Crea sito

Busiata terra e mare

Questo primo piatto è nato per rallegrarmi un pochino in una giornata fredda invernale: è così che nasce “busiata terra e mare“! Sapere, se mi siedo lì a pensare, può succedere che se ci fermiamo troppo sulle cose negative, queste succedono davvero?! Ieri era il 20 gennaio, il giorno più triste del mondo, conosciuto da tutti come “Blue Monday” e davvero è stato così per me! Mi sono svegliata già col piede storto, si è aggiunta poi un’esperienza negativa avuta con una persona che tanto stimo e a fare da cornice una fredda giornata d’inverno! E cos’ho fatto per rimediare? Sono andata in cucina ed ho preparato un bel primo piatto colorato, perchè si, cucinare è la migliore soluzione per me! Pronto? Allaccia il grembiule e via in cucina!

  • Ecco la video ricetta passo passo ->

Busiata terra e mare

INGREDIENTI (per 2 persone)

  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 peperone piccolo
  • 200 g di salsa di pomodoro
  • acqua q.b.
  • 150 g di filetti di tonno
  • 160 g di pasta formato busiata al pistacchio (si consiglia, “Gusto Etna”)
  • peperone crusco calabrese a gusto

PREPARAZIONE

Per prima cosa pulisci una bella cipolla rossa di Tropea: io la preferisco non troppo piccola ed infatti la taglio abbastanza grossolanamente, perché mi piace sentire il suo sapore durante l’assaggio della pasta. Se invece preferisci che si sciolga totalmente nel soffritto tritala quanto più piccola possibile.

Sistema la cipolla in un’ampia padella aggiungendo un filo d’olio extravergine ed uno spicchio d’aglio lasciato intero. Porta la padella sul fuoco a fiamma bassa e lascia quindi ammorbidire la cipolla e permetti all’aglio di lasciare i suoi sapori all’interno dell’olio.

Intanto lava un bel peperone, lo pulisci per bene eliminando la parte fibrosa interna ed i semi, dopodiché taglialo in tocchetti non tanto grandi.

La cipolla a questo punto si sarà ammorbidita: aggiungi quindi i peperoni ed elimina l’aglio, altrimenti dopo si confonderà con il resto delle verdure e farai fatica a toglierlo.
Lascia imbiondire leggermente anche i peperoni così creeranno una leggera crosticina croccante; aggiungi poi della salsa di pomodoro e un po’ d’acqua calda.

Ti dico la verità: per non fare sprechi prendo l’acqua e la verso all’interno del barattolo dove era contenuto il pomodoro, così pulisco bene tutto il barattolo e non ho buttato nemmeno un goccio di pomodoro.

Quando i peperoni inizieranno ad ammorbidirsi, aggiungi i filetti di tonno sgocciolato e porta quindi a cottura.

Ovviamente dipende dai tuoi gusti!
Se preferisci dei peperoni più morbidi, allora prolunga la cottura, altrimenti se ti piace sentire quel leggero “crunck” quella leggera croccantezza ti suggerisco di cuocere il sugo massimo per un quarto d’ora.

Quello che posso dirti è nel momento in cui tu decidi di volere peperoni molto più morbidi aggiungi il tonno quando la cottura è più avanzata: non lasciare cuocere il tonno più di 10 minuti, per cui lo aggiungerai a 10 minuti dalla fine della cottura del sughetto.

Questo per permettere al tonno e agli altri sapori di amalgamarsi in un unico e spettacolare gusto.

Mentre il sughetto viene pronto porta la pentola per la pasta sui fornelli e quando bolle aggiungi una manciata di sale grosso e poi cala giù la pasta.

Io ho scelto la pasta al pistacchio nel formato di busiata: questo formato bello poroso e dalla forma attorcigliata permetterà al sugo di inglobarsi con la pasta.

Lascia le busiata al dente, perché terminerai la cottura all’interno della padella con il sugo.

Mi raccomando tieni da parte un po’ di acqua di cottura della pasta stessa perché servirà per legare col sugo qualora risultasse troppo asciutto.
Voglio darti un’ultima “chicca”: se hai a disposizione del buon peperone crusco calabrese, taglialo in tocchetti e spolveralo sul piatto prima di portarlo in tavola e ti assicuro che conquisterà i tuoi ospiti, conferendo un sentore leggermente affumicato e dolce.

Ed ecco pronta la busiata terra e mare! Buon appetito!!!

