Pezzetti di cavallo

image5 854x1024 Pezzetti di cavallo

I pezzetti di cavallo in dialetto leccese Pezzetti te cavaddhrü fanno parte della tradizione gastronomica Salentina.Nel mese di Agosto tante le sagre dedicate a questo piatto.Ognuno però, ha la sua piccola variante della ricetta,io stessa nè ho assaggiate e cucinate diverse negli anni,la maggior parte delle ricette dei pezzetti di cavallo è cucinata con cipolla,sedano e carote.La variante che voglio proporvi oggi è senza ortaggi e cucinata nella pentola di coccio come da tradizione,ma se non ne avete una va bene comunque una delle nostre moderne pentole di acciaio.Chi è stato almeno una volta nel magnifico Salento conosce i pezzetti di cavallo,d’estate in tutta la provincia di Lecce è onnipresente,servito in piatto o nel mitico “panino cu li pezzetti” ecco secondo me i pezzetti mangiati nel panino hanno un non sò che…non sò spiegarvelo quindi preparatelo e assaggiatelo con pane casareccio e…capirete!Non dimenticate di accompagnare i pezzetti di cavallo con un bel bicchiere di buon vino rosso io che lo adoro ho scelto Primitivo di Puglia.Pensate a una bella tavolata con amici la pentola di coccio fumante al centro e gli amici tanti tanti,vicini vicini con ognuno il suo piatto e panino da farcire bè che manca ahhhhhh cin cin eeeee Buon appetitoooooooo!

Ingredienti
Per 4/6 persone
1 kg di polpa di cavallo
6/7 foglie di alloro una cipolla
peperoncino piccante( o 1 cucchiaio di cunserva mara)
sale q.b
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
200 gr di concentrato di pomodoro
1 cipolla rossa
1 spicchio d’aglio
1/2 bicchiere di vino rosso
10 chiodi di garofano
20 grani di pepepe nero

Preparazione
Pulire bene il pezzo di carne da eventuali grassi, metterlo in una pentola(possibilmente di creta)e ricoprirlo con acqua corrente fredda con acqua fredda,unire 3 foglie di alloro,metá dei grani di pepe e dei chiodi di garofano.Iniziare la cottura a fuoco forte portando ad ebollizione,togliere la schiuma e le impurità che si formano.
image7 150x150 Pezzetti di cavallo
Dopo circa 20 minuti dall’ebollizione spegnere e coprire.In una pentola di coccio (se possibile)preparare una base di olio extra vergine di oliva far imbiondire uno spicchio d’aglio e una cipolla a pezzetti che poi eliminerete,quindi aggiungere la carne di cavallo precedentemente tagliata a pezzetti.
image8 150x150 Pezzetti di cavallo
image9 150x150 Pezzetti di cavallo
Far rosolare e innaffiare con del buon vino rosso(io ho usato Primitivo di Puglia)Lasciare evaporare per circa, 5 minuti e aggiungere la conserva di pomodoro,due mestoli di acqua della bollitura della carne tenuta da parte e filtrata,le foglie di alloro,i grani di pepe,i chiodi di garofano,il peperoncino o la conserva amara.
image10 150x150 Pezzetti di cavallo
Far cuocere il tutto per circa 2/3 ore a fuoco bassissimo controllando spesso che non si attacchi alla pentola e all’occorrenza bagnare con poca acqua sempra della bollitura della carne.
image11 150x150 Pezzetti di cavallo
Quasi a fine cottura salare e controllare che i pezzetti siano cotti e morbidi ma non spappolati e il sugo ben ristretto.Il pane della foto è fatto da me solo acqua,poco lievito di birra e semola di grano duro rimacinata.Domenica ho rifatto i pezzetti di cavallo per voi,in una comuna pentola ed erano buonissimi,quindi andate sul sicuro provare per credere…
image12 150x150 Pezzetti di cavallo
Le foto sono appunto della cottura di domenica

Pubblicato da Elisabetta La Cerra

Mi presento,ciao a tutti mi chiamo Elisabetta ho 50 anni,vivo in provincia di Bergamo con mio marito e due figlie,da sempre la mia grande passione é la “CUCINA” che ho sempre condiviso con amici e parenti,vi dò il benvenuto nel mio blog In cucina con le mie amiche per condividere ricette e consigli con chi come me ama spentolare dalla mattina alla sera di tutto e di più,vi aspetto.Non sono una chef,non ho fatto scuola,non ho tecnica,ma tanto amore che metto in ogni piatto pensando al piacere di chi lo gusterá.Mi trovate ogni mese in edicola anche sul mensile “Tutto cucina” con la rubrica “Stagioni e Tradizioni” e uno “Speciale” tutto mio e sulla mia pagina facebook che ha lo stesso nome del blog.