Coniglietti di pane alla robiola

Coniglietti di pane alla robiola, simpatici panini da presentare a tavola per il pranzo pasquale, soffici e delicati adatti come segnaposto informale o da donare ai bambini mentre gli adulti fanno l’aperitivo. La presenza della robiola e il latte accompagnato dal lievito madre, la maturazione in frigorifero per dodici ore rende questi conoglietti di pane incredibilmente leggeri e molto soffici dal gusto delicato. Facili da preparare, anche nella loro formazione serve solo la pazienza di attendere la lievitazione lunga con il passaggio in frigorifero. I coniglietti di pane alla robiola con lievito madre possono essere serviti al naturale o a seconda del proprio gusto farciti da salumi. Per il pranzo di Pasqua o la gita fuori porta del giorno dopo vi consiglio di prepare questi simpatici coniglietti che renderanno felici adulti e bambini, seguitemi in cucina vi spiego come fare.

IMG 0353 648x1080 Coniglietti di pane alla robiola
  • Preparazione: 12 Ore
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 10/12
  • Costo: Economico

Ingredienti

  • 500 g farina tipo 1
  • 100 g Robiola
  • 15 g Miele di acacia
  • 100 g Lievito madre
  • 110 g Burro bavarese
  • 240 g latte fresco
  • 120 g uova intere
  • 5 g Sale

Per la finitura

  • 1 uovo intero
  • 2 cucchiai latte fresco
  • q.b. Chiodi di garofano

Preparazione

  1. %name Coniglietti di pane alla robiola

    Nella ciotola della planetaria versate la farina, il lievito madre  spezzettato, il miele, il latte, la robiola e iniziate a lavorare a bassa velocità fino a quando si sarà formato l’impasto ci vorranno 6-7 minuti. aggiungere adesso poco alla volta le uova leggermente sbattute, fate assorbire e aggiungete il sale, quindi il burro a pezzetti sempre poco alla volta. Ci vorrannno circa 7-8 minuti per ottenere un impasto incordato, elastico e setoso. Coprite e lasciate riposare per un’ora, quindi date qualche piega di rinforzo. Ponete poi l’impasto in una ciotola, coprite e trasferite in frigorifero per 10-12 ore.

  2. %name Coniglietti di pane alla robiola

    Passato il tempo, riprendete l’ impasto fate acclimatare un’ora quindi procedete alla formatura dei coniglietti di pane alla robiola. Pesate 50 g circa d’impasto per ogni coniglietto,  Formate dei cordoncini di 26 cm di lunghezza, da cui toglierete un pezzo grande quanto un’acino d’uva e un pezzo di 3-5 cm. Arrotolate il cordoncino formando una spirale che sarà il corpo del coniglietto, attaccate il pezzo piccolo al corpo in basso che diventerà la coda, schiacciate adesso leggermente l’altro pezzo e con un coltellino dividete una parte a metà che diventeranno faccia e orecchie. È tutto molto più semplice di quanto vi aspettiate. Ponete i coniglietti formati su una teglia rivestita di carta forno, lasciate lievitate a circa 27º e fino al raddoppio coperti da un panno umido.

  3. %name Coniglietti di pane alla robiola

    Una volta che saranno lievitati mettete sulla faccia del coniglietto un chiodo di garofano a formare l’occhio.

  4. %name Coniglietti di pane alla robiola

    Spennelate ogni coniglietto con l’emulsione di latte e uova.

  5. %name Coniglietti di pane alla robiola

    Fate cuocere i coniglietti in forno ventilato, già caldo a 170º per 20 minuti e secondo il proprio forno. A fine cottura dovranno risultare di un colore dorato ma non eccessivo. Fate raffredare, poi conservate ben chiusi in un contenitore o in sacchetto per alimenti, fino al momento dell’utilizzo. I coniglietti di pane alla robiola se conservati correttamente, si manterranno soffici fino a 4-5 giorni.

  6. %name Coniglietti di pane alla robiola

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Elisabetta La Cerra

Mi presento,ciao a tutti mi chiamo Elisabetta ho 50 anni,vivo in provincia di Bergamo con mio marito e due figlie,da sempre la mia grande passione é la “CUCINA” che ho sempre condiviso con amici e parenti,vi dò il benvenuto nel mio blog In cucina con le mie amiche per condividere ricette e consigli con chi come me ama spentolare dalla mattina alla sera di tutto e di più,vi aspetto.Non sono una chef,non ho fatto scuola,non ho tecnica,ma tanto amore che metto in ogni piatto pensando al piacere di chi lo gusterá.Mi trovate ogni mese in edicola anche sul mensile “Tutto cucina” con la rubrica “Stagioni e Tradizioni” e uno “Speciale” tutto mio e sulla mia pagina facebook che ha lo stesso nome del blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.