Pomodori confit sott’olio – Marina C.

Ecco i Pomodori confit sott’olio della nostra amica Marina C. , pomodorini caramellati con zucchero, da preparare in maniera assolutamente semplice e nel tradizionale forno di casa. Una conserva ideale per la stagione invernale.

Pomodori confit sott’olio

Vediamo, passo passo, come si preparano

Ingredienti:

Preparazione:

Tagliare a metà i pomodori e metterli in una teglia con carta forno bagnata e strizzata.

Spargere sopra i pomodori sale, zucchero, origano, timo ed un filo di olio.

Mettere in forno a 140° per circa 3 ore dipende dal tipo di forno nell’ultima mezz’ora aprire un po’ lo sportello del forno.

Una volta tiepidi mettere nei vasetti sterilizzati con qualche pezzetto di aglio e peperoncino, versare l’olio (devono essere coperti olio).

Se volete sterilizzate fare il bagno Maria.

 Informazioni:

  • Tempo di preparazione: 30 minuti
  • Tempo di cottura: 3 ore
  • Tempo totale:  3 ore e 30 minuti

Tutte le ricette dei membri di Amici in cucina catalogate per tipologia li trovate nel blog:

https://blog.giallozafferano.it/amicincucina/

Se la ricetta è stata di tuo gradimento metti mi piace sulla Pagina Facebook del Blog

Torna alla HOME PAGE

Vedi anche

Pomodori Verdi Fritti

Pomodori ripieni con farro ed origano

Approfondimenti

Il confit è una delle forme più antiche di conservazione dei cibi usata, soprattutto, nelle province del sud ovest della Francia.

La carne o i pezzi di volatili vengono cotti con il loro grasso, insaporiti con aromi e spezie varie e quindi messi in barattoli di terracotta ben chiusi.

Il confit si può consumare anche dopo lungo tempo e si serve generalmente caldo, accompagnato da funghi, oppure da patate e piselli saltati nel burro, cavolo brasato.

Ma si può mangiare anche freddo, dopo averlo ben sgrassato, preparandolo in insalata con aggiunta di cavolo cappuccio crudo.

Il confit più famoso in Francia è quello cucinato con l’oca di Tolosa che sembra la più adatta per questo tipo di preparazione, mentre, a causa della sua carne un po’ troppo soda, si presta sicuramente meno a essere arrostita.

Tratto da http://www.salepepe.it/dizionario/preparazioni/confit/

 

Il pomodoro, seppur entrato relativamente tardi – rispetto agli altri ortaggi importati dalle Americhe –  nella cucina italiana, è divenuto un alimento base della dieta mediterranea.
I pomodori sono ricchi d’acqua, che ne costituisce oltre il 94%; i carboidrati rappresentano quasi il 3%, mentre le proteine sono calcolate intorno all’1,2%, le fibre all’1% e, da ultimo, i grassi rappresentano solamente lo 0,2%. Per questo, cento grammi di pomodoro fresco apportano solamente 17 Kcal.
I pomodori contengono discreti quantitativi vitaminici: si ricordano Vitamine del gruppo B, acido ascorbico, vitamina D e, soprattutto, vitamina E, che assicurano al pomodoro le note proprietà antiossidanti e vitaminizzanti.
Cospicua anche la componente minerale: ferro, zinco, selenio, fosforo e calcio associati a citrati, tartrati e nitrati agiscono in sinergia assicurando proprietà rimineralizzanti ed antiradicaliche.
Modico anche il contenuto di acidi organici, quali malico, citrico, succinico e gluteninico, utili per favorire la digestione.

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/benessere/pomodori-proprieta.html

Salva