Scaloppine e Cardoncelli

Scaloppine e Cardoncelli del nostro amico Angelo Zonno, un ottimo secondo piatto semplice e gustoso dal gusto inconfondibile! Di seguito la ricetta….

Scaloppine e Cardoncelli
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    15 minuti
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

Preparazione

  1. Scaloppine e Cardoncelli

    Preparazione: semplice e gustosa,

    Fare un soffritto di olio,aglio,peperoncino e prezzemolo tritato…

    Dopo un minuto aggiungere i funghi Cardoncelli e portare a cottura (circa 5min), aggiustare di sale e pepe …

    Poi nella stessa padella aggiungendo un po’ di burro far cuocere le fettine precedentemente infarinate…

    Sfumare con del vino bianco… fare evaporare l’alcol ed aggiungere i funghi precedentemente trifolati.

    Buon appetito!

  2. Ti consigliamo anche:

    Scaloppine di petto di pollo alla paprika e funghi pleurotus

    Scaloppine con timo e capperini

    Scaloppine di petto di pollo ai funghi porcini profumate al curry

  3. Tutte le ricette dei membri di Amici in cucina catalogate per tipologia li trovate nei blog:

    https://blog.giallozafferano.it/amicincucina/

    http://blog.giallozafferano.it/idolcidiamiciincucina

    Se la ricetta è stata di tuo gradimento metti mi piace sulla Pagina Facebook del Blog

    Torna alla HOME PAGE

Approfondimenti

Il Cardoncello non è un unico fungo ma ci sono molti ceppi, tutti straordinari che lo contraddistinguono ancor di più. Apprezzato già dai tempi antichi, nel Medioevo era oggetto di canti in alcune taverne laziali e fu considerato prelibato e afrodisiaco al punto tale da essere messo all’indice dal Santo Uffizio perchè distoglieva i Cristiani dall’idea di penitenza.
Chiamato con nomi diversi: Cardoncello, Cardarello, Ferlengo, fungo di Ferula, cresce spontaneo in alcune regioni italiane come la Puglia, la Basilicata, la Calabria, Sardegna e alcune province del Lazio e della Sicilia.

Ma è l’altopiano delle Murge appulo-lucane, la culla di questo fungo. Qui si concentra la maggior parte della produzione spontanea e coltivata perchè in questi terreni poveri a misto prato il fungo trova il suo habitat ideale, crescendo sulla pianta ospite naturale di Eryngium campestre e maritimum, continuamente messo in pericolo da un selvaggio spietramento che non si riesce a fermare.

Precedente Orata al forno con patate Successivo Orecchiette con zucchine ai quattro formaggi

Lascia un commento