Crea sito

Il Babà napoletano il dolce della tradizione.

Il Babà napoletano il dolce della tradizione.

“Si nu babà” Questa dolce e melodiosa parola racchiude il bello della napoletanità. Essa descrive momenti di gioia, “Si nu babà” lo si dice a una bella donna dal carattere dolce, alle persone che sono brave nell’eseguire lavori difficili, mà sovente viene detto anche per ringraziare di un regalo o di un’attenzione ricevuta. Gli esempi sono tantissimi, magari lo si dice anche per un oggetto, auto, macchina fotografica sempre perfetta e funzionante.

Mà il Babà come e quando arriva a Napoli?
 La storia e lunga e allora cerco di condensarla in poche righe.
Se vi interessa conoscere anche la storia di questo dolce tanto amato dai napoletani basta raggiungere questo articolo “Il babà napoletano e la sua storia.” già scritto un po di tempo fa.

Invece oggi vi voglio parlare dell’impasto che e molto importante. E possibile farlo anche a mano o meglio sarebbe con la planetaria , io invece ho scelto la via di mezzo impastando con lo sbattitore.

Seguite la preparazione e capirete tutti i segreti della buona riuscita dell’impasto.

Sarà una lavorazione lunga ma che alla fine vi renderà super felici per il risultato ottenuto.

Per questa torta babà ho utilizzato diversi ingredienti e attrezzi:

Sbattitore Moulinex HM412 Prep Line – Frusta con Ciotola, Amovibile, Potenza 450 W, Capacità 2.5 l, 5 Velocità, Funzione turbo, Clicca Qui
Paderno 18520-12 Spatola Triangolare professionale – Raschietto tagliapasta con manico, lama in acciaio inox, manico in polipropilene, 12 cm x 12 cmClicca qui
Caputo Farina Manitoba “oro” Tipo 0 1 Kg Clicca qui
Stampi in silicone per bambini
Clicca qui.

Il Babà napoletano il dolce della tradizione.
  • DifficoltàAlta
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione35 Minuti
  • Tempo di riposo5 Ore
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni12
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 600 gdi farina di manitoba
  • 10uova (circa 500g)
  • 150 gdi burro
  • 50 gdi zucchero
  • 10 gdi sale
  • 25 gdi lievito fresco
  • 1 cucchiaiodi latte

Per la bagna:

  • 250 gdi rum con gradazione alcolica 25/30°
  • 1fiala di aroma al rum
  • 1l e 1/2 di acqua
  • 650 gdi zucchero

Preparazione

  1. Il Babà napoletano il dolce della tradizione.

    La prima cosa che mi preme di dire e che le uova devono essere fredde di frigorifero e che siano freschissime. Se dovesse essere una giornata caldissima consiglio di mettere anche la farina in frigo. Detto questo iniziamo a sbriciolare e sciogliere il lievito con poco latte, aggiungiamolo nella ciotola insieme allo zucchero (01) dove abbiamo messo la già la farina e fatto la classica fontanella. Aggiungiamo poco alla volta il burro (02) ammorbidito a temperatura ambiente. Ora dividiamo la metà delle uova dopo averle un po stemperate e le aggiungeremo un po alla volta (03) solo dopo che vedremo che le precedenti si saranno amalgamate. Nel frattempo l’altra metà delle uova le ho messe in frigo.

  2. Il Babà napoletano il dolce della tradizione.

    Una volta che abbiamo amalgamato il tutto lo trasferiremo sul banco da lavoro per lavorarlo (04), vedrete che all’inizio sarà molto appiccicoso ma lo sarà solo nei primi minuti, impastate come se fosse “bollente” con tocchi leggeri e veloci. Lavorato per una decina di minuti lo metteremo a riposare in frigo per circa mezzora (05). Da ora in poi utilizzeremo lo sbattitore con le fruste a spirale (06). Tirato fuori l’impasto dal frigo daremo una piccola impastata con lo sbattitore a velocità minima.

  3. Ora aggiungeremo il resto delle uova che avevamo messo da parte in frigo, ma questo sempre un po alla volta (07) e quando l’impasto le avrà bene assorbito aggiungeremo altre uova. Prima che immetteremo le ultime uova aggiungiamo anche il sale (08). Con un termometro misuriamo la temperatura dell’impasto (09) che non dovrebbe superare i 20/25°, se fosse oltre mettiamolo nel frigo, una volta scesa la temperatura lavoriamo per cica 10/15 minuti.

  4. Ora incomincia la fase di lievitazione e metteremo l’impasto in una ciotola piu grande a lievitare per circa un paio d’ore (10). Ora che e bello lievitato (11) possiamo riempire per 1/3 la tortiera o gli stampini leggermente unti (12).

  5. Fatto questa operazione li metteremo a lievitare (13) fino a quando non raggiungerà i bordi. Molto facilmente i piu piccoli lieviteranno prima e cosi possiamo anche iniziare a cuocerli, cosa che faremo nel forno statico preriscaldato a 180° per 20/25 minuti, a seguire inforneremo anche la torta babà sempre a 180° ma questa volta per cica 30/35 minuti (14). Una volta cotti li lasceremo raffreddare per 2/3 ore ma meglio sarebbe fino al giorno dopo. Ora prepareremo la bagna aggiungendo lo zucchero, una fiala di rum nell’acqua che porteremo a circa 60°, prima di spegnere aggiungiamo anche il rum (15).

  6. I babà piu piccoli li tufferemo direttamente nella bagna calda (16) e li terremo il tempo necessario che si inzuppino, poi li premiamo con le mani in modo da fare scolare la bagna in eccesso e questo farà anche capire se i nostri babà siano di qualità. Poi passeremo a inzuppare la torta babà (17). E finalmente possiamo gustare uno dei dolci preferiti dai napoletani “U Babà (18).

  7. Una ricetta lunghissima ma ne valsa la pena. Uguale a quella dei piu blasonati pasticceri e il successo e stato uno di quei momenti che mi sono goduto tantissimo. Che dire …!!! Buon Appetito e alla prossima ricetta.

    Iscrivetevi alla mia pagina Facebook “cucina tradizionale napoletana“. Oltre alle ricette di chiaro marchio napoletano c’è spazio anche per la cucina internazionale.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.