Torta cioccolato bianco pere, con uvetta e pinoli

La torta cioccolato bianco pere, con uvetta e pinoli è nata dalla voglia di finire quanto, aprendo la dispensa, ho trovato delle restanti feste natalizie, la torta cioccolato pere con uvetta e pinoli non è per questo assolutamente un ripiego, solo ho utilizzato questi pinoli ed uvetta che mi sarebbe dispiaciuto rimanessero fino alla prossima stagione. Del resto nella torta cioccolato pere tutto si amalgama perfettamente, i gusti credo siano perfettamente in sintonia, il risultato è quello di un soffice dolce adatto per una prima colazione e per merenda, o per un qualsiasi momento della giornata. Facile e veloce da preparare e….dimenticavo….anche qui senza burro, quindi non particolarmente calorica se non proprio dietetica. La torta cioccolato pera, se verserete l’impasto in un apposito stampo, può diventare anche un’ottima ciambella un po’ più ricca e sfiziosa di quella tradizionale, visto l’apporto degli ingredienti.

Torta cioccolato bianco pere, con uvetta e pinoli

Torta cioccolato bianco pere, con uvetta e pinoli 

INGREDIENTI 

( per circa 6 persone )

250 grammi di farina bianca

1 bustina di lievito

3 uova

250 grammi di zucchero

1 bicchiere di latte

1 bicchiere di olio di semi ( arachide )

100 grammi di cioccolato a scaglie ( in questo caso cioccolato bianco )

300 grammi di pere succose, a pezzetti

50 grammi di uvetta, ammollata nel latte

20 grammi di pinoli

zucchero a velo, o granella di zucchero come copertura, a piacere

PROCEDIMENTO

Montare le uova con lo zucchero, unire il latte, continuare a montare, unire la farina e il lievito sciolto in poco latte, l’olio, amalgamare fino ad ottenere un impasto cremoso, aggiungere il cioccolato le pere, l’uvetta strizzata i pinoli e mescolare per bene il tutto. Infornare su tortiera rivestita da carta da forno e far cuocere a 170° per circa 40 minuti, prova stecchino!  Lasciare raffreddare e cospargere a piacere con zucchero a velo o granella di zucchero

torta cioccolato bianco pere, con uvetta e pinoli  

 

 

 

Precedente Ditaloni in passato di verdura e patate, primo verdura Successivo Risotto al pomodoro e piselli

Lascia un commento