Crea sito

Pecorella salata

Quando mi colpiscono le ricette sul web, in tv o sulle riviste, provo subito a farle e questa pecorella salata, è una di quelle preparazioni che mi divertiva provare, soprattutto perchè la sua forma, era ideale per il periodo di Pasqua.

Ricordo nonna che preparava per Pasqua a tutti i suoi nipotini la “palomm cu l’ov” cioè la colombina con l’uovo, chiamata anche “cuddura cu l’ova”. Quando non si disponeva di tanti ingredienti, nascevano ricette semplici ma dal profumo persistente che ancora oggi, se provi a chiudere gli occhi, riesci a sentir nell’aria. Un dolcetto fatto con l’impasto dei biscotti da inzuppo a forma di colombina con al centro un uovo sodo.

Ho provato a fare una versione 2.0 della “palomma” pugliese, anche se l’impasto è moooooooolto diverso da quello di nonna, e dedico a lei questo pensiero perchè quello che mi rimane è solo una scatolina di plastica con le sue ricette scritte in modo incomprensibile ma cariche di tanto Amore e che, forse un giorno, proverò a fare. Per ora mi diletto ad eseguire e modificare ricette prese qui e lì dedicandole un pensiero.

Ora torno nuovamente in me e vi dico di allacciare i grembiulini e prendere la farinaaaaaa… AH!!!!!!! ovviamente la 00 e la 0 la lasciamo sullo scaffale giusto? susu tutti in cucinaaaaa!!!

Pecorella salata

Pecorella salata

 

Ingredienti per una pecorella salata:

  • 250gr di farina tipo 1, meglio se Tipo2 ,
  • 1/2 cucchiaino di zucchero,
  • 1 cucchiaino di sale,
  • 20gr di burro,
  • 1 uovo,
  • 100ml di latte,
  • 4 gr di lievito di birra fresco,
  • semi di papavero, di lino, di sesamo e blabla 😀

 Per il ripieno della pecorella salata:

– giocare con la fantasia

Procedimento della pecorella salata:

Impastiamo e formiamo una palla che mettiamo in una ciotola coperta con pellicola a lievitare fino al raddoppio.

Infariniamo il piano da lavoro e capovolgiamo l’impasto. Con i 2/3 dell’impasto ricaviamo delle palline più o meno uguali, le tiriamo a linguette con il mattarello e farciamo come più ci piace (io ho usato speck, provola e pancetta affumicata). Chiudiamo a mezzaluna ed arrotoliamo su se stessa quasi come un fiore. Le roselline ottenute le disponiamo come fossero il corpo della pecorella, con 1/3 dell’impasto tenuto da parte facciamo la testa, le orecchie e le zampette. Facciamo ri-lievitare fino a raddoppio poi spennelliamo la pecorella salata con latte ed olio, un pò di semi di sesamo o quel che abbiamo scelto solo sulle roselline ed inforniamo a 180° fino a doratura 😉

P.S. Giochiamo con la fantasia e creiamo tante forme 😉

Seguici anche su:

Stesso impasto ma a forma di fiore

pecorella salata

Una risposta a “Pecorella salata”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *