Crea sito

Insalatina finger

Sei pronto a preparare insieme a me una freschissima insalatina finger? Perchè “finger”? Ora ti spiego! Quest’anno l’estate è arrivata con un senso di nuova vita, di rinascita! Eh si, a causa di questo terribile virus che ha colpito l’Italia ed il mondo intero, la primavera l’abbiamo vissuta dalle nostre case ed il profumo dei fiori l’abbiamo potuto sentire soltanto dalle fioriere dei nostri balconi, dove di tanto in tanto ci siamo uniti tutti ad inneggiare canzoni che ci hanno sentire più vicini, seppur lontani. Qui a Brescia, punto focale di questo maledetto virus, oltre a flashmob canori, abbiamo creato degli aperitivi social: stando affacciati dai balconi delle nostre case, alle 18 di ogni sabato brindavamo a suon di musica, cocktail e stuzzichini! Ed è stato in una di queste occasioni che ho realizzato questa sfiziosa insalatina finger. Dai sei pronto? Allaccia il grembiule e via in cucina!

Ecco la video ricetta passo passo ->

Insalatina finger

INGREDIENTI

– per i cestini croccanti

  • 250 g di farina
  • 2 g di lievito di birra liofilizzato
  • 1 cucchiaio di salamoia *
  • 20 g di olio d’oliva
  • 100 g di acqua fredda

– per l’insalatina

 

PREPARAZIONE

Per prima cosa bisogna preparare la base croccante che accoglierà l’insalatina.
In una ciotola versa tutti gli ingredienti e quindi alla farina aggiungi il lievito, la salamoia e l’olio.
Lavora tutto con l’acqua fredda.
Per quanto riguarda la salamoia * io l’ho utilizzata essendo un mix ben bilanciato di sale, salvia e rosmarino. Se non vuoi utilizzarla o non ne hai a disposizione puoi aromatizzare l’impasto con un trito di erbette che preferisci e ovviamente aggiusterai poi di sale.

Lavora il tutto aiutandoti con le mani su di una spianatoia fino ad ottenere un panetto bello omogeneo e liscio.
Lascia poi riposare l’impasto una mezz’oretta coperto con la ciotola. Trascorso il tempo, dividi in tante palline da 25 grammi l’una.

Stendi ogni pallina in una sfoglia tonda a mano o utilizzando un mattarello, dopodiché bucherella l’intera superficie per evitare che in cottura si gonfi e perda quindi la sua forma.
Sistema ogni sfoglia su uno stampo da mini crostata capovolto. Io utilizzo uno stampo antiaderente: qualora tu non sei certo dell’aderenza del tuo stampino, spennellalo con un po’ di olio e spolverizza della farina.

Taglia le eccedenze di impasto e una volta che hai preparato tutti i cestini cuoci in forno preriscaldato a 100 gradi per circa 15 minuti. Dovranno risultare dorati e quindi attenzione alla cottura, perché ogni forno ha tempistiche diverse.

Una volta cotti, lascia raffreddare bene i cestini, dopodiché li toglierai dallo stampino.

E come li ho farciti? Con una deliziosa e fresca insalatina fatta con indivia riccia, delle ciliegine di mozzarella, una julienne di carote, delle olive schiacciate e del tonno il tutto condito con sale olio ed aceto balsamico.

Queste crostatine di insalatina finger possono essere un delizioso finger food per un aperitivo o perché no, arricchire un festoso buffet o se le fai leggermente più grandi possono essere un pasto completo.

Ci becchiamo alla prossima ricetta!

smart

Shakerato, tre idee golosissime

Oggi prepareremo insieme tre freschissimi e golosissimi tipi di shakerato! Partiremo dal classico per eccellenza: quello al caffè. Seguiranno poi due versioni golose: lo shakerato al pistacchio e quello latte e menta. Sono tre le mie versioni della bevanda più apprezzata durante il periodo estivo, che con qualche consiglio, vi assicuro che sarà all’altezza delle vostre aspettative!
Guardate le foto, parlano da sole: invitanti strati, di caffè, latte e una cremosissima spuma, che vi faranno letteralmente… leccare i baffi! E ora allacciate i grembiuli e via in cucina!

