Piadine home made – Angela D.

Semplice, facile e veloce da preparare, ecco la piadina della nostra amica Angela D.

Piadine home made

Vediamo, passo passo, come si prepara

Ingredienti per 6 piadine :

  • 250 gr di farina 00
  • 1cucchiaio colmo di olio evo
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di bicarbonato
  • 50 ml di acqua
  • 60 ml di latte.

Preparazione:

Ho impastato il tutto ed ho dato forma di panetto, le ho fatte  riposare io per più di 1 ora.

Trascorso il tempo ho fatto delle palline spianato con il mattarello ho fatto cuocere in padella in pietra.

Farcito con crudo rucola pomodoro scaglie di grana e mozzarella.

Prosciutto e mozzarella per​ la piccola e salame piccante lattuga e gorgonzola al mascarpone….con queste dosi ne sono venute 6!

Informazioni:

  • Tempo di preparazione: 20 minuti + 1 ora riposo
  • Tempo di cottura: 20 minuti
  • Tempo totale:  40 minuti + 1 ora riposo

Se la ricetta è stata di tuo gradimento metti mi piace sulla Pagina Facebook del Blog

Torna alla HOME PAGE

Vedi anche

Piadina con porchetta

Piadina (sorelle Montalbano)

Approfondimenti

La piadina romagnola è un prodotto alimentare composto da una sfoglia di farina di grano, strutto od olio di oliva, bicarbonato o lievito, sale e acqua, che viene tradizionalmente cotta su un piatto di terracotta, detto teglia (teggia in romagnolo), ma oggi più comunemente viene cotta su piastre di metallo oppure su lastre di pietra refrattaria chiamate testi (tëst in dialetto).

È, per dirla con Giovanni Pascoli, «il pane, anzi il cibo nazionale dei Romagnoli»: in realtà, lo era innanzitutto per i più poveri. Nella Romagna interna si prepara leggermente più spessa, mentre sulla costa, ad esempio nel riminese, è tirata più sottile.

Può essere mangiata come surrogato del pane per accompagnare varie pietanze nel corso del pasto.

Piadina farcita

Piadina rucola e squacquerone

Più spesso però viene piegata a metà e farcita in vario modo: con pezzi di salsiccia cotti alla brace o alla piastra e cipolla; con affettati vari di suino; con la porchetta; con rucola e squacquerone; con erbette o verdure gratinate; con crema gianduia, confetture o Nutella.

Crescione, cassone o calzone

Il crescione, cassone, cascione o calzone (in romagnolo carson o casòun) è una tipica preparazione basata sulla piadina dove la sfoglia viene farcita, ripiegata e chiusa prima della cottura.

La farcitura di erba crescione, che ora è difficile da trovare ma un tempo abbondava lungo i fossati, ne darebbe il nome: questa erba – di per sé già saporita – poteva venire ulteriormente insaporita con aglio, cipolla, o scalogno.

Questa usanza deriverebbe dal largo uso che si è sempre fatto nella cucina romagnola di erbe (compresa la “bietola”, ovvero le foglie della barbabietola che si raccoglievano per diradarne la coltura)

Oggi le farciture più comuni, con variazioni da luogo a luogo, sono: alle erbe, chiamato anche ‘crescione verde’, (può trattarsi di spinaci e/o bietole, e nel riminese anche ‘rosole’ (papaveri) macerate nel sale), con o senza ricotta e formaggio grattugiato; con una base di mozzarella e pomodoro abbinata o meno con salumi, e chiamato anche ‘rosso’; con zucca e patate, spesso arricchite di salsiccia o pancetta.

Nella città di Imola è chiamato “calzone”.

Tratto da: https://it.wikipedia.org/wiki/Piadina_romagnola

Precedente Polpette – Corrado L. Successivo Trecce rustiche di patate, farcite con rape e salsiccia – Tessa G.