVENA ha un potere calorico assai elevato e in cottura [porridge o pappa d’avena] subisce un innalzamento dell’indice glicemico, per lo stesso motivo evita di utilizzarne la farina.

Utilizza i fiocchi d’avena a freddo, versandoli nel latte freddo o nello yogurt.

La crusca d’avena, naturalmente ricca di fibre, può essere utilizzata sia a freddo sia a caldo.

Personalmente non utilizzo avena e derivati.

Miglio e mais

MIGLIO e MAIS in chicchi sono paragonabili, hanno indice glicemico medio alto e la cariosside è ricca di amido.

  • se hai voglia di mais nell’insalata e acquisti quello in scatola controlla che la confezione non contenga zucchero e in ogni caso consumane pochi chicchi;
  • i pop corn hanno indice glicemico alto, se cedi consumane pochi chicchi;
  • se hai voglia di polenta utilizza rigorosamente farina per polenta integrale.

Personalmente non utilizzo miglio e mais mentre raramente preparo la polenta integrale.

Riso

Per quanto riguarda il RISO → Riso e indice glicemico, quale scegliere?

 

Cereali pronti per la colazione

Per quanto riguarda i CEREALI PRONTI PER LA COLAZIONE [classici, corn flakes, muesli cioè miscele di fiocchi di cereali e frutta secca, barrette] controlla i cereali presenti prima di acquistarli ed evita quelli a base di chicchi raffinati e zuccherati che causano picchi di glicemia [gli ingredienti sono riportati sulla confezione in ordine decrescente].

I processi di fioccatura e di soffiatura determinano un aumento dell’indice glicemico.

Mix di farine, pane e pasta ai cereali

In caso di mix di farine, pane e pasta ai cereali controlla i cereali presenti prima di acquistarli ed evita di acquistare quelli contenenti farina d’avena, farina di mais e farina di riso.


Regole generali:

  • scegli cereali integrali ed evita cereali raffinati;
  • utilizza farine integrali;
  • impara la differenza tra mondato, decorticato e perlato;
  • la cottura innalza l’indice glicemico;
  • alcuni processi di lavorazione innalzano l’indice glicemico;
  • per cereali e prodotti derivati dei cereali controlla che non contengano zucchero;
  • evita di acquistare mix di farine, pane e pasta ai cereali contenenti farina d’avena, farina di mais e farina di riso.

Pubblicato da azuccherozero

Mi chiamo Francesca e la mia mission è: prevenire o tardare l’insorgenza del diabete attraverso un’alimentazione corretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.