  • Ecco la video ricetta passo passo ->

INGREDIENTI

– shakerato al caffè

  • 3 cubetti di caffè
  • 3 cucchiaini di zucchero
  • 1 tazzina di caffè espresso

– shakerato al pistacchio 

  • 2 cucchiaini di crema spalmabile al pistacchio (si consiglia, “Gusto Etna”)
  • 1 tazzina di caffè espresso
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 2 cubetti di latte
  • 1 tazzina di latte caldo
  • farina e crema di pistacchio per decorare

– shakerato latte e menta

  • 3 cubetti di latte
  • 30 ml di sciroppo alla menta
  • 80 ml di latte tiepido
  • foglioline di menta per decorare
  • cacao amaro per decorare

PREPARAZIONE

Chi di voi si è mai imbattutto in uno shakerato “annacquato” o con cristalli di zucchero non ancora sciolti?
Ecco, ho la soluzione che fa per voi! Per avere uno shakerato dal gusto bello carico e deciso, vi consiglio di preparare dei cubetti di caffè (e di latte, per le altre due versioni che vi propongo), così il risultato sarà soddisfacente! Se, invece preferite uno shakerato al caffè meno carico, allora utilizzate 2/3 di cubetti di ghiaccio “classici” ed 1/3 al caffè (su un totale di 3 cubetti, due saranno di acqua e uno di caffè), così sarà più leggero, ma non annacquato!
E lo shaker? Beh, se ce l’hai usalo, altrimenti fa come me: un barattolo con un buon tappo ed il gioco è fatto!

Il primo passaggio sarà quello di preparare i cubetti di ghiaccio, di caffè e latte.
Semplice! Versa il latte nel contenitore del ghiaccio e surgelalo! Stessa cosa per il caffè: preparalo con la moka o espresso e riempi il contenitore da ghiaccio e metti in freezer! Ti consiglio di non zuccherare il caffè, ma dolcificherai lo shakerato durante la preparazione.
Consiglio: prepara più cubetti sia di latte che di caffè e conservali in un contenitore ben chiuso nel freezer, così avrai cubetti pronti all’occorrenza. E per evitare che i due preparati si mescolino ed il latte si macchi di caffè, semplice: dividi in due il contenitore con un divisore fatto di alluminio.

Le dosi che ti ho dato sono per persona, per un bel bicchiere di shakerato!

 

Shakerato al caffè….

In un barattolo aggiungi tre cubetti di caffè e tre cucchiaini di zucchero. Prepara poi un caffè moka o espresso, e versalo in barattolo. E adesso…shakera per 30/40 secondi e servilo subito! Ho scelto di servirlo in una coppetta bassa, ma sta a te decidere come servirlo! Senti che freschezza!

 

 

 

 

 

 

Shakerato al pistacchio…..

A me piace servire questo shakerato, decorando il bicchiere, in questo caso un calice non troppo grande. Sporco i bordi con la crema spalmabile al pistacchio, così da farci attaccare la farina di pistacchio.
Verso nel calice due cucchiaini di crema al pistacchio e subito dopo una tazzina di caffè zuccherato.
E quando si shakera?! Tranquilli, adesso, così creiamo un terzo strato spumoso, fatto col latte!
In un barattolo aggiungi due cubetti di latte ed una tazzina di latte caldo e shakera per 30/40 secondi! Versa poi nel calice e sistema la schiumetta col cucchiaino. Ultima poi con una spolverata di farina di pistacchio. Non è mica super invitante?!

Shakerato latte e menta….

Questo è lo shakerato per chi non ama il caffè o per chi non può berlo…
Nel barattolo aggiungi tre cubetti di latte, lo sciroppo alla menta e il latte tiepido. E ora…shakera! Versa nel bicchiere, decora con del cacao amaro e qualche fogliolina di menta!
Assapora la freschezza!

 

 

 

 

 

 

Che sia nella versione classica al caffè, o in quella super golosa al pistacchio o ancora nella versione latte e menta, lo shakerato rende freschi e felici tutti, non è vero?!

 

 

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Confettura bianco d’anguria

Sei pronto a preparare la confettura bianco d’anguria?
L’anguria: quel frutto succoso, dissetante, rosso fuoco, rosso passione, rosso estate!
Eh si, l’anguria è tra i frutti più rappresentativi dell’estate: ci disseta e rinfresca dalla calura e dall’afa! Alzi la mano chi non rinuncia ad una bella fettona d’anguria?! Quante bucce però si accumulano nelle pattumiere delle nostre case, vero? Beh oggi vi do la mia ricettina per utilizzare parte di questi “scarti”, preparando una deliziosa confettura bianco d’anguria! Vi assicuro, ne rimarrete sorpresi per la bontà. Così potrete gustare l’estate, anche in inverno! E ora…allaccia il grembiule e via in cucina!

  • Ecco la video ricetta passo passo ->

Confettura bianco d’anguria

 

INGREDIENTI

  • 1 kg di polpa bianca d’anguria
  • 300 g. di zucchero
  • 50 g. di marsala

 

PREPARAZIONE

Fette su fette d’anguria addenti in estate, vero? Bella fresca e dissetante!
Allora fai così: taglia la polpa rossa dell’anguria, quella bella dolce e fresca e riponila in un contenitore nel frigorifero, così quando ne avrai voglia è già pronta per essere addentata!

