Crea sito

Paella alla mediterranea.

Paella alla mediterranea.     

Oggi parliamo della “paella” piatto tipico di Valencia, diventato nel corso degli anni apprezzato in tutto il mondo divenendo un punto di riferimento nella gastronomia spagnola. Come tutti i piatti popolari, anche la “paella” non si sottrae alla regola che vuole che gli elementi culinari usati siano quelli che erano facilmente reperibili nella zona. Valencia è sempre stata ricca di verdure fresche,  di polli e conigli. La vicinanza poi con le risaie soddisfavano le condizioni favorevoli per la creazione di questo piatto. L’origine del nome “paella” proviene dalla padella nella quale si cucina il tutto.  La nascita di questo piatto avvenne tra il secolo XV e XVI. Molte sono le varianti della “Paella”, quella fatta con pollo, coniglio e verdure e quella originale di Valencia. 

Oggi vi presento la mia “Paella alla mediterranea”, Dall’ originale ha preso solo i segreti della cottura che e fondamentale per qualsiasi variante voi vogliate fare… Seguitemi e lo scoprirete.   

                                                               

Paella alla mediterranea.
  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 45 Minuti
  • Difficoltà: Alta
  • Porzioni: 5 persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 300 g Riso
  • 1,500 kg Cozze
  • 10 Scampi
  • 1,500 kg Vongole
  • 300 g Calamari
  • 2 bicchieri Vino bianco
  • 2 bustine Zafferano
  • 250 g Pomodorini ciliegino
  • 1 Scalogno
  • 200 g Piselli surgelati
  • Un mazzetti Prezzemolo
  • q.b. Pepe
  • 3 spicchi Aglio

Preparazione

  1. Paella alla mediterranea.

    Pulisco le cozze e metto a spurgare le vongole, preparo il prezzemolo, il vino e l’aglio (01) Appena ho tutto a portata di mano metto dell’olio in una pentola molto capiente (02), lascio soffriggere l’aglio senza farlo bruciare e aggiungo le cozze (03). 

  2. Dopo un po’ aggiungo le vongole (04), mescolo un po’ il tutto e verso vino bianco (05), il pepe e una bella manciata di prezzemolo (06).

  3. Mescolo il tutto e lascio che le cozze e le vongole si aprano (07). Quando sono pronte, metto metà frutti di mare da parte e le altre le separo dalle bucce. Piccolo segreto. L’acqua di cottura la filtro e la tengo per bagnare il riso. Taglio i calamari a rondelle (08) e metto sul fuoco una capiente padella d’acciaio in mancanza di quella di ferro, faccio rosolare lo scalogno che ho tritato finemente (09).

  4. Aggiungo il riso coprendo tutta la base della padella, non superate i due centimetri di altezza (10) se non volete ritrovarvi alla fine un risotto. Metto poi i calamari e sfumo con un po’ di vino bianco (11), ora sciolgo lo zafferano direttamente nella padella, aggiungo i pomodorini tagliati a spicchi, i piselli, il pepe, allungo con un po’ di liquido dei frutti di mare, mescolo il tutto e poi ci aggiungo i frutti di mare quelli interi e quelli puliti (12).

  5. Una volta che ho messo tutto in padella e dopo avere aggiunto un po’ di acqua di cottura, do l’ultima mescolata, da questo momento in poi non si deve più mescolare. Distribuisco a raggiera gli scampi nella padella e li lascio cuocere a vapore (13). La cottura e importantissima, se si asciuga molto bagno con l’acqua di cottura, senza mescolare. Come capire se e cotto il tutto? Semplice! Controllo che sui bordi della padella incominci a caramellizzare (14) questo indica che il riso si sta cuocendo e asciugando bene. Spengo la fiamma e lascio riposare per qualche minuto la paella. In questa maniera il riso prenderà tutti i profumi e sapori (15).

  6. Ed ecco pronta la mia Paella alla mediterranea.  Ragazzi io la pappo e vi dico che e buonissima… Buon appetito e alla prossima ricetta.

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.