La mia cucina

Prima di iniziare a pubblicare le mie ricette, vorrei scrivere qualcosina riguardo alla mia cucina.

Come ho già detto nel mio primo post, non ho mai frequentato una scuola di cucina ma vengo dal sud, dove il cibo non viene mai visto come mero sostentamento all’essere umano ma come gioia di vivere e di stare insieme. Sono cresciuto in una famiglia numerosa dove a pranzo e a cena si mangiava sempre rigorosamente tutti insieme (cosa giustissima secondo me) e dove a volte anche ciò che precedeva il pasto diventava occasione di comunità e di divertimento. Uno dei miei ricordi d’infanzia più belli infatti è legato a mia madre, che oggi non c’è più, quando decideva di fare la pizza in casa e radunava tutti noi figli attorno alla sua tavola di legno, senza alcuna costrizione sia chiaro, eravamo noi che correvamo ad aiutarla attirati in cucina dal pensiero dell’ottima cena come fosse il nostro pifferaio magico. Ed anche crescendo il cucinare ed il mangiare sono sempre stati una parte importante della mia vita, anche se posso affermare che durante l’adolescenza ho sempre preferito la seconda attività alla prima, tanto da far esclamare più di una volta a mio padre la sua celebre frase “A te ej megghj a fart nu vestit!” che, tradotto, suona più o meno come “E’ meglio comprarti un abito su misura che provare a saziarti!”

Ho sempre e comunque dato una mano in cucina ma non posso di certo dire che mi piacesse cucinare (il mio primo risotto fu un disastro e preparare una crema pasticcera mi faceva venire l’ansia). La passione vera e propria, come già detto, è nata lentamente, andando a vivere da solo e poi in coppia, quando ho iniziato a chiedermi “Giacché devo comunque cenare, perché non provare a cucinare qualcosa di buono?” Manco a dirlo, mi si è aperto un mondo… Sono ormai diversi anni che questa mia passione è esplosa e ne sono passati di ingredienti tra queste mani, tanto che oggi posso giustificarmi dicendo che il mio curriculum gastronomico vanta una ricca selezione di risotti multigusto e che preparare la crema per un dolce è oggi per me un piacevole passatempo. Insomma, un autodidatta al 100%, arricchito da tonnellate di letture e di programmi televisivi di una certa qualità e mosso soprattutto da tanta curiosità e voglia di fare (chiamiamole così ma, come dichiarò la favolosa Nigella Lawson una volta, “dovrei trovare una spiegazione più carina alla domanda su dove nasca la mia voglia di cucinare, ma la verità è che mi lascio letteralmente guidare dalla mia golosità!”)

Per quanto riguarda la mia cucina nella pratica, sono uno che non si pone limiti (mi piace scherzare dicendo che “non esistono piatti che non so fare, ma solo piatti che non ho ancora provato a cucinare!”), questo perché mi piace cucinare spaziando dai classici regionali (magari anche rivisitandoli un po’) a piatti provenienti da altre parti del mondo (sono un vero e proprio fanatico della cucina etnica), passando per antipasti, insalate, dolci e prodotti da forno: insomma, tutto ciò che la mia gola desidera. Ovviamente alcune ricette sono totalmente originali, altre prese altrove ma comunque personalizzate; non mi sognerei mai di rubare le ricette di qualcun altro ma è anche vero che se un tiramisù va fatto con uova, mascarpone, savoiardi e caffè è difficile che la ricetta non risulti uguale un po’ dappertutto. Ci saranno comunque anche degli articoli a tema, non necessariamente ricette dunque ma magari pensieri personali su fatti, cose o luoghi inerenti il mondo della cucina.

Detto questo, basta chiacchierare e…iniziamo a tirare fuori le pentole!!! 😉

Precedente Benvenuti nel mio blog!!! Successivo Spiedini di pollo marinato alla paprika e sesamo