Se ti va, potrai preparare anche un dissetante sorbetto d’anguria! Clicca sulla foto per prepararlo insieme a me!

 

 

 

 

 

 

Aspetta, aspetta! Non buttare le bucce! Elimina la parte dura e verde e metti da parte la polpa bianca.
Adesso taglia in tocchetti la polpa bianca che hai ricavato e mettila in un’ampia pentola, dal doppio fondo.
Perchè il doppio fondo? Beh, vista la cottura prolungata, sarà d’aiuto per evitare che bruci la confettura!

Per ogni chilo di polpa bianca, aggiungo 300 grammi di zucchero e 50 grammi di marsala.
Non diminuire la quantità di zucchero e di marsala, perchè serviranno come conservanti, insieme al metodo del sottovuoto!
Ovviamente se preferisci una confettura bianco d’anguria più dolce, aumenta la dose di zucchero, ma non oltre i 450 grammi per chilo, altrimenti rischi di ottenere un caramello ahah!!!

Io come liquore ho scelto il marsala, ma puoi usare anche dell’ottimo rhum, del limoncello o anche della vodka magari al melone! Sta a te decidere! Questo servirà a dare aroma alla confettura, ma potranno mangiarla anche i più piccoli, perchè in cottura l’alcool evaporerà, lasciando solo la sua nota aromatica.

Una volta uniti in pentola la polpa bianca, lo zucchero ed il marsala, mescola bene, chiudi con un coperchio e lascia riposare almeno un’ora.

Dopo un’ora noterai che si sarà formato il liquido di macerazione, che ci servirà per la cottura della confettura.

Porta la pentola sul fuoco con fiamma al minimo e lascia cuocere per un’ora, mescolando di tanto in tanto.

Dopo la cottura frullo tutto con un minipimer per ottenere una confettura vellutata, ma se a te piacciono i pezzettoni puoi decidere di frullarne la metà o addirittura non frullare affatto!

E’ il momento di invasare!
Mi raccomando, sterilizza i barattoli! Io utilizzo un metodo veloce e semplice: clicca sul barattolo per sapere come faccio!

 

 

Versa poi la confettura ancora calda nei barattoli anch’essi caldi. Mi raccomando: entrambi caldi, altrimenti lo shock termico potrebbe far crepare il vetro dei barattoli!

Se nel frattempo la confettura si dovesse essere raffreddata, riscaldala un attimino e procedi ad invasare!
Pulisci eventuali gocce di confettura che possono esserti cadute durante la procedura di invasamento; chiudi bene col tappo e capovolgi il barattolo.
Lascia raffreddare i barattoli capovolti su di un piano dritto: si creerà il sottovuoto, che permetterà la lunga conservazione della confettura!

Non è necessario conservare in frigorifero: basta riporre i barattoli freddi, in un luogo buio ed asciutto, così potrai assaporare l’estate tutto l’anno, grazie alla confettura bianco d’anguria!

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Torta di pasta alla parmigiana

Siete pronti a preparare insieme a me questa invitante torta di pasta alla parmigiana?
L’idea mi è venuta perchè in casa, da buon italiani, amiamo la pasta. In più il mio adorabile maritino va matto per la parmigiana di melanzane e allora ho pensato: perchè non unire queste due deliziose portate in una bella torta di pasta?
Vi assicuro che farete un figurone quando la servirete ai vostri commensali! E ora allacciate il grembiule e via in cucina!

  • Ecco la video ricetta passo passo ->

Torta di pasta alla parmigiana

INGREDIENTI

  • 2 melanzane di media grandezza
  • 800 g. di passata di pomodoro
  • 500 g. di penne rigate (si consiglia “Pasta Valdigrano”)
  • 200 g. di ricotta di bufala
  • 300 g. di mozzarella
  • q.b. olio di arachidi
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva
  • sale e pepe a gusto
  • 1 cucchiaino raso di zucchero
  • q.b. basilico

PREPARAZIONE

Preparare questa torta di pasta alla parmigiana è davvero molto semplice!

Per prima cosa, bisogna occuparci delle melanzane, che rappresentano l’involucro esterno della torta.

Come nella parmigiana classica, le melanzane andrebbero fritte, ma se mi conoscete bene io preferisco la frittura in forno, come per i peperoni.