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Nuvola al pistacchio

Solo il nome ti manda in Paradiso: “Nuvola al pistacchio“. Alzi la mano chi non adora il pistacchio?! Come si fa a non amarlo quel frutto, piccolo ed affusolato, racchiuso in due gusci chiari, che fanno risaltare ancor di più il suo colore verde cangiante! Se ad un pistacchio di ottima qualità, ci abbini una crema cremosa, beh il successo è assicurato! Eh si, hai letto bene: crema cremosa! Oggi prepareremo insieme questa golosissima ed elegante torta, realizzata con una base croccante e profumata di biscotti e burro, una cremosissima namelaka al cioccolato bianco che al suo interno racchiude un inserto di cremoso al pistacchio. Se non bastasse, la decoreremo utilizzando il pistacchio ed alcuni suoi derivati! Hmm…mi viene voglia di mangiarne una fetta: è una libidine! Dai su, corri in cucina ed allaccia il grembiule!

  • Ecco la video ricetta passo passo ->

INGREDIENTI

– per la namelaka al cioccolato bianco

  • 200 g. di cioccolato bianco
  • 300 ml. di panna fresca
  • 50 g. di latte (meglio se intero)
  • 6 gr di gelatina in fogli

– per il cremoso al pistacchio

– per la base croccante

  • 270 g. di biscotti secchi
  • 130 g. di burro

– per la decorazione

 

PREPARAZIONE

Realizzare questa goduria per il palato e diciamo la verità anche per gli occhi, è più semplice di quanto tu possa credere!

Segui i miei consigli e non ve te pentirai!

La prima cosa da fare sarà necessariamente quella di preparare la parte bianca costituita da una namelaka al cioccolato bianco e il cuore di cremoso al pistacchio. Questo perché prima del loro utilizzo nella torta, hanno bisogno di rassodare in frigorifero dalle 8 alle 12 ore. Posso darti un consiglio? Prepara la namelaka e il cremoso la sera prima.

Per la namelaka al cioccolato bianco
Metti in ammollo in acqua fredda, la gelatina.
Riduci in pezzetti il cioccolato bianco e intanto metti a scaldare il latte in un pentolino. Quando inizia ad essere caldo versalo in una ciotola insieme alla panna fresca e alla gelatina strizzata. Aggiungi il cioccolato bianco tritato e mescola bene fino al completo scioglimento. Chiudi con pellicola a contatto e lascia riposare in frigorifero dalle 8 alle 12 ore.

Per il cremoso al pistacchio
Metti a scaldare della panna fresca con lo zucchero e sciogli al suo interno la gelatina che avrai precedentemente ammollato. Aggiungi poi la pasta di pistacchio pura e mescola per benino. Se noterai dei grumi non temere! Con l’aiuto di un minipimer riuscirai a creare un composto bello omogeneo.
Fodera un piatto dai bordi alti con della pellicola e versa il cremoso al pistacchio, leggermente raffreddato, al suo interno. Copri sempre con pellicola a contatto e lascia riposare in frigorifero dalle 8 alle 12 ore.

Per la base croccante al biscotto
Trita finemente dei frollini secchi , sistemali in una ciotola, dopodiché amalgama con del burro fuso. Prendi uno stampo a cerniera di 20 cm di diametro ed appoggialo su un piatto rivestito di carta forno (mi raccomando, la cerniera chiusa!). Versa il composto di biscotti e burro all’interno dello stampo e con l’aiuto di un bicchiere o di un batticarne ben pulito compatta e livella bene la superficie. Dopodiché riponi in frigo. Se hai deciso di preparare la sera prima la namelaka e il cremoso puoi anche preparare la base biscotto. Se la prepari la sera prima ti consiglio di ritagliare un foglio di carta forno tanto grande quanto il diametro della teglia così dopo aver preparato la base biscotto la coprirai con esso. Se invece la preparerai il giorno stesso nel quale assemblerai il dolce, ti consiglio comunque di lasciar riposare in frigorifero la base almeno una mezz’oretta prima di procedere con lo step successivo.

Dopo 12 ore la namelaka è pronta per essere utilizzata! Per questa ricetta io ho voluto una namelaka bella spumosa per cui l’ho portata in una ciotola più capiente e l’ho montata qualche minuto con uno sbattitore elettrico. Versa la metà della crema sulla base biscotti e livella bene. Sistema poi l’inserto di cremoso al pistacchio bene al centro e mi raccomando di fare dei movimenti secchi e decisi, per far sì che poi al taglio la fetta di torta risulti bella. Come dice il grande Maestro Damiano Carrara: “Bella al taglio, ben stratificata!”
Ultima con la restante namelaka e livella bene, dopodiché porta in frigorifero almeno un paio di ore.

