Crea sito

INSALATA DI POLPO e PATATE con la Crock Pot – Slow Cooker

Finalmente un polpo morbido che si scioglie in bocca senza dover ricorrere a strani trucchetti tipo: tappi di sughero dentro l’acqua, tuffarlo tre volte prima di immergerlo completamente, surgelare il polpo prima di cuocerlo e via dicendo!
 
Uno dei miei piatti preferiti è l’insalata di polpo con patate, un antipasto classico ma che in porzioni più abbondante è anche un ottimo piatto unico ma non è sempre facile ottenere una carne morbida.
 
Mio padre quando ero bambina li pescava con la fiocina e sosteneva addirittura che per ammorbidirlo bisognasse sbatterli su uno scoglio!
 
Ma bando alle leggende metropolitane da quando ho la crock pot non devo più preoccuparmi.
 
Basta inserire nella pentola tutti gli ingredienti, aspettare che termini il tempo di cottura ed il risultato sarà al di sopra delle vostre aspettative!!!!
 
 
INSALATA DI POLPO e PATATE con la SLOW COOKER

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura4 Ore
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti per polpo e patate

  • 1 kgPolpo
  • 800 gPatate

per il condimento

  • 3 cucchiaiOlio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaioSucco di limone
  • 10Olive taggiasche
  • 1 ciuffoPrezzemolo (tritato)
  • q.b.Sale
  • 1 pizzicoPepe (facoltativo)

insalata di polpo e patate con la slow cooker

pulitura polpo

  1. Se avete acquistato un polpo fresco la prima cosa da fare, se non lo ha già fatto il pescivendolo, è pulirlo.

     

    Privare il polpo della sacca che si trova nella testa, eliminare gli occhi con la punta di un coltello e così pure il dente centrale che si trova nella testa.

     

    Sciacquate bene sotto l’acqua corrente.

     

    Se invece avete acquistato il polpo surgelato ovviamente potete saltare tutti i passaggi precedenti, l’unica cosa che dovrete fare è scongelarlo.

Cottura polpo e patate

  1. Ungete leggermente la pentola della vostra slow cooker (basterà un cucchiaio di olio) e disponetevi all’interno il polpo.

     

    Io preferisco cuocere le patate a parte nella pentola a pressione (5 minuti) o in una pentola normale perché non mi piace che vengano “contaminate” dall’acqua che si forma dal polpo in cottura, e poi almeno rimangono belle bianche.

     

    Per insapore ulteriormente il polpo potete mettere qualche oliva taggiasca e foglia di alloro, ma non sono obbligatorie.

     

    Non aggiungete assolutamente alcun liquido!

     

    Accendete la slow cooker in modalità HIGH ed impostate il tempo su 4 ore.

  2. Nel frattempo cuocete le patate (nella pentola a pressione o in quella normale o nel microonde).

     

    Terminata la cottura del polpo aprite il coperchio della pentola e lasciatelo raffreddare nella sua acqua.

     

    Una volta raffreddato estraetelo dalla pentola. Di solito si forma un leggero strato gelatinoso sopra, io per eliminare il problema lo sciacquo velocemente sotto l’acqua tiepida.

     

    Nel frattempo si saranno cotte anche le patate, sbucciatele e riducetele a pezzetti di circa 2 o 3 cm, fate lo stesso con il polpo.

Condimento e finitura piatto

  1. A parte in una ciotola preparate un’emulsione con olio, succo di limone, prezzemolo tritato, sale e pepe.

     

    Trasferite il polpo e le patate in una insalatiera e condite con l’emulsione.

     

    Terminate aggiungendo qualche oliva taggiasca denocciolata e tagliata a pezzetti.

     

    Servite l’insalata di polpo tiepida o a temperatura ambiente

CONSIGLI:

Potete aggiungere in cottura mezzo bicchiere di vino bianco, qualche pomodorino tagliato a pezzetti ed uno spicchio di aglio per un sapore più intenso.

COTTURA A BASSA TEMPERATURA

Se vuoi avere più informazioni sulla cottura a bassa temperatura leggi anche questo articolo https://blog.giallozafferano.it/atavolacontea/cottura-a-bassa-temperatura-slow-cooker-vantaggi-e-svantaggi/

 A TAVOLA CON TEA SU INSTAGRAM

 Segui il mio profilo instagram al seguente link https://www.instagram.com/atavolacontea_/?hl=it

 

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.