Pesto con gambi di friarielli

La ricetta che vi propongo oggi è un “anti spreco” alimentare. Ai nostri tempi lo spreco alimentare è un inaccettabile paradosso! La catena di produzione e consumismo si trova ad avere una doppia faccia, come una moneta: da un lato c’è la necessità di incrementare la produzione alimentare per nutrire una popolazione in continua crescita, dall’altro nel mondo si spreca oltre un terzo del cibo prodotto, di cui l’80% sarebbe ancora consumabile. Sprecare cibo ha un impatto a livello mondiale: basti pensare allo spreco di terra, di acqua e di fertilizzanti, nonchè le emissioni di gas serra generati non solo durante la fase di produzione, ma anche in quella dello smaltimento rifiuti. Sprecare meno, gioverebbe anche a livello della singola persona: in media ogni famiglia spreca €25 di cibo al mese, tra scarti che potrebbero essere riutilizzati, a cibo ormai scaduto o andato a male.
Ed ecco che su questa riflessione ho voluto creare questo pesto! Non storcete il naso, vi assicuro che questo pesto con gambi di friarielli è una vera goduria! Allacciate i grembiuli e via in cucina!

  • Ecco qui la video ricetta passo passo ->

Pesto con gambi di friarielli

INGREDIENTI

  • 50 g. di gambi di friarielli (cime di rapa)
  • 70 g. di parmigiano grattugiato
  • 1 spicchio d’aglio
  • 20 g. di mandorle pelate (si consiglia “Naturaviva Gsl”)
  • peperoncino contuso a gusto (si consiglia “Naturaviva Gsl”)
  • 100 g. di olio d’oliva

 

PREPARAZIONE

Questa è una ricetta di recupero, perchè in cucina (dov’è possibile) non bisogna scartare nulla!

I gambi dei friarielli, conosciuti anche come cime di rapa, rappresentano lo scarto di questa verdura, ma oggi vi insegno come non buttarli via ed utilizzarli per un ottimo e cremoso pesto.

Procediamo! Lavo bene i gambi e di questi utilizzo la parte più sottile e morbida, dove spesso ci sono attaccate ancora delle piccole foglioline. Scarto la parte più spessa, per intenderci quei 2/3 centimetri che sono sul terreno, perchè più fibrosi e coriacei.

Una volta puliti i gambi li cuocio in acqua bollente (senza sale) per 15/20 minuti: voi provate a fare pressione sul gambo e se risulta morbido, è pronto!

Quanto sono cotti i gambi, li scolo in acqua ghiacciata, che ho tenuto in feezer fino all’utilizzo. Questo shock termico mi serve non solo per raffreddare più velocemente i gambi, ma soprattutto per preservarne quel bel colore verde.

Adesso non resta altro che amalgamare i gambi con i restanti ingredienti.

Quindi all’interno del boccale del frullatore verso le mandorle pelate, l’aglio, il peperoncino ed il parmigiano ed aziono in modalità “pulse” per farsì che aglio e mandorle inizino a sminuzzarsi.

Dopodichè aggiungo tutti i gambi e frullo versando a filo l’olio.

Aggiungo i gambi tutti in una volta perchè dispongo di un buon frullatore, ma se voi credete che il vostro non riesca a frullare i gambi tutti insieme o temete che il motore si surriscaldi, aggiungeteli un po’ alla volta, insieme all’olio.

Ed ecco pronto il pesto con gambi di friarielli! E’ ottimo per condire la pasta, ma anche come salsina di accompagnamento per stuzzichini e secondi.

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Precedente Treccia rustica farcita Successivo Millefoglie Terra Mia