È arrivato il momento di sformare la nuvola al pistacchio e decorarla! Un consiglio che voglio darti è quello di riporla in freezer una mezz’oretta prima di togliere lo stampo a cerniera: vedrai che sarà più facile sformare la torta.
Quindi per l’appunto dopo una mezz’oretta in freezer togli lo stampo a cerniera e porta la torta direttamente sul piatto da portata. La parte più divertente è quella della decorazione! Con un foglio di carta da forno proteggi la parte che vuoi rimanga bianca, dopodiché spolvera della farina di pistacchio. Con della crema spalmabile ammorbidita a bagnomaria crea delle strisce parallele alla decorazione che hai appena fatto con la farina di pistacchio, creando un gioco di forme, alternando delle strisce sottili a più spesse. Ora decora con croccante al pistacchio: sistemalo sulla torta creando un gioco di volumi. Continua decorando con delle scagliette di cioccolato bianco e cioccolato fondente ed in ultimo della granella di pistacchio!
Guarda il video per capire io come ho decorato: ti risulterà più facile!
La torta “nuvola al pistacchio” è pronta! Tienila in frigo fino al momento di servirla.

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Shakerato, tre idee golosissime

Oggi prepareremo insieme tre freschissimi e golosissimi tipi di shakerato! Partiremo dal classico per eccellenza: quello al caffè. Seguiranno poi due versioni golose: lo shakerato al pistacchio e quello latte e menta. Sono tre le mie versioni della bevanda più apprezzata durante il periodo estivo, che con qualche consiglio, vi assicuro che sarà all’altezza delle vostre aspettative!
Guardate le foto, parlano da sole: invitanti strati, di caffè, latte e una cremosissima spuma, che vi faranno letteralmente… leccare i baffi! E ora allacciate i grembiuli e via in cucina!

  • Ecco la video ricetta passo passo ->

INGREDIENTI

– shakerato al caffè

  • 3 cubetti di caffè
  • 3 cucchiaini di zucchero
  • 1 tazzina di caffè espresso

– shakerato al pistacchio 

  • 2 cucchiaini di crema spalmabile al pistacchio (si consiglia, “Gusto Etna”)
  • 1 tazzina di caffè espresso
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 2 cubetti di latte
  • 1 tazzina di latte caldo
  • farina e crema di pistacchio per decorare

– shakerato latte e menta

  • 3 cubetti di latte
  • 30 ml di sciroppo alla menta
  • 80 ml di latte tiepido
  • foglioline di menta per decorare
  • cacao amaro per decorare

PREPARAZIONE

Chi di voi si è mai imbattutto in uno shakerato “annacquato” o con cristalli di zucchero non ancora sciolti?
Ecco, ho la soluzione che fa per voi! Per avere uno shakerato dal gusto bello carico e deciso, vi consiglio di preparare dei cubetti di caffè (e di latte, per le altre due versioni che vi propongo), così il risultato sarà soddisfacente! Se, invece preferite uno shakerato al caffè meno carico, allora utilizzate 2/3 di cubetti di ghiaccio “classici” ed 1/3 al caffè (su un totale di 3 cubetti, due saranno di acqua e uno di caffè), così sarà più leggero, ma non annacquato!
E lo shaker? Beh, se ce l’hai usalo, altrimenti fa come me: un barattolo con un buon tappo ed il gioco è fatto!

Il primo passaggio sarà quello di preparare i cubetti di ghiaccio, di caffè e latte.
Semplice! Versa il latte nel contenitore del ghiaccio e surgelalo! Stessa cosa per il caffè: preparalo con la moka o espresso e riempi il contenitore da ghiaccio e metti in freezer! Ti consiglio di non zuccherare il caffè, ma dolcificherai lo shakerato durante la preparazione.
Consiglio: prepara più cubetti sia di latte che di caffè e conservali in un contenitore ben chiuso nel freezer, così avrai cubetti pronti all’occorrenza. E per evitare che i due preparati si mescolino ed il latte si macchi di caffè, semplice: dividi in due il contenitore con un divisore fatto di alluminio.

Le dosi che ti ho dato sono per persona, per un bel bicchiere di shakerato!

 

Shakerato al caffè….