 

 

Quindi anche in questo caso utilizzerò questa tecnica di cottura: lavo bene le melanzane e senza sbucciarle le taglio in fette di mezzo centimetro di spessore.
Passo velocemente le fette di melanzane nell’olio di arachidi: un movimento veloce e lasciando sgocciolare l’olio in eccesso. Si può anche spennellare ogni fetta, ma vi assicuro che così è rapido e avrete cosparso d’olio tutta la fetta, senza eccessi.
Sistemo le fette ben distanziate tra loro su una griglia appoggiata ad una placca da forno. Cuocio poi in forno già caldo alla massima temperatura fino a doratura, circa 5 minuti.
Procedo così per tutte le fette di melanzane.

Ed ora tocca a preparare il sugo di questa torta di pasta alla parmigiana. Io preferisco fare un sughetto veloce, senza allungare troppo i tempi di cottura ed è per questo che lo preparo intanto che l’acqua per la pasta raggiunge il bollore.
Metto appunto l’acqua per la pasta ed intanto lascio imbiondire uno spicchio d’aglio nell’olio d’oliva. Aggiungo poi la passata di pomodoro ed aggiusto di sale, pepe e zucchero. Mescolo e lascio cuocere giusto il tempo di cottura della pasta.

Ecco l’acqua bolle! Una manciata di sale grosso e butto la basta: mi raccomando di cuocerla al dente!
Anche il sugo è pronto: al suo interno stempero la ricotta di bufala ed aggiungo anche una generosa pioggia di basilico in foglie leggermente spezzettato. Condisco la pasta con i tre quarti del sugo.

Compongo la torta di pasta in uno stampo a cerniera di 20 centimetri di diametro: mi raccomando, fodera la base con della carta da forno.
Con le melanzane fodero tutto lo stampo per benino, bordi e base. Dopodichè riempio lo stampo alternando strati di pasta a strati di mozzarella. Ultimo chiudendo con le fette di melanzana.

Cuocio in forno già caldo a 200° per circa 30/40 minuti: a questo punto potreste anche servirla.
Io preferisco invece prepararla il giorno prima e fare la cottura. Il giorno dopo la passo in forno a 180° per una ventina di minuti. La sformo sul piatto da portata e, come si glassa una torta dolce, ultimo con la salsa rimanente e una pioggia di mozzarella!

Che ne dite? Vi piace la mia torta di pasta alla parmigiana? Eccoti una fetta!

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

 

Gelato al caffè

Ciao a tutti è Angela che vi parla…come va? Visto che caldo? E un gelato è proprio quello che ci vuole!
Per gli amanti del caffè, come me, un gelosissimo gelato dal sapore intenso e deciso, preparato senza uova e senza gelatiera! Non ci credi? Leggi la ricetta e vedrai! E per prenderti ancora di più per la gola, ti servo il gelato al caffè su un morbidissimo waffel, con una spolveratina di cacao amaro e una pioggia di decorazioni in cioccolato! Non puoi resistere! Dai, allaccia il grembiule e via in cucina!

  • Ecco la video ricetta passo passo ->

Gelato al caffè senza uova

INGREDIENTI

– per il gelato

– per servirlo

 

PREPARAZIONE

Realizzare questo golosissimo gelato al caffè è davvero semplice e veloce!
Per prima cosa prepara il caffè, perchè per utilizzarlo ti servirà ben freddo! Sei libero di farlo espresso, come nel mio caso, o con la moka.
Pronto il caffè? Bene! E’ giunto il momento di dolcificarlo! Nelle dosi che ti ho indicato otterrai un gelato non tanto dolce, ma sta a te deciderne il grado di dolcezza: attento però che utilizzerai la panna da montare già zuccherata, quindi non esagerare, altrimenti il tuo gelato al caffè avrà un sapore stucchevole
Al caffè ancora caldo, aggiungo anche il caffè solubile: questo per ottenere un sapore più intenso e deciso!

Ok, adesso lascia raffreddare il caffè!
Approfitta per mettere in freezer la ciotola dove monterai la panna e le fruste che userai: più freddi saranno gli utensili e migliore sarà il risultato!

Ok tutto pronto: versa nella ciotola la panna, il caffè e la grappa.
Perchè la grappa? La componente alcoolica impedirà la formazione dei cristalli di ghiaccio e avrai così un gelato bello cremoso! Puoi sostituire la grappa con del liquore al caffè o anche del rhum.
E se il gelato lo mangiano anche i più piccoli? Beh, evita l’alcool e prima di portare in tavola il gelato, lascialo una decina di minuti fuori dal freezer!

