Risotto pompelmo e gamberi

Il risotto è un piatto che ben si sposa con la stagione fredda che avanza (anche se qui a Roma sembra più primavera che autunno) e l’abbinamento con agrumi e frutti di mare è sempre un bel sodalizio, soddisfacente agli occhi ed al palato.

Preparo spesso, in primavera/estate soprattutto, il classico risotto limone e gamberi ma stavolta ho voluto sostituire il primo ingrediente con un altro agrume, forse forte dell’assonanza di colori tra il pompelmo rosé ed il color corallo dei gamberi; il risultato è come al solito assicurato come eccellente, ed a mio avviso leggermente meno mainstream ed un po’ più ricercato dell’altro.

Vi posso assicurare, tra l’altro, che se usate la giusta quantità di succo di pompelmo, il vostro risotto non risulterà assolutamente amaro, anzi…

risotto-pompelmo-e-gamberi

La preparazione è quella classica: in una pentola mettete a scaldare dell’olio extravergine d’oliva e soffriggeteci dentro un cipollotto tritato; a fiamma vivace, aggiungete 180 g di riso per risotti (dosi per 2 persone) e fate tostare per bene per qualche minuto, fino a quando i chicchi di riso non saranno traslucidi.

A questo punto, sfumate prima con un po’ di vino bianco e, quando sarà evaporato, con il succo filtrato di mezzo pompelmo. Una volta che il riso avrà assorbito anche questo sapore, procedete con la classica cottura del risotto, aggiungendo un po’ di brodo vegetale caldo alla volta, cuocendo il riso a fiamma dolce.

5 minuti prima della fine della cottura, aggiungete in pentola anche una dozzina di gamberi sgusciati e puliti, dividendoli magari in due pezzi se troppo grandi.

Terminate la cottura e fate riposare qualche minuto, prima di mantecare con un pezzettino molto piccolo di burro, la scorza grattugiata di mezzo pompelmo e dell’erba cipollina tritata (facoltativa).

Servite il vostro risotto ai gamberi profumato al pompelmo ben caldo, decorato magari con qualche scorzetta di pompelmo ritagliata (se ne siete capaci, al contrario mio!):

Buon appetito.. e provate a cucinArmy! 😉

Precedente Seppioline "alla coreana" (ricetta di Nigella Lawson) Successivo Timballo di pasta "alla siciliana"