Vellutata di zucca e castagne

Vellutata di zucca e castagne del nostro amico Piero Benigni.
Un’ottima zuppa tipicamente autunnale molto buona, con un sapore deciso e al tempo stesso gradevole e delicato.
Essendo fatto con solo 2 cucchiai di olio di oliva è anche salutare e leggero al massimo. La possibile aggiunta della panna è solo un’opzione facoltativa e può tranquillamente essere omessa. Piace in genere a tutti, ragazzi compresi, e potete prepararla anche quando avete ospiti che ne ricorderanno a lungo la bontà e leggerezza. Potete usare la zucca della varietà che preferite e se ne avete, anche caldarroste avanzate.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora 10 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gzucca (400 g mondata)
  • 120 gpatate
  • 120 gcipolla
  • 15castagne (medie)
  • 400 mlbrodo vegetale
  • 1 ramettorosmarino
  • q.b.paprika (o altro aroma finale)

Preparazione

  1. Vellutata di zucca e castagne

    La preparazione di questa vellutata richiede circa 70 minuti, perché le castagne hanno un tempo di cottura abbastanza lungo, ma il procedimento è facile, alla portata di tutti e con esito garantito.

    Per prima cosa incidete le castagne e mettetele a cuocere in acqua.

    Dovranno bollire dolcemente circa 45 minuti, a seconda della varietà e di quanto sono fresche.

    Per sincerarvi del punto di cottura potete prenderne una, aprirla e assaggiarla: dovrà essere cotta ma non sfatta e si dovrà sentire sotto il dente come una caldarrosta.

    Quando saranno a punto levatele dal fuoco, freddatele sotto l’acqua corrente, sbucciatele, eliminate la pellicina e tritatele.

    Mettetene da parte un paio di cucchiai colmi tritati più finemente, perché vi serviranno a guarnire i piatti.

    Mentre le castagne cuociono tritate la cipolla e mettetela in casseruola a rosolare dolcemente con 2 cucchiai di olio di oliva.

  2. Mondate la zucca e fatela a dadini di circa 1 cm di lato.

    Pelate la patata e fate anch’essa a dadini.

    Preparate circa 400 ml di brodo vegetale, anche con mezzo dado o del granulare.

    Quando la cipolla sarà ben trasparente e morbida, aggiungete il trito di zucca e patata e il ramo di rosmarino intero.

    Bagnate col brodo vegetale fino a coprire a filo e fate andare a fuoco dolce e casseruola coperta per 20-25 minuti o comunque fino a quando i pezzetti di patata non saranno teneri a infilzarli con la forchetta.

    Se necessario aggiungete brodo.

    Dopo 20 minuti da quando avete messo a cuocere zucca e patata aggiungete le castagne tritate, conservandone però i 2 cucchiai con cui guarnirete i piatti.

    Quando la patata sarà pronta, togliete il rametto di rosmarino e tritate tutto direttamente in casseruola col minipimer a immersione, a fuoco spento, fino a che non avrete una crema ben omogenea.

    Mettete a punto di sale e la vellutata è pronta.

    Potete aggiungere qualche aroma, che ci sta molto bene.

    Quelli più comunemente usati sono una grattatina di noce moscata oppure un po’ di paprica, dolce o piccante a vostro piacimento.

    Valutate se la consistenza del piatto vi piace, altrimenti tenete un po’ sul fuoco la casseruola per farlo addensare oppure aggiungete qualche cucchiaio di brodo per diluirlo, tenendo presente che si addenserà comunque quando la temperatura calerà a quella in cui lo servirete.

    Servite mettendo in ogni piatto le castagne tritate che avete tenuto da parte e se vi piacciono anche dei dadini di pane fritto.

    La vellutata è buona calda o tiepida, in genere non si mette formaggio ma spesso si macina sopra del pepe.

    A molti piace aggiungere della panna fresca liquida prima di servirla, ma non è indispensabile perché la mia ricetta vi assicura un piatto buono, leggero e delicatissimo anche senza.

    Se comunque volete aggiungerla, usate quella fresca liquida da montare.

    Per due persone, 30 g sono più che sufficienti e consiglio di versarla solo prima di servire la vellutata.

    Ottimo anche un cucchiaio di yogurt bianco per ogni scodella.

    Buon appetito!

Conservazione

Questa vellutata si conserva 3 giorni in frigorifero tenuta in un recipiente ben chiuso, 2 se avete aggiunto panna o yogurt.

Potete congelarla e dura 3 mesi nel freezer.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.