Riso bianco al microonde

Riso bianco al microonde e che sarà mai voi direte! Spesso e volentieri può servirci del semplice riso bollito vuoi da gustarsi così, con aggiunta di pomodoro fresco, o formaggio, o per altro ancora, come per insalate di riso, minestroni, torte salate….

Non ci va di mettere a bollire l’acqua? di controllarne la cottura? Proviamo a prepararlo così, facciamo lavorare il nostro microonde anche con questa semplice e versatile preparazione. Nel frattempo noi potremo dedicarci ad altro.

Qui vi darò le dritte generali, qualche piccolo cambiamento magari vi toccherà farlo a seconda del modello e resa del vostro forno.

Riso bianco al microonde
Riso bianco al microonde

Riso bianco al microonde

Prima di tutto il riso va risciacquato specie se si tratta di riso integrale, che è più duro e contiene più amido, quindi risciacquare più volte il riso sotto l’acqua fredda, mettendolo in un colino. Smuoverlo più volte con le mani pulite per sciacquarlo bene, a questo punto lasciarlo in una ciotola coperto completamente d’acqua per minimo trenta minuti. Risciacquarlo di nuovo, porlo poi in un contenitore adatto al microonde e provvisto di coperchio ( se non lo avete potete chiuderlo con pellicola per microonde o quella normale bucherellandola )

Va coperto completamente d’acqua, rispetto al riso quindi acqua in quantità doppia. Per fare un esempio, se usate 100 grammi di riso, questo quantitativo andrà coperto con 200 grammi d’acqua circa, per fare un altro esempio per una tazza di riso 2 di liquido, e così via.

e sottolineo circa perché molto dipende anche dalla tipologia del forno e dalla qualità del riso. Nel caso di un riso non bianco ma integrale il rapporto è circa 3:1 e i tempi di cottura più lunghi del 60%.

A metà cottura controllate e, se fosse asciugato troppo allungatelo ancora un po’.

Tenete poi presente che con questo modo di cottura il riso si espande, quindi scegliete un recipiente che lo contenga comodamente.

Si può condire, se lo volete usare come primo piatto anche subito, prima di cuocerlo:

per 200 grammi di riso un cucchiaino di sale, un cucchiaino d’olio extra vergine d’oliva, o mezzo cucchiaino di burro, oppure condirlo dopo a vostro piacimento.

nel primo caso, mescolare bene gli ingredienti in modo che si uniscano bene a tutto l’insieme, acqua e riso.

Ecco orientativamente come impostare la cottura, a potenza massima

  • 100 grammi, circa 10 minuti
  • 150 grammi , circa 13 minuti
  • 200 grammi , circa 17minuti

e così via, minuto più minuto meno, a metà cottura rigiratelo e se lo preferite più cotto e meno al dente ovviamente lo lascerete di più, per sicurezza tenetelo sempre un po’ al dente a farlo cuocere di più non ci vuole nulla, meglio che farlo scuocere.

In genere l’acqua viene assorbita dalla cottura, se ne fosse rimasta non farete altro che scolarla.

Tenete presente che se lo lascerete riposare nel contenitore prima di servirlo o condirlo, cuocerà ancora, il sale (1 cucchiaino per 200 grammi di riso potete aggiungerlo a metà cottura ).

Attenzione a non scottarvi col vapore quando aprirete il coperchio del contenitore.

 

Precedente Pasta frolla piccoli accorgimenti Successivo Stinco di prosciutto al tegame

Lascia un commento