DOLCE DI SAN MARTINO

Sono molte le tradizioni legate alla religione ed anche in cucina sono tante, anzi tantissime le ricette che portano il nome di un santo o di una particolare festività.  Il dolce di San Martino è un biscotto di pasta frolla che viene preparato per l’11 novembre, ha la forma di un cavaliere a cavallo con la spada sguainata ed è decorato con glasse varie, codette di zucchero, confettini e altro.

Tra tutti i santi occorre precisare che Martino si può definire un beato davvero poliedrico!!!

La tradizione di festeggiare San Martino risale a molti anni fa, alla fondazione della chiesa dedicata a questo santo a Venezia nel 1540. E’ una festa per i bambini, una sorta di Halloween perchè i bambini girano per la città sbattendo oggetti vari e chiedendo ai passanti ed ai negozianti, piccoli doni e dolcetti o qualche monetina.

La figura del cavaliere a cavallo del dolce ricorda  la leggenda di San Martino, che narra che in un giorno freddo e piovoso un 11 novembre di tanti anni fa mentre era a cavallo, si era imbattuto in un povero mendicante, coperto di stracci e infreddolito. San Martino vorrebbe aiutare questo poveretto ma non ha denaro nè una coperta da regalargli e quindi con la spada, taglia a metà il suo mantello e ne dona una parte al pover’uomo.

Di lì a poco, il tempo cambia come per miracolo, torna il sole e ..così nasce l’estate di San Martino che indica giorni tiepidi, soleggiati e molto miti come quelli che quasi ogni anno viviamo nei primi giorni del mese di novembre anche noi…a volte!

In alcuni paesi dell’Europa e alcune province italiane è altra  tradizione per il giorno di San Martino cioè l’11 del mese di novembre, anche fare delle processioni con delle lanterne magari fatte dai bambini con le loro mani. Questa leggenda ha origini francesi ( precisamente dalla città di Tours a cui sono legate le origine del santo) racconta che il santo divenuto cristiano e dopo aver rinunciato a diventare vescovo, decise di nascondersi in una  fattoria con tantissime oche.

I fedeli che erano alla sua ricerca iniziarono a cercarlo con delle lanterne che impaurirono gli animali che iniziarono a starnazzare facendolo ritrovare dal gruppo dei suoi seguaci. Da allora quindi  per punizione, i pasti dell’11 novembre hanno come piatto principale l’oca arrostita.

La lanterna che nella tradizione simboleggia il calore dell’estate invita a tenerne una accesa per augurare la buonanotte  fino alla notte di Natale.

Legata a questa particolare usanza e ritornando ai cibi esiste la tradizione di mangiare l’oca in questi giorni. In Veneto ad esempio esiste questo proverbio ” chi no magna l’oca a San Martin nol fa el beco de un quatrin” (chi non mangia l’oca a San Martino non fa un becco di un quattrino). Questa usanza riguarda non solo i paesi del Veneto ma anche quelli della Pianura Padana e le nazioni delle Svezia e della Danimarca.

In Lombardia si prepara il bottaggio( o cassoeula) preparata sia con la carne di maiale che con l’oca. ed anche un altro piatto l’oca con le verze ma anche con le mele!

In Molise si prepara la Pizza di San Martino semplicissima con parmigiano reggiano.

A Perugia si cucina il Pan caciato con pecorino, noci, uvetta e strutto.

A Poznan in Polonia si preparano i Cornetti polacchi di San Martino, con semi di papavero, uva passa e frutta candita.

 

Personalmente non sapendo bene da che parte trovare un’oca ho optato ben felicemente ad una molto semplice e deliziosa  ricetta dolce …il dolce di San Martino!

P.S. Sul web trovate tante sagome da salvare e ritagliare se come me siete negate per il disegno a mano libera!

Dolce di San Martino
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    10 + riposo minuti
  • Cottura:
    15/20 minuti
  • Porzioni:
    per 2 dolci
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • 280 g Farina
  • 1 uovo
  • 1 tuorlo
  • 120 g Burro (freddo)
  • 80 g Zucchero a velo (+ altra per la ghiaccia reale)
  • q.b. acqua
  • q.b. codette, zuccherini etc

Preparazione

    1. Nel mixer mettete la farina setacciata il burro freddo a dadini, l’uovo intero ed il tuorlo.
    2. Azionate la macchina ed aggiungete anche 80 grammi di zucchero a velo e lavorate per avere un composto sabbiato tipo quello della pasta frolla.
    3. Estraetelo dal mixer versatelo in un piano e compattatelo amalgamando il tutto.
    4. Fatene un panetto e lasciatelo in frigorifero per un paio d’ore almeno.
    5. Ritagliate o disegnate voi stessi il cavaliere a cavallo e tenete il disegno  a disposizione.
    6. Trascorso il tempo con l’aiuto del mattarello stendete la pasta frolla ad uno spessore  di quasi 1 centimetro.
    7. Con un coltellino affilato disegnate la sagoma del cavaliere.
    8. Infornate il dolce di San Martino a 180°C fino a vedere una doratura delicata circa 15/20 minuti.
    9. Ora divertitevi magari con i vostri bimbi o nipotini a decorare il dolce di San Martino preparando innanzitutto la ghiaccia.
    10. Mettete in un bicchiere 1 cucchiaio di acqua e aggiungete tanto zucchero a velo fino ad avere un composto non troppo liquido.
    11. Se preferite usare il cioccolato scioglietelo a bagnomaria oppure usate direttamente una crema di cioccolato e nocciole.
    12. Versate il vostro liquido preferito in una sac à poche e sbizzarritevi aggiungendo codette, zuccherini e tutto quello che vi piace di più!
    13. Buon appetito con il dolce di San Martino!

    P.S. Se avanza pasta frolla surgelatela per i prossimi biscottini o crostatine.

Consigli e note

Per altre ricette legate a santi e/o tradizione religiose ti consiglio la torta di Santiago città legata al famoso pellegrinaggio di Santiago de Compostela e la Cuccìa di Santa Lucia  che si festeggia il giorno 13 del mese di dicembre e se ti piacciono usi e tradizioni italiane ti consiglio un bel libro e cioè Santa pietanza di Lydia Capasso e Giovanna Esposito Tradizioni e ricette dei santi e delle loro feste Editore Guido Tommasi Editore 270 pagine € 16 dal quale ho tratto alcune notizie per questo articolo …

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Vi piacciono le mie ricette? Allora seguitemi sul vostro social network preferito!   Mi trovate su INSTAGRAM   PINTEREST   GOOGLE +    YOU TUBE    TWITTER  e sulla pagina del blog su  pagina Facebook per non perdere nessuna ricetta o speciale  e commentare con me le varie preparazioni!!!

Copyright © 2017 Annalisa Altini, Tutti i diritti riservati

FONTE PER LE NOTIZIE STORICHE http://lastoriaviva.it/san-martino — https://www.ilgiornaledelcibo.it/festa-di-san-martino-mangiare-oca/ – https://www.pianetamamma.it/il-bambino/giocare-e-crescere/san-martino-dolci-e-poesie-per-festeggiare.html

Precedente FROLLINI CROCCANTI AL CAFFE' Successivo FOCACCIA LOCATELLI

2 commenti su “DOLCE DI SAN MARTINO

Lascia un commento