Caggiunitte alle castagne (ravioli alle castagne)

image20 826x1024 Caggiunitte alle castagne (ravioli alle castagne)

Caggiunitte alle castagne(ravioli alle castagne)ricetta molisana.Si tratta di sfiziosi dolcetti fritti,simili ai ravioli,per tradizione si consumano la sera della vigilia,
ma in realtà accompagnano tutto il periodo delle festività natalizie.I Caggiunitte alle castagne sono piuttosto lunghi nella preparazione ma davvero piacevoli da realizzare in compagnia.La loro caratteristica è una pasta leggera e friabile e da un ripieno a base di morbido purè di marroni speziato alla cannella e arricchito con miele, cioccolato e frutta secca.Ognifamiglia ha la propria versione che prevede per il ripieno mosto cotto, ceci, marmellata di uva, cedro e arancia canditi.Vediamo come si fanno,seguitemi in cucina.

Ingredienti

800 g di castagne
una foglia di alloro
100 g di cioccolato fondente a scaglie
canditi e mandorle dolci tritate a piacere
un limone non trattato
una presa di liquore Strega
450 g di farina
1 pizzico di cannella
2 uova
80 g di sugna o burro
100 g di zucchero
15 g di bicarbonato o di lievito per dolci
20 gr di latte
olio per friggere

Lessate le castagne in abbondante acqua salata con una foglia di alloro,sbucciatele, eliminando anche la pellicina interna, e passatele al setaccio. Raccogliete la purea di castagne in una ciotola, unitevi il cioccolato, i canditi, le mandorle, un cucchiaio di zucchero e la buccia grattugiata del limone. Amalgamate con il liquore e lasciate insaporire il composto.
Procedimento sfoglia
Versate la farina sulla spianatoia a fontana,all’interno battete le uova con lo zucchero, unite la sugna ed il bicarbonato sciolto nel latte tiepido. Incorporate tutti gli ingredienti ed impastate fino ad ottenere un composto ben compatto che lascerete riposare, per circa 30 minuti.
Trascorso il tempo necessario, riducete il panetto in una sfoglia non troppo sottile, da essa ricavate dei dischi di circa sei centimetri, farciteli con una noce di ripieno e richiudeteli premendo lungo i bordi. Quando i “Caggiunitti” saranno pronti, friggeteli in abbondante olio caldo. Sgocciolateli appena saranno dorati e fateli asciugare su un foglio di carta assorbente da cucina e serviteli, sono buoni sia caldi che freddi,meglio se irrorati con un filo di miele di castagno.

Pubblicato da Elisabetta La Cerra

Mi presento,ciao a tutti mi chiamo Elisabetta ho 50 anni,vivo in provincia di Bergamo con mio marito e due figlie,da sempre la mia grande passione é la “CUCINA” che ho sempre condiviso con amici e parenti,vi dò il benvenuto nel mio blog In cucina con le mie amiche per condividere ricette e consigli con chi come me ama spentolare dalla mattina alla sera di tutto e di più,vi aspetto.Non sono una chef,non ho fatto scuola,non ho tecnica,ma tanto amore che metto in ogni piatto pensando al piacere di chi lo gusterá.Mi trovate ogni mese in edicola anche sul mensile “Tutto cucina” con la rubrica “Stagioni e Tradizioni” e uno “Speciale” tutto mio e sulla mia pagina facebook che ha lo stesso nome del blog.