Torta di cachi allo sciroppo di zenzero.

Torta di cachi allo sciroppo di zenzero.

Ebbene si … Ho avuto la fortuna di trovare ancora dei cachi che a modo mio chiamo “alla vaniglia”..

Dove abitavo da piccolo vi era una pianta di lodi (legnasant) che faceva sia quelle amare e che diventavano dolci e molli solo a maturazione completa e poi vi erano quelle alla vaniglia. Evidentemente vi erano stati innestati due tipi di qualità.

Cosi per capire quali erano quelli dolci pizzicavo il frutto e se era di un colotre scuro era quello dolce, questo pero non capitava al primo colpo e vedevi a maturazione completa tutti quelli “pizzicati” con un punto nero e il contadino si incazzava di brutto 🙂 🙂 :).

Poi pero si cresce ed ho capito che quelli dolci erano riconoscibili per alcuni segni tipo dei piccoli anelli irregolari. Cosi per buona pace del contadino non li pizzicavamo piu.

Mi manca tanto a quel periodo della mia fanciullezza in campagna. Dalla terra ottenevamo tutto, eravamo “ricchi (non di soldi s’intende)” e non lo sapevamo. Oggi sta troppo lontano il mio piccolo orticello per poterlo curare al meglio.

Questo semplice dolce come alcune pietanze hanno il potere di riportarci indietro nel tempo e farci per un’attimo ricordare i momenti felici con i nostri cari che ora non ci sono piu.

Torta di cachi allo sciroppo di zenzero.
  • DifficoltàFacile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni10
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per un Pan di Spagna 22 cm di diametro.

5 uova
150 g di zucchero
1 Buccia di arancia o un baccello di vaniglia
150 g di farina

Per la farcia

200 ml di sciroppo di zenzero
500 g di panna da montare
800 g di cachi
1 pizzico di cannella
50 g di burro

Strumenti

Passaggi

Torta di cachi allo sciroppo di zenzero.. Per la buona riuscita di questo dolce bisogna attenersi a delle regole semplicissime, usiamo sempre delle uova fresche e che siano a temperatura ambiente.

Aggiungo lo zucchero (01) alle uova(qui dobbiamo fare attenzione a non fare rimanere per troppo tempo lo zucchero a contatto con le uova, il tutto va lavorato subito) (02). Con la frusta elettrica monteremo le uova per circa 20 minuti in modo che il composto diventi bello spumoso ( 03).

Torta di cachi allo sciroppo di zenzero.

Ora aggiungeremo al composto la farina setacciata (04) e la buccia grattuggiata di un’arancia, oppure i semini di un baccello di vaniglia. Amalgamiamo la farina al composto con movimenti dolci dal basso verso l’alto, questo per non far “sedere” il nostro composto (05). Versiamo il tutto in una tortiera imburrate e infarinata da 25 cm e inforniamo a 170° per circa 50 minuti nel forno preriscaldato. Per tutto il tempo della cottura non apriremo il forno e alla fine faremo sempre la prova stecchino, se tutto e ok spegneremo il forno e la lasceremo raffreddare (06).

Torta di cachi allo sciroppo di zenzero.

Ho tagliato a piccoli pezzi i cachi (07) e li ho messi a cuocere in un pentolino con lo zuccherro e la cannella (08), una volta cotto ho frullato il tutto (09).

Ho utilizzato dello sciroppo di zenzero (10) con del burro e zucchero (11) in cui ho fatto insaporire delle fette di cachi (12).

Una volta ottenuta la crema zenzero ho messo da perte un po diluendolo con il succo dei cachi con cui ho bagnato il pan di Spagna (13). Ho montato la panna dolce (14) e l’ho spalmata sulla metà della torta aggiungendo la crema di zenzero e la crema di cachi e alcune fettine di cachi, ho ricoperto con l’altra meta di pan di Spagna , ricoprendo ancora il tutto con la panna e fettine di cachi e la crema di zenzero (15).

Un dolce davvero buono con un sapore nuovo, ibambini hanno gradito il tutto ed hanno chiesto il bis. Buon Appetito e alla prossima ricetta.

Vi e piaciuta la mia ricetta? Allora perche non iscriversi alla mia pagina Facebook “cucina tradizionale napoletana“. Oltre alle ricette di chiaro marchio napoletano c’è spazio anche per la cucina internazionale.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.