Brioches all’acqua – vegan –

 

Buongiorno a tutti, buon venerdì!

il weekend è ormai alle porte..io arrivo giusta giusta con questa ricetta super golosa.

Era tanto che volevo sperimentare questa ricetta e ieri finalmente mi sono decisa.

Immaginatevi il gusto e la morbidezza delle brioches, senza però latte, burro e uova…direte voi come è possibile?

E’ possibile, è possibile…con questa super ricetta di Martina, che ho preso dal suo fantastico blog. Ho apllicato qualche piccolissssima modifica, ma nulla di che.

Vi avviso: una volta che iniziate a mangiarle, non vi fermerete più!

Ecco a voi la mia versione:

 

Ingredienti:

  • 250 gr di farina 00
  • 125 ml di acqua
  • 8 gr di lievito di birra fresco
  • 70 gr di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 30 gr di olio di semi
  • buccia grattugiata di 1/2 limone bio
  • semini di 1/2 bacca di vaniglia

 

Nella ciotola della planetaria adagiate la farina, il lievito sbriciolato, l’acqua, zucchero, il pizzico di sale e gli aromi ( buccia di limone e semi della bacca di vaniglia). Iniziare ad impastare alla minima velocità con la foglia, per circa 10 minuti. Dovrà risultarvi un impasto eleatico, omogeneo e dovrà essere incordato per bene.

Ora cambiata la foglia con il gancio, fate partire di nuova a minima velocità e iniziate, a più riprese, a versare un IMG_2551pochino per volta l’olio, stando attenti a non aggiungerne altro fin quando il precedente non sarà assorbito. Questa è una fase che va fatta con calma, possiamo aiutare l’impasto in planetaria ad incordare dopo ogni aggiunta di olio fermando la planetaria e capovolgendo l’impasto di tanto in tanto, per aiutare l’assorbimento dell’olio. Continuare fino a quando non avremo esaurito tutto l’olio. Io ci ho impiegato circa 15 minuti. Quindi andate pure con calma..

Una volta che l’olio sarà assorbito ed il nostro impasto incordato (ovvero la ciotola della planetaria bella pulita e l’impasto tutto adeso al gancio) , possiamo fermare la planetaria, pirliamo leggermente l’impasto per dargli una forma sferica e mettiamo a lievitare in ciotola coperta da pellicola fino al raddoppio (circa 2 ore).

Una volta lievitato, prendiamo l’impasto, lo sgonfiamo, diamo nuovamente una forma sferica e rimettiamo in ciotola coperto da pellicola e lo inseriamo in frigo, questa volta per circa 3 ore.

Terminate le tre ore, riprendiamo l’impasto lo dividiamo in 8 pezzetti uguali, Facciamo ad ogni pallina queste pieghe qui ( come mostra benissimo Martina), in seguito pirliamole e adagiamole, ben distanziate tra loro, sulla leccarda del forno ricoperta di carta forno.

Mettiamo a lievitare in forno spento, per circa 2 ore. Dovranno raddoppiare il loro volume.

Ora riscaldiamo il forno a 180° statico, una volta caldo inseriamo le nostre brioches e cuociamo per circa 18/20 minuti ( controllandole)

Una volta cotte, sforniamo, lasciamole intiepidire e cosparciamole con zuccheor a velo, se lo gradite, prima di servirle.

NB: io per conservarle le ho messe in un sacchettino di plastica per alimenti, cosi conservano tutta la loro morbidezza pronte per essere gustate con la marmellata o con quello che più gradite!

IMG_2558

 

Non sono invitanti?

Alla prossima ricetta,

Evelyn.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Torta glassata al limone - vegan- Successivo Torta carote, arance e zenzero - vegan -

Lascia un commento