Crea sito

Broccolo e lenticchia in polpetta

Broccolo e lenticchia in polpetta, avrete capito e parlo per chi mi segue ogni tanto e che ringrazio di cuore, che in casa mia le polpette vanno alla grande, questa è un tipo di polpetta semplicissimo e…..senza uova.

Per chi ama mangiare sano, leggero e gustoso al tempo stesso, può essere un’idea per un secondo piatto di sola verdura con l’aggiunta comunque di un buon formaggio grana, almeno quello ci sta, già non mettiamo l’uovo!  e poi una leggerissima panatura.

All’assaggio le troverete estremamente morbide delicate, quando le girate in padella abbiate l’accortezza di farlo dolcemente e soprattutto con l’apposita paletta, ed in pochissimo olio.

Piaceranno sicuramente anche ai più piccoli, per queste polpette potete usare anche lenticchie in scatola o se fresche dopo la normale cottura con o senza ammollo.

Dimenticavo, lasciatele rapprendere un pochino prima di spostarle sulla carta da cucina, a fare perdere eventuale unto in eccesso e servire sul piatto di portata.

Ma andiamo alla spiegazione che, ormai vi ho detto tutto; si ridurrà a poche righe

Broccolo e lenticchia in polpetta
Broccolo e lenticchia in polpetta

 

Broccolo e lenticchia in polpetta

 

Ingredienti

200 grammi di broccolo,

( lavato e già lessato in pochissima acqua salata, potete usare anche il gambo_ non scarterete nulla in questo caso, naturalmente se è tenero )

200 grammi di lenticchie

olio per frittura

sale

noce moscata

pane grattato, q.b

farina bianca, q.b

100 grammi di grana grattugiato

 

Preparazione

In una zuppiera, schiacciare il broccolo e le lenticchie con una forchetta, aggiungere il grana, il sale e la noce moscata,

impastare con le mani, se il composto risultasse troppo morbido e poco lavorabile, aggiungere pane grattato ( non troppo comunque, le polpette devono rimanere compatte e morbide allo stesso tempo ),

formare delle polpettine che passerete nella farina e un velo di pane grattato,

friggere in un tegamino possibilmente antiaderente con pochissimo olio,

rigirare e fare dorare da tutte le parti, aspettare che si siano ben rapprese prima di sollevarle con l’apposito utensile ( sono tanto buone quanto delicate )

appoggiarle su carta da cucina trasferirle quindi sul piatto di portata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.