Filettini di faraona pastellati

Filettini di faraona pastellati, ultimamente avevo preparato la faraona, ogni tanto la ripropongo, piace tanto a mio genero e fino a qui tutto bene.

Quando però ci troviamo alla parte del petto, come del resto per altre qualità di pollame, nascono problemi, nessuno lo gradisce se non a coteletta.

L’ho cucinato in altri modi, ed ogni volta me ne devo inventare uno nuovo per riproporlo in modo diverso ed accattivante.

Come tutti sappiamo, le preparazioni fritte impanate se appena si potesse le si dovrebbe evitare, oggi sono arrivata ad un compromesso, non la solita fettina passata nell’uovo sbattuto e nel pane grattugiato, o passata nella farina poi nell’uovo e nel pane grattugiato, ma in una croccante pastella di uova e farina e….ma lo vedrete andando alla ricetta.

Avete anche voi questo problema? si arriccia il naso quando ci si trova di fronte a quella parte bianca del pollame che chi più chi meno definisce stopposa specie se cucinata alla griglia?

Proviamo a prepararla così:

Filettini di faraona pastellati
Filettini di faraona pastellati

Filettini di faraona pastellati

INGREDIENTI

  • 1 petto di faraona, disossato, leggermente battuto, tagliato a listarelle, lavato e lasciato ad insaporire in poco olio extra vergine d’oliva e aceto di mele
  • olio extra vergine d’oliva
  • aceto di mele
  • 70 grammi di farina bianca
  • olio di semi, per frittura
  • birra ( circa 100 grammi)_ io non l’avevo ed ho usato acqua minerale gasata freddissima
  • sale
  • aglio e prezzemolo q.b
  • 1 uovo piccolo

PROCEDIMENTO

In una ciotola, sbattere bene l’uovo con il sale, unire la farina setacciata, diluire con la birra o l’acqua gasata e freddissima, mescolare per bene in modo da ottenere una pastella liquida e senza grumi, aggiungere aglio e prezzemolo, lasciate riposare un po’

Questa pastella è adattissima anche per friggere le verdura, se ve ne avanzasse potete utilizzarla per un gustoso contorno ad esempio di broccoli o zucchine.

Fare passare i bastoncini nella pastella sgocciolati e friggere in olio bollente.

Dopo averli ben dorati da ambo le parti, appoggiare su carta da cucina a fare perdere l’unto in eccesso, e servire belli caldi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, bool given in /membri/anna48/anna48/wp-content/plugins/subscribe-to-comments-reloaded/wp_subscribe_reloaded.php on line 1542

Warning: array_flip() expects parameter 1 to be array, bool given in /membri/anna48/anna48/wp-content/plugins/subscribe-to-comments-reloaded/wp_subscribe_reloaded.php on line 1546

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /membri/anna48/anna48/wp-content/plugins/subscribe-to-comments-reloaded/wp_subscribe_reloaded.php on line 1549