In un barattolo aggiungi tre cubetti di caffè e tre cucchiaini di zucchero. Prepara poi un caffè moka o espresso, e versalo in barattolo. E adesso…shakera per 30/40 secondi e servilo subito! Ho scelto di servirlo in una coppetta bassa, ma sta a te decidere come servirlo! Senti che freschezza!

 

 

 

 

 

 

Shakerato al pistacchio…..

A me piace servire questo shakerato, decorando il bicchiere, in questo caso un calice non troppo grande. Sporco i bordi con la crema spalmabile al pistacchio, così da farci attaccare la farina di pistacchio.
Verso nel calice due cucchiaini di crema al pistacchio e subito dopo una tazzina di caffè zuccherato.
E quando si shakera?! Tranquilli, adesso, così creiamo un terzo strato spumoso, fatto col latte!
In un barattolo aggiungi due cubetti di latte ed una tazzina di latte caldo e shakera per 30/40 secondi! Versa poi nel calice e sistema la schiumetta col cucchiaino. Ultima poi con una spolverata di farina di pistacchio. Non è mica super invitante?!

Shakerato latte e menta….

Questo è lo shakerato per chi non ama il caffè o per chi non può berlo…
Nel barattolo aggiungi tre cubetti di latte, lo sciroppo alla menta e il latte tiepido. E ora…shakera! Versa nel bicchiere, decora con del cacao amaro e qualche fogliolina di menta!
Assapora la freschezza!

 

 

 

 

 

 

Che sia nella versione classica al caffè, o in quella super golosa al pistacchio o ancora nella versione latte e menta, lo shakerato rende freschi e felici tutti, non è vero?!

 

 

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Cubotti di salmone al profumo di pistacchio

Ciao a tutti! Oggi prepareremo insieme dei profumatissimi cubotti di salmone al profumo di pistacchio!
Ho preso ispirazione dal mio bagaglio dei ricordi. Ebbene si, mi sono ispirata alla ricetta della mitica Chiara Maci, che stimo ed ammiro, che preparò dei cubotti di salmone in crosta di sesamo con creme fraiche all’aneto, in occasione dello show cooking al quale partecipai qualche anno fa, in veste di vincitrice del concorso Cameo. Lo sapete però, amo sempre metterci del mio nelle preparazioni ed è per questo che il pistacchio prende il posto del sesamo e invece che accompagnare il salmone con della creme fraiche, ho preferito delle quenelle morbide e saporite. Vi sto facendo venire l’acquolina in bocca? E allora allacciate i grembiuli e via in cucina!

  • Ecco la video ricetta passo passo ->

Cubotti di salmone al profumo di pistacchio

INGREDIENTI (per 2 persone)

 

PREPARAZIONE

Prima di scottare il salmone, mi piace aromatizzarlo.
In una ciotola verso il succo di un lime, dei cubetti di zenzero fresco e dei grani di pepe schiacciati. All’interno di questa mistura aggiungo il salmone tagliato in cubotti, do una mescolata e lascio marinare per un’oretta in frigorifero.

Preparo quindi la crema per le quenelle di accompagnamento.
Verso all’interno della ciotola i fiocchi di latte; insaporisco con sale e pepe ed aggiungo l’olio, in modo tale da creare una mousse con l’aiuto di un minipimer.
Fatto ciò, lascio riposare in frigorifero fino ad utilizzo.

Quando il salmone ha marinato, senza scolarlo eccessivamente, lo passo nella granella di pistacchio, così si formerò una bella e profumatissima panatura.
Cuocio poi in una padella antiaderente, senza aggiunta di nessun grasso, per circa 2 minuti per lato.
Ovviamente i tempi di cottura dipendono molto da quanto grossi saranno i vostri cubotti di salmone.

E ora non resta che impiattare!
Ho voluto giocare con i contrasti di colore e far risaltare gli ingredienti: per questo motivo ho utilizzato un piatto nero, che mi funge da tela su cui comporre il mio piatto.

Creo una decorazione a petalo con del pesto di pistacchio; con l’aiuto di due cucchiaini realizzo delle quenelle di mousse ai fiocchi di latte e su ciascuna di esse sistemo un cubotto di salmone. Ultimo il piatto aggiungendo dei granelli di fior di sale alla liquirizia su ciascuna quenelle e ancora un po’ di granella di pistacchio.

Et voilà!

 

 

Ah e per chi volesse conoscere un po’ il racconto del meraviglioso show cooking di cui vi ho parlato poco fa, beh non vi resta che cliccare sulla foto che mi ritrae con Chiara!

 

 

 

 

 

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!