Tornando alla ciotola…ora non ti resta che montare! Aziona le fruste prima a bassa velocità (vorrai mica stare lì a pulire tutte le piastrelle della cucina?!) dopo aumenta pian piano. Ehi fermati fermati! Non devi montare la panna al massimo, come per farcire una torta, basta che sia semimontata e cremosa.

Ok ora non ti resta che versare il gelato in un contenitore che chiuderai con un coperchio e…tienilo in freezer almeno tre ore prima di servirlo!

Vuoi un’idea carina e soprattutto golosa per servirlo?
Riscalda un waffel in padella per un minutino per lato. Fatto? Bene, sistemalo in un piatto e adagia tre palline di gelato. Per un tocco in più ti consiglio di dare una spolveratina di cacao amaro e una pioggia di decorazioni in cioccolato.

Dì la verità, ti ho fatto ingolosire eh?!
Dai preparalo anche tu!

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Nuvoletta di ciliegie

Le ciliegie sono un frutto che adoro. Aspetto con ansia i mesi di maggio e giugno per poterne fare scorta! Io golosa come sono, ho voluto creare questa nuvoletta di ciliegie, dove la parte spugnosa del dolce ha questo frutto come protagonista.

Ci sono molte leggende che circolano sulle ciliegie, a temi contrastanti tra loro. In Giappone, i fiori sono il simbolo nazionale: secondo una leggenda, prima erano bianchi, ma quando i samurai caduti in guerra furono sepolti sotto l’albero di ciliegio, i fiori divennero rosa per il sangue versato da questi combattenti. Nei miti greci il ciliegio rappresenta un simbolo fortunato agli innamorati. E nella nostra terra, in Italia, esattamente in Sicilia, si dice che tutte le dichiarazioni d’amore che vengono fatte sotto un ciliegio, siano destinate a durare per sempre.

Nuvoletta di ciliegie…un nome carino per una torta, non credete? Ho chiamato così questa torta perché nell’aspetto somiglia proprio ad una nuvola…o sono le nuvole a sembrare panna montata?! Non facciamoci troppe domande e…allacciamo i grembiuli e corriamo in cucina a preparare questa dolce nuvoletta!

  • Ecco qui la video ricetta passo passo ->

 

Nuvoletta di ciliegie

INGREDIENTI

– per la base del dolce

  • 400 g di farina
  • 4 uova
  • 150 g di burro
  • 200 g di zucchero
  • 60 ml di liquore cherry
  • 40 ml di acqua
  • un pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 400 g di ciliegie candite

– per la farcitura

  • 450 ml di latte
  • 1 confezione di “dolceneve Paneangeli”
  • amarene sciroppate q.b.
  • fiori secchi di fiordaliso q.b.

PROCEDIMENTO

La prima cosa da fare è la cottura delle ciliegie, perchè ci serviranno fredde per inserirle nell’impasto.

All’interno di una padella antiaderente taglio le ciliegie a pezzetti; avevo qualche amarena in più tra quelle per la decorazione e ho inserito anche quelle, rispettando ovviamente il totale dedi 400 grammi.
Una volta tagliate, verso tutta l’acqua e tutto il liquore e lascio cuocere a fiamma bassa dai 5 ai 10 minuti: dovrà restringerti un po’ il liquido, ma non del tutto.

Questo passaggio serve per “caricare” di sapore le ciliegie ed ammorbidirle un po’.
Una volta cotte, lascio raffreddare. intanto sciolgo il burro per la preparazione della base.

Ora mi occupo della base: all’interno della ciotola della planetaria (o una classica ciotola se utilizzerete le fruste elettriche) monto a spuma le uova con lo zucchero per almeno 10 minuti.
Dopodichè aggiungo il sale e tutta la farina; metto anche la bustina di lievito ed aziono la macchina fino a che il composto si sarà ben amalgamato.

Mentre le fruste vanno aggiungo a filo il burro sciolto, ma tiepido. Aggiungo anche l’estratto di vaniglia; dopodichè aggiungo le ciliegie precedentemente cotte insieme al liquido avanzato. Faccio una prima mescolata con la planetaria ed ultimo poi a mano.

Ho foderato uno stampo da 20 centimetri di diametro con la carta forno e la base con burro e farina. Verso l’impasto al suo interno e cuocio la torta nuvoletta in forno pre riscaldato a 180° per 50/60 minuti: fate la prova stecchino, tutto dipende dal vostro forno.

Preparo poi la farcitura montando a neve ferma il latte con la bustina di dolceneve.
Pronta la crema e raffreddata la torta è giunto il momento di assemblare tutto.
Taglio la torta in tre strati utilizzando un coltello a lama lunga seghettata.

Adagio sul piatto da portata il primo disco di torta e farcisco con un abbondante strato di panna. Faccio lo stesso anche per il secondo disco.

