Bortellina_burtlena_bettolese

Bortellina_burtlena_bettolese è una specie di frittella a base di acqua e farina, tipica di Bettola ridente cittadina delle colline piacentine.

D’ispirazione decisamente popolare, ogni paese della provincia ha la sua versione e tutte decisamente golose.

Quella bettolese ha ottenuto il riconoscimento  De.Co, sembra uno sgonfiotto, una frittella, dorato croccante preparato con ingredienti poveri, ( farina, acqua e lievito ) e cotto in padella con lo strutto. Ognuno di essi pesa circa 10 grammi.

Il massimo sarebbe gustarla bella calda ma, se preparata bene, non perde in gusto e sofficità anche se si raffredda.

Proprio per questo alle feste di paese si fanno delle code lunghissime, perchè viene fritta al momento e consegnata bollente!

Da gustarsi da sola o accompagnata dai salumi piacentini DOP e formaggi morbidi.

Proprio per i suoi poveri ingredienti la bortellina ha trovato posto in tempi remoti sulle tavole dei meno abbienti. La si trovava già nella metà dell’800, come sostitutivo del pane.

Negli anni 60 fu il maestro Gino Pancera ( presidente della Pro Loco ) ad ideare questa festa per il fine Agosto.

Questa che vi propongo è la ricetta di Carmen Artocchini, tratta da:

(400 ricette della Cucina Piacentina)

Bortellina _burtlena_bettolese
  • Difficoltà:Media
  • Preparazione:( il tempo necessario di lievitazione, deve raddoppiare di volume) minuti
  • Cottura:3, per ogni sgonfiotto minuti
  • Porzioni:100/110 pezzi
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • Farina bianca 1 kg
  • Lievito 20 g
  • Strutto 100 g
  • Sale 1 pizzico
  • Acqua q.b.

Preparazione

  1. Impastare un pugno di farina con 10 grammi del lievito e formare un panetto.

    Porre il panetto a riposare,  quando avrà raddoppiato il volume disporre la farina a fontana, aggiungere il panetto lievitato, il sale e gli altri 10 grammi di lievito.

    Impastare di nuovo il tutto con acqua tiepida fino a ottenere una pagnotta soffice.

    Lasciare riposare ancora 10 minuti.

    Scaldare a fuoco vivo una padella di ferro o rame con tanto strutto.

    Staccare piccoli pezzi dalla pagnotta lievitata , spianarli per dare loro una forma rotonda ( potete usare anche degli stampi rotondi ) e gettarli nello strutto bollente per circa 3 minuti.

    Fare perdere l’unto in eccesso su carta da cucinae servire con salumi e formaggi.

Precedente " Una mano " in cucina Successivo I pomodori da salsa

Lascia un commento