Trippa

%name Trippa
Ci sono tanti modi di cucinare la trippa,oggi voglio darvi la mia di ricetta della trippa ma cotta nella pentola a pressione e vi assicuro che il gusto non ci perde anzi,secondo me è molto più buona e profumata. La trippa è consumata da tempi antichi,considerata un alimento povero della cucina contadina,diventato oggi un alimento tradizionale di molte regioni d’Italia,viene venduta già lavata e parzialmente cotta,richiede poi altro tempo di cottura sia per acquistare la giusta morbidezza sia per amalgamare tutti gli aromi che le danno un sapore appetitoso.La trippa è una frattaglia usata in gastronomia é ricavata dalle diverse parti dello stomaco,non è per niente grassa come molti erroneamente credono.La trippa cotta in pentola classica ha bisogno ci almeno tre ore di cottura affinché risulti della giusta consistenza,ho provato a cuocerla nella pentola a pressione per abbattere i tempi e poterla gustare più spesso durante il periodo invernale,devo dire che il risultato finale non ha deluso le mie aspettative sia nel gusto che nel profumo,era talmente buona che sono riuscita a salvare pochi cucchiai per le foto.Se piace anche a voi la trippa non vi resta che provare la mia ricetta e la cottura veloce se avete la pentola a pressione,anzi vi consiglio di comprarla perché vi darò tantissime ricette da prepare in poco tempo.Questi primi giorni autunnali belli freschi sono l’ideale per gustarvi un bel piatto caldo di trippa,non mi resta che augurarvi Buon appetito.

Ingredienti
800 gr trippa precotta
3 coste di sedano
4 carote
2 cipolle dorate
1 rametto di rosmarino
3 foglie di alloro
3 patate medie
300 gr di fagioli borlotti già cotti
1 spicchio d’aglio
1 ciuffo di prezzemolo fresco tritato
1 litro di acqua
3 cucchiai di concentrato di pomodoro
sale e pepe
4 cucchiai da cucina di olio evo
parmigiano grattugiato

Procedimento
Preparate un bel soffritto di sedano, carota e cipolla (tenete da parte mezza cipolla)tagliati a dadini,fate soffriggere nella pentola a pressione con l’olio evo e,uno spicchio d’aglio(che poi eliminerete).Quando il soffritto sarà ben stufato,mettete la trippa tagliata a listarelle, aggiungete il rosmarino e l’alloro, che poi a fine cottura eliminerete.Appena hanno preso colore cominciate ad aggiungere, man mano l’acqua precedentemente scaldata.Salate e pepate.Unite il concentrato di pomodoro e unitelo alle trippa.Chiude la pentola a pressione.Fate cuocere a fuoco alto fino a quando non inizierà a sbuffare vapore dai fori,da questo momento calcolate 25 minuti di cottura a fuoco medio/basso.Nel frattempo in una pentola fate rosolare mezza cipolla tagliata a fettine sottili,tre patate tagliate a cubetti e i fagioli borlotti cotti precedentemente con due mestoli della sua acqua di cottura,salate e pepate,coprite e cuocete a fuoco basso per 15 minuti.
A fine cottura spegnete i fuochi e attendete che la valvola faccia il suo classico rumore per poter togliere il coperchio,quindi eliminate il rametto di rosmarino e alloro,aggiungete il tris di cipolle,patate e fagioli,riaccendete ancora i fuochi e fate cuocere a fuoco medio senza coprire per 10-15 minuti.Aggiungete il prezzemolo tritato, regolate di sale e pepe e unite una bella manciata di parmigiano grattugiato.
Servite la trippa calda con pane casareccio a fette e volendo spolverate ancora con il parmigiano grattugiato.
%name Trippa

Pubblicato da Elisabetta La Cerra

Mi presento,ciao a tutti mi chiamo Elisabetta ho 50 anni,vivo in provincia di Bergamo con mio marito e due figlie,da sempre la mia grande passione é la “CUCINA” che ho sempre condiviso con amici e parenti,vi dò il benvenuto nel mio blog In cucina con le mie amiche per condividere ricette e consigli con chi come me ama spentolare dalla mattina alla sera di tutto e di più,vi aspetto.Non sono una chef,non ho fatto scuola,non ho tecnica,ma tanto amore che metto in ogni piatto pensando al piacere di chi lo gusterá.Mi trovate ogni mese in edicola anche sul mensile “Tutto cucina” con la rubrica “Stagioni e Tradizioni” e uno “Speciale” tutto mio e sulla mia pagina facebook che ha lo stesso nome del blog.