Adagio poi l’ultimo disco di torta e ricopro con un primo strato sottile di panna per riempire i dislivelli. Dopodiché utilizzando il dorso di un cucchiaio decoro la torta con la panna. Così facendo si creerà un effetto mosso come una nuvola!

Decoro con amarene sciroppate e fiori secchi di fiordaliso.
E la torta è servita, dopo averla tenuta qualche ora in frigorifero.

Buona estate a tutti

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Sorbetto di anguria

Il sorbetto di anguria…facilissimo da preparare! Oltre ad essere dissetante è un ottimo alleato quando in estate passano a trovarci gli amici! Così tra una chiacchiera e l’altra, potrete allietare i vostri ospiti dalla calura estiva. Gli ingredienti principali sono soltanto due: anguria ed acqua. Io però ho voluto farne una versione più golosa ed alcolica, che vi assicuro sarà un successone! E ora…allacciate i grembiuli!

 

  • Ecco qui la video ricetta passo passo ->

 

Sorbetto di anguria

INGREDIENTI (per 2 persone)

  • 400 g di anguria al netto degli scarti
  • 20 ml sciroppo d’amarena
  • 60 ml di vermouth bianco
  • acqua q.b.
  • fiordaliso essiccato per decorare

PROCEDIMENTO

La prima cosa da fare è quella di tagliare l’anguria in fette.

Dopodiché taglio la buccia ricavando soltanto la polpa da ciascuna fetta. Divido poi l’anguria in pezzetti più piccoli avendo cura di privarli dei semi.

Questo passaggio molto importante perché successivamente sarà più facile poi frullare i pezzetti se sono più piccoli.

Adagio i pezzetti puliti su dei vassoi e poi metto a congelare per almeno 2 ore. Solitamente congelo una maggiore quantità di anguria così l’avrò sempre a portata di mano all’occorrenza per preparare il sorbetto.

In questo caso trascorse le 2 ore di congelamento porziono l’anguria nei sacchetti da freezer e lì tirerò fuori al momento che mi serviranno.

Ora prepariamo il nostro sorbetto!

Per poterlo realizzare abbiamo bisogno comunque di un buon frullatore perché comunque stiamo frullando del ghiaccio.

Metto pezzetti di anguria all’interno del frullatore e aggiungo lo sciroppo di amarena, il vermouth e un paio di cucchiai d’acqua.

L’acqua ci servirà per facilitare il lavoro del frullatore ecco perché non ti ho dato una quantità ben definita di acqua. Se vedete che vostro frullatore fatica aggiungete qualche altro cucchiaio d’acqua, ma mi raccomando di non esagerare perché risultato finale dovrà essere un sorbetto cremoso e non liquido.

Per facilitare il lavoro del frullatore, frulliamo in modalità “pulse” a scatti di due o tre secondi. Mi raccomando “pulse” non dovrà essere una modalità continua altrimenti rischieremo di bruciare il motore.

Verso poi il sorbetto all’interno dei bicchieri e decoro con qualche fiore essiccato di fiordaliso ed un pezzetto di anguria.

Buona estate a tutti!

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Semifreddo al caffè

Un goloso e sano semifreddo al caffè…come rifiutare una fetta?! Un lingotto goloso, con strati morbidi e croccanti… Non solo travolgerà il vostro palato, ma con poco sforzo, porterete in tavola un dolce bello anche da vedere! E perchè no, con qualche ciuffo di panna e delle scagliette di cioccolato, diventerà una golosissima torta di compleanno! E se siete amanti del caffè, vi consiglio questo golosissimo shakerato!

Il caffè, l’oro nero in tazza! Io da buon napoletana lo adoro e non c’è risveglio senza la mia tazzina di caffè. A proposito di tazzina di caffè, conoscete la tradizione napoletana del “caffè sospeso”?
La tradizione del caffè sospeso, una pratica antica che è ritornata a rifiorire nei bar di Napoli e consiste nel fatto che una persona entra nel bar e si beve il suo caffè, ma invece di pagarne uno ne paga due: è un gesto di generosità nell’offrire il caffè ad un estraneo che successivamente si affaccia al bancone del bar. Al giorno d’oggi questa pratica del caffè sospeso è semplicemente un gesto di generosità pura in quanto questo secondo caffè può capitare che venga preso da una persona benestante, piuttosto che una persona umile. Ma questa è una pratica di solidarietà che trova le sue radici al tempo della Seconda Guerra Mondiale dove chi poteva permettersi di andare al bar a prendersi il caffè ne lasciava uno “sospeso” per coloro i quali in quel momento storico erano impossibilitati a farlo!

