Brioche col tuppo (ricetta siciliana)

La brioche col tuppo (anzi, mi perdonino gli amici siciliani: la brioscia col tuppo) è una vera istituzione della cucina sicula!

Chi ha avuto come me la fortuna di visitare questa splendida regione avrà avuto modo di assaggiarla in accostamento ad un’altra delizia locale, la granita alla mandorla…uno spettacolo!

Devo però confessare che questa brioche è buonissima anche se gustata insieme ad un altro grande classico, il gelato, e anche tutta sola soletta!

Insomma, non avete ragioni per non provarla: io mi sono ispirata alla ricetta del Cavoletto di Bruxelles, ma mi sono giocata il jolly del mio lievito madre!

Se volete provare anche voi questa ricetta, seguitemi in cucina e prepariamo insieme la brioche col tuppo!

Brioche col tuppo

brioche col tuppo
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    18 minuti
  • Porzioni:
    8 brioche
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Farina 00 250 g
  • Farina Manitoba 250 g
  • Lievito madre (rinfrescato) 100 g
  • Zucchero 80 g
  • Uova 3
  • Burro 90 g
  • Latte 120 ml
  • Sale 1 pizzico
  • Tuorli (per spennellare) 1

Preparazione

La preparazione con il metodo tradizionale

  1. Intiepidite il latte, anche nel microonde (30 secondi a 500 W).

  2. Mettete in una ciotola 100 ml di latte e il lievito madre e, aiutandovi con le mani, sciogliete completamente il lievito.

  3. Aggiungete le uova e lo zucchero e mescolate con una forchetta.

  4. Unite poco per volta le due farine e impastate, prima con la forchetta, poi con le mani: se l’impasto dovesse risultare troppo compatto, aggiungete il restante latte.

  5. Quando avrete completato l’impasto aggiungete il burro a pezzetti, poco per volta, continuando ad impastare, e poi il sale.

La preparazione con il Bimby

  1. Mettete 100 ml di latte nel boccale e scaldatelo per 30 secondi a 100 gradi, velocità 1.

  2. Aggiungete il lievito e scioglietelo nel latte, mescolando per 30 secondi a velocità 3.

  3. Unite le uova e lo zucchero e mescolate per 45 secondi a velocità 4.

  4. Aggiungete le due farine e impastate per 3 minuti a velocità Spiga: quando l’impasto vi sembra compattato, aggiungete dal foro del coperchio il burro a pezzetti e il sale.

  5. Se l’impasto vi sembra troppo compatto, aggiungete il latte che vi è avanzato e impastate ancora per un minuto a velocità Spiga.

La lievitazione e la cottura

  1. Mettete l’impasto in una ciotola leggermente imburrata, copritelo con la pellicola e fatelo lievitare nel forno spento con la luce accesa fino al raddoppio (il mio ha lievitato circa 8 ore).

  2. Trascorso il tempo di lievitazione, dividete l’impasto in 10 pezzi uguali.

  3. Date ai primi 8 una forma tondeggiante e poneteli su una teglia ricoperta di carta da forno.

  4. Da ciascuno degli altri due ricavate 4 palline più piccole che metterete sopra le brioche per formare il caratteristico tuppo.

  5. Coprite la teglia con la pellicola e fate lievitare le brioche per circa mezz’ora nel forno spento con la luce accesa.

  6. Trascorso questo ulteriore tempo di lievitazione, spennellate le vostre brioche con il tuorlo d’uovo e accendete il forno a 180 gradi in modalità statica.

  7. Cuocete le brioche col tuppo per circa 18 minuti nel forno caldo.

  8. Le brioche si conservano per un paio di giorni in una tortiera chiusa: prima di gustarle, scaldatele leggermente nel microonde (io di solito le passo per 30 secondi a 750 W) e saranno perfette come appena sfornate!

Note

Vi lascio qualche altra ricetta per preparare golose brioche per la colazione: Pan brioche al doppio cioccolatoBrioches con mela e Nutella e La Brioche di Julia Child!

Se vi piacciono le mie ricette, vi aspetto su FacebookInstagramTwitter e Pinterest!

Ricette di blog amici:

Pasta brioche ricetta base del blog Cucina Casareccia

Rotolo di brioche farcito del blog Lo Scrigno del Buongusto

Muffin con mascarpone del blog Giovanna in Cucina

Precedente Olio Sagra Bassa Acidità: un amico in cucina! Successivo Brioche panna e limone (ricetta dolce)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.