Onigiri: ecco gli errori che non dovreste fare mai

Scopri quali sono gli errori da non fare mai quando prepari gli onigiri. Le dritte giuste per ottenere il massimo al primo colpo.

Abbiamo già visto la ricetta degli onigiri, le polpette di riso giapponesi perfette da gustare sia come primo piatto che come spuntino. Se avete già avuto modo di leggerla e di guardare il video vi sarete già resi conto che si tratta di una preparazione molto semplice.

Tuttavia ci sono degli errori comuni che si fanno spesso e che, per un buon risultato, è molto meglio evitare.
Per questo, motivo, oggi vi illustreremo quelli più importanti. In questo modo, seguendo la nostra ricetta e ricordandovi gli step più delicati, otterrete degli onigiri perfetti, tutti da gustare.

Onigiri: gli errori da evitare

Se avete già avuto modo di preparare degli onigiri ottenendo un pessimo risultato, oggi siete nel posto giusto. Per prima cosa vi consigliamo di seguire la nostra ricetta passo passo. 

immagine di onigiri
(Canva e amicoorsocafe)

Se ne avete una a cui tenete particolarmente, però, niente paura. Vi spiegheremo quali sono gli errori da non commettere mai più.

Scegliere una qualità di riso qualsiasi

La scelta del riso per la preparazione del sushi (si usa questo per gli onigiri) è molto importante. Sbagliare la qualità potrebbe portare, infatti, ad un risultato poco gradito.
Per gli onigiri, il riso giusto è quello originario o da sushi e questo perché la sua consistenza si rivela perfetta per poterlo lavorare al meglio e per ottenere il piatto perfetto. Se si ama il riso integrale si può ottenere un risultato discreto con il riso Venere. In ogni caso, il giusto sapore dell’onigiri è dato da quelli appena citati.

Non sciacquare il riso

Il riso va necessariamente sciacquato. Farlo aiuta ad eliminare l’amido in eccesso. Il trucco è quello di sciacquarlo sotto l’acqua fin quando questa non diventa trasparente.
Non seguire questa fase, anche se antipatica, può influire sul risultato finale andando a compromettere la qualità del vostro onigiri.

Sbagliare la temperatura del riso

Gli onigiri andrebbero preparati quando il riso è ancora caldo. In questo modo, infatti, sarà molto più semplice lavorarli a mano. Il riso, però, non dovrebbe essere né troppo caldo (rischiereste di ustionarvi) o troppo freddo (diventerebbe poco lavorabile). Controllarne la temperatura è quindi molto importante per ottenere il risultato perfetto. 

Non bagnarsi le mani

Durante la preparazione degli onigiri è molto importante bagnarsi le mani durante la lavorazione. Farlo si rivela indispensabile per far sì che il riso non si attacchi alle mani. Cosa che aiuterà le polpette di riso a riuscire al meglio. L’acqua può essere addizionata con sale o con aceto. In entrambi i casi, bisogna imparare a dosare la quantità di acqua. Questa dovrà infatti essere minima e usata solo quando si inizia ad avere difficoltà.

Riempire troppo gli onigiri è tra gli errori più comuni

Gli onigiri sono buoni per via del loro ripieno. Riempirli troppo, però, potrebbe portarli a rompersi o a perdere la loro forma triangolare. Meglio, quindi, non eccedere e limitarsi ad una quantità giusta ma non esagerata. Il sapore sarà comunque buonissimo e vi garantirà degli onigiri perfetti da offrire a parenti ed amici.

Se seguirete queste dritte, evitando gli errori più comuni che si fanno con gli onigiri, potrete contare su un risultato così buono da farvi sentire come se foste davvero in Giappone.

Pubblicato da AmicoOrsoCafé

L’AmicoOrso café è un luogo virtuale gestito da due umani e da un orso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.