E ora…allacciate i grembiuli e via in cucina a preparare questo golosissimo semifreddo al caffè!

  • Ecco qui la video ricetta passo passo ->

Semifreddo al caffè

 

INGREDIENTI

– per la base

  • 400 ml di caffè amaro
  • 300 g di frollini

– per la crema

  • 500 g di ricotta
  • 500 g di mascarpone
  • 500 ml di panna da montare
  • 200 g di zucchero
  • 50 g di caffè solubile
  • 50 ml di latte

– per la decorazione

  • cacao amaro in polvere q.b.
  • chicchi di caffè

PREPARAZIONE

Inizio subito a preparare il caffè, così sarà ben freddo quando mi servirà. Utilizzarlo troppo caldo renderebbe i biscotti subito mollicci, ma io voglio che restino umidi, ma friabili.
Una volta pronto il caffè lo lascio raffreddare e preparo la crema.

In una ciotola metto tutta la ricotta, tutto il mascarpone e tutto lo zucchero: con l’aiuto delle fruste elettriche amalgamo bene il tutto.

Monto la panna a neve ben ferma in un’altra ciotola ; dopodichè al suo interno aggiungo la crema di formaggi preparata precedentemente. Inizio ad amalgamare i due composti con l’aiuto delle fruste elettriche ed ultimo con una mescolatina con la spatola, per essere sicura che i due composti si siano ben amalgamati.

Divido poi la crema ottenuta in due ciotole, perchè una resterà bianca, l’altra diventerà al caffè.
In una tazza sciolgo il caffè solubile all’interno del latte: non preoccupatevi se sembrerà troppo denso, è così che dovrà essere.
Aggiungiamo poi la cremina di caffè all’interno di una ciotola con la crema bianca e mescoliamo fino ad ottenere una bella crema liscia.

Ora è arrivato il momento di assemblare questo gustoso semifreddo al caffè!

Io ho utilizzato uno stampo rettangolare della misura di 20×10 cm, perchè poi ho realizzato anche quattro bicchieri da gustare freddi, come mousse. Vi farò vedere più avanti, ora procediamo col semifreddo.

Bagno con dell’acqua lo stampo per far aderire meglio la pellicola, che ci servirà successivamente per sformare il semifreddo al caffè.

Una volta rivestito lo stampo, faccio un primo strato di biscotti bagnati nel caffè e procedo poi con uno strato generoso di crema bianca. Livello bene la crema e faccio un secondo strato di biscotti sempre bagnati nel caffè ed aggiungo un abbondante strato di crema al caffè. Ultimo con uno strato di biscotti.

Dopodichè chiudo con la pellicola e lascio assestare in freezer fino al momento di servire, ma non meno di due ore. Al momento di servirlo, sarà sufficiente tirarlo dal freezer 10 minuti prima per poi offrirlo su di un piatto da portata con una spolverata di cacao in polvere.

Se avete utilizzato uno stampo rigido come il mio, passatelo leggermente sotto l’acqua calda, così sarà più facile sformarlo. Se invece utilizzate uno stampo in silicone, abbiate cura di allargare leggermente le pareti dello stampo prima di sformare il semifreddo al caffè.

Come vi dicevo prima, con i rimanenti ingredienti ho realizzato quattro coppette morbide, come una mousse: ho spezzettato grossolanamente i biscotti sul fondo del bicchiere ed ho aggiunto 2 cucchiai di caffè. Dopodichè ho proseguito come per il semifreddo: crema bianca, biscotto, crema al caffè ed ho concluso con una spolverata di cacao amaro.

Questa versione è ottima nella stagione più fresca ed è comodissima se avete ospiti improvvisi e non sapete che dolce servire in tavola. Se invece avete più tempo a disposizione e siete nella bella stagione, il semifreddo al caffè ci sta tutto!

Ciao e alla prossima!

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Pasta fredda ai peperoni

La pasta fredda è un “must” della stagione estiva: quando il caldo ci fa perdere la voglia di passare troppo tempo ai fornelli…quando le giornate si allungano e piuttosto che stare in casa si preferisce fare un bel pic nic all’aperto…ed è in queste situazioni che la pasta fredda ci delizia il palato! Noi la adoriamo e come verdura estiva siamo innamorati dei peperoni ed è così che ho deciso di fare un bel piatto di pasta fredda ai peperoni! Pochi ingredienti per un piatto goloso e semplice!
Cos’aspettate? Allacciate i grembiuli e via in cucina!

