Crea sito

SARDE IN SAOR Ricetta secondo piatto di pesce

 Le sarde in saor (sapore in dialetto veneto)è un piatto semplice e povero che pare risalire al 1300.  E’ una preparazione che conserva il pesce nell’aceto per esaltarne il gusto e la bontà. Il piatto deve riposare obbligatoriamente almeno un paio di giorni per acquistare ancor più sapore e se desiderate avere maggiori informazioni, vi segnalo questo sito http://www.veneziaeventi.com/ che tra le tante spiegazioni, racconta di questo piatto nel tempo in quel di Venezia. Io ho aggiunto anche pinoli e uvetta per render queste sarde ancor pìù particolari… Occorre aggiungere che Andrea ha sdegnosamente rifiutato di assaggiare e…. mi ha fatto solo un piacere eh eh ! Buonissimo per me ….

SARDE IN SAOR Ricetta secondo piatto di pesce

INGREDIENTI

  • 500 g di  sarde già pulite e aperte a libro,
  • farina.

PER IL SAOR

  • 3 cipolle bianche di grandezza media(circa 600/650 g),
  • 180 g  di aceto di vino bianco,
  • 1 cucchiaio di zucchero,
  • 50 g di pinoli,
  • 50 g di uvetta,
  • olio extravergine d’oliva q.b.,
  • sale e pepe.

 

le sarde in saor La cucina di ASI 2015 Annalisa Altini

SARDE IN SAOR 

PREPARAZIONE

Friggete in olio caldo le sarde appena infarinate e scolatele dall’unto in eccesso sulla carta apposita.

Preparate il saor tagliando a fettine sottili le cipolle e stufandole a fuoco basso con 2 cucchiai di olio evo.

Continuate la cottura per una ventina di minuti poi versate l’aceto e lo zucchero.

Unite anche pinoli e uvetta e dopo una veloce mescolata, salate la preparazione e  spegnete il fuoco.

Prendete ora una terrina e fate un primo strato con le sarde fritte poi mettete un poco del  saor poi di nuovo pesce e cipolle. 

Non avevo l’alloro ma ci sta a meraviglia quest’erba aromatica…

Tenete in frigorifero per almeno un giorno prima di mangiare questo delizioso piatto di origine veneta.

Buonissima giornata ciaooo ^_^

LE SArde in saor de La cucina di ASI ©2015

4 Risposte a “SARDE IN SAOR Ricetta secondo piatto di pesce”

    1. E non sai che ti perdi cara e preziosa amica blogger! Un abbraccio e buon fine settimana a te !

  1. Io sono nata a Venezia e ti faccio i miei complimenti per aver preparato
    questa ricetta che amo molto. Tra l’altro, la variante con pinoli e uvetta è
    diventata un must a Venezia e spessissimo le trovi preparate così, anche
    al ristorante! Ciao

I commenti sono chiusi.