Filetti di trota salmonata in crosta di sfoglia

Anche se può sembrare la versione “povera” in quanto più economica del salmone, la trota salmonata non ha davvero niente da invidiargli: le sue carni sono saporite, nutrienti e prelibate, ed è davvero tanto facile da acquistare quanto da preparare, avendo un sapore facilmente apprezzabile con ricette alquanto semplici.

Ma siccome a me piace complicarmi la vita (!) e sono alla continua ricerca di modi di cucinare il pesce che siano tanto soddisfacenti quanto sostanziosi, ho deciso di prendere degli splendidi e rosati filetti di trota salmonata, cospargerli di panna acida aromatizzata all’aneto e racchiuderli in una friabile crosta di sfoglia, ottenendo così un secondo piatto a base di pesce elegante, sostanzioso e di sicuro effetto.

E’ un piatto di ispirazione scandinava, lì dove panna acida e aneto sono un must soprattutto accompagnati al diffusissimo salmone nordico, e che, abbinato ad uno o più contorni, può rivelarsi un ottimo modo per risolvere la cena come piatto unico, anche se trattasi di cena galante.

Filetti di trota salmonata in crosta di sfoglia

Per preparare questo raffinato piatto gourmet di pesce (lasciatemela cantare e suonare da solo), dovrete procurarvi due bei filetti di trota salmonata (i miei erano di circa 200 g l’uno): togliete la pelle semplicemente tirandola con le dita, facendo attenzione a non strappare le carni che potrebbero restare attaccate alla pelle (per aiutarvi, mentre tirate la pelle, tenete man mano la carne pigiata delicatamente con le dita o con una posata piatta); successivamente passate le dita sul dorso della carne per verificare la presenza di spine ed in tal caso eliminatele con una pinzetta. Infine sciacquate ed asciugate bene i filetti di trota.

Preparate in una ciotolina la panna acida (un vasetto da 180 g sarà più che sufficiente) ed aromatizzatela con del sale, del pepe bianco macinato ed un ciuffo generoso di aneto tritato, dopodiché mettetene un velo sui filetti di trota, cospargendone tutta la superficie superiore (mettete la panna solo su un lato del filetto).

Srotolate un rotolo di pasta sfoglia (preferibilmente rettangolare) ed adagiatevi i filetti di trota sopra, dividendo la sfoglia in due parti uguali, una per ogni filetto, mettendo il pesce con la parte velata di panna acida direttamente sulla sfoglia; in questo modo, potrete chiudere la sfoglia “sotto” al filetto sulla parte senza panna.

Adagiate i vostri fagottini in una teglia da forno abbastanza capiente coperta di carta forno, avendo premura di sistemarli nella teglia con la parte della chiusura sotto e quella con la panna acida sopra, e metteteli a cuocere in forno già caldo per circa 25 minuti, o comunque fino a completa doratura.

Una volta pronti, lasciateli riposare una decina di minuti prima di servirli accompagnati con contorno a vostra scelta.

Buon appetito.. e provate a cucinArmy! 😉

Filetti di trota salmonata in crosta di sfoglia

Precedente Castagnole Successivo Anatra in salsa di ciliegie