 

  • Ecco qui la video ricetta passo passo ->

 

 

Pasta fredda ai peperoni

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • 350 g di pasta (nel mio caso conchiglie gluten free “Wellfood”)
  • 1 peperone grande
  • 50 g di olive nere a rondelle
  • 50 g di olive verdi a rondelle
  • 1 rametto di origano fresco
  • 1 spicchio d’aglio
  • 7 cucchiai di olio d’oliva
  • 200 g di passata di pomodoro
  • 1 cucchiaino di aglio in polvere
  • 1 ciuffo di basilico

PREPARAZIONE

Inizio col pulire bene il peperone: dopo averlo lavato elimino tutte le venature bianche all’interno ed i semi. Lo taglio a listarelle e poi in tocchetti non troppo piccoli.

In un’ampia padella metto a soffriggere lo spicchio d’aglio nei cinque cucchiai d’olio e una volta che l’olio si è aromatizzato, aggiungo i peperoni, tutte le rondelle di olive, aggiusto di sale e dopo una bella mescolata, lascio cuocere con coperchio, in modo che ci sia una bella cottura omogenea, evitando la frittura delle verdure.

Intanto metto a cuocere la pasta in abbondante acqua salata.

A parte preparo un sughetto velocissimo: in un padellino metto il rimanente olio, l’aglio in polvere e la passata di pomodoro. Aggiungo il basilico spezzettato a mano e lascio restringere per una decina di minuti.

Quando tutte le cotture sono terminate è arrivato il mio momento preferito: amalgamare insieme tutti i sapori!!!

Scolo la pasta e la condisco con i peperoni e l’origano.

Siccome ad alcuni dei miei ospiti non piace la pasta senza sugo, la riduzione di passata che ho fatto, l’ho servita utilizzandola come decorazione del piatto, così ogni commensale ha potuto decidere se amalgamare la salsa alla pasta o perchè no, intingere un tozzetto di pane al suo interno!

Ed il piatto è servito! Servo i conchiglioni freddi, ma voi potete anche gustarli da caldi…come preferite!

Come la mangerete, sta a voi deciderlo! Ma vi assicuro che questa pasta fredda ai peperoni è buonissima!

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Pesto di pan di zucchero

Pesto di pan di zucchero per tutti! Una versione sfiziosa e leggermente piccantina del pesto… E dopo il pesto di peperoni, quello di zucchine, il pesto di rucola, quello di asparagi ed il classico e amatissimo pesto genovese, oggi vi propongo un’altra versione: il pesto di pan di zucchero! Sebbene il nome possa trarci in inganno il pan di zucchero è una verdura, precisamente una tipologia di radicchio. Quest’ortaggio non ha niente a che vedere con l’Isola Pan di Zucchero in Brasile e non lasciatevi ingannare dal termine “zucchero”, perchè il suo sapore e leggermente amaro.
Ottimo alleato dell’intestino perchè ricco di fibre; inoltre stimola il fegato e le vie biliari.
E oggi è proprio lui ad essere l’ingrediente principe della mia ricetta. E ora…allacciate il grembiule!

  • Ecco qui la video ricetta passo passo ->

 

Pesto di pan di zucchero

INGREDIENTI

  • 100 g di foglie di pan di zucchero
  • 15 g di mandorle
  • 70 g di formaggio grattugiato
  • 80 ml di olio di oliva
  • un pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di patè di peperoncino “Cannamela”

PREPARAZIONE

La prima cosa da fare è quella di lavare bene le foglie di pan di zucchero, staccandole dal cespo e lavandole una ad una.

Una volta lavata la verdura, la adagio in una pentola con l’acqua che sfiora il bollore e lascio appassire per massimo tre o quattro minuti.

Dopodichè con una schiumarola prelevo dalla pentola il pan di zucchero e lo lascio sgocciolare in un colapasta.

Ora è il momento di creare il pesto!

Nel boccale del frullatore metto le mandorle, il formaggio grattugiato, le foglie di pan di zucchero, il patè di peperoncino, l’olio ed il pizzico di sale.

Aziono dapprima il frullatore in modalità “pulse”, per far sì che gli ingredienti si miscelino tra loro, dopodichè frullo alla massima velocità per due o tre minuti o comunque fino a quando non si sarà creata una bella cremina, il pesto per l’appunto.

Il pesto è pronto!

Potete utilizzarlo subito, oppure dopo qualche giorno, conservandolo in un vasetto e coprendo la superficie con dell’olio.

Se avete fatto tanto pesto, tranquilli che potete surgelarlo! Io vi consiglio di porzionarlo in stampini di silicone da muffin e una volta surgelati, raccoglierli tutti all’interno di una bustina: in tal modo avrete delle porzioni già pronte, che scongelerete al momento opportuno.

Ciao e alla prossima ricetta!

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!