Pasta con pesto alla genovese

Il pesto alla genovese è uno dei miei condimenti preferiti in assoluto: delicato, profumato…non si può non associarlo all’estate, la stagione in cui il basilico è al massimo dello splendore, ma il suo sapore sta bene anche nei piatti più invernali.

Il massimo, naturalmente, è preparare il pesto da soli: non c’è paragone con quello del supermercato, ve lo assicuro.

Non è difficile, bisogna solo armarsi di pazienza e lavare il basilico foglia per foglia ed aspettare che asciughi, ma poi è questione di minuti (se avete il Bimby, di secondi). Io l’ho usato per condire degli ottimi spaghetti, ma le possibilità culinarie del pesto sono praticamente infinite (sulla pizza, nel minestrone o nel brodo vegetale, ecc.).

Se volete, potete prepararne un po’ di più e congelarlo (io uso i bicchierini di plastica da caffè, ricoperti con la stagnola): in questo caso, ricordatevi di non mettere il parmigiano (in freezer si altera un po’ il sapore), che aggiungerete alla fine nel piatto prima di servire.

Pasta con pesto alla genovese

pesto alla genovese

Ingredienti per 6 persone:

  • 80 grammi di foglie di basilico (naturalmente, quello ligure, con le foglie piccole);
  • 50 grammi di parmigiano a tocchetti;
  • 30 grammi di pecorino a tocchetti;
  • 40 grammi di pinoli;
  • sale q.b.;
  • uno spicchio d’aglio;
  • 170 grammi di olio extravergine di oliva (dal gusto delicato, quello ligure* andrà benissimo);
  • 420 grammi di spaghetti.

Lavate le foglie di basilico sotto l’acqua corrente, senza sciuparle (i lignoli interni devono restare intatti), e ponetele ad asciugare all’aria su un canovaccio (o un foglio di carta casa): mi raccomando, non stropicciatele.

Se seguite il metodo tradizionale, quando saranno asciutte, mettete le foglie di basilico, il parmigiano, il pecorino, lo spicchio d’aglio e i pinoli in un mixer (io uso questo*): fatelo andare a piccoli tocchi, perchè le lame non devono surriscaldarsi, mentre il composto dovrà risultare in piccole parti, ma non cremoso. Aggiungete l’olio ed il sale e date qualche altro colpo alle lame del mixer, fino ad ottenere un composto cremoso.

Se usate il Bimby, la preparazione è davvero lampo: mettete nel boccale le foglie di basilico, il parmigiano, il pecorino, lo spicchio d’aglio e i pinoli e avviate il Bimby per 20 secondi a velocità 7. Aggiungete l’olio ed il sale ed emulsionate per 20 secondi a velocità 4.

Mettete a bollire l’acqua per la pasta, quando bolle salatela e versatevi i fusilli (se volete, potete aggiungere dei tocchetti di patate e dei fagiolini nell’acqua di cottura). Scolateli al dente ed uniteli al condimento…sentirete che differenza!

Se vi piacciono le mie ricette, vi aspetto su FacebookInstagramTwitter e Pinterest!

*Post in collaborazione con Amazon.

2 Risposte a “Pasta con pesto alla genovese”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.