Panini all’olio d’oliva – Luciana M.

La nostra amica Lucia M. ci propone i suoi panini all’olio d’oliva, ideali da farcire con salumi o da servire assieme ai vostri antipasti!!

Panini all’olio d’oliva

Vediamo, passo passo, come si prepara

Ingredienti:

  • 200 gr di farina Manitoba
  • 200 gr di semola
  • 100 gr di farina 00
  • 5 gr di lievito di birra secco
  • 250 ml d’acqua tiepida
  • un cucchiaino di miele
  • 60 ml d’olio d’oliva
  • un cucchiaino di sale

Preparazione:

Ho iniziato sciogliendo 5gr di lievito di birra secco in 250 ml d’acqua tiepida e un cucchiaino di miele

Nel frattempo ho setacciato in una ciotola 200 gr di farina Manitoba 200 gr di semola e 100 gr di farina 00

Ho aggiunto il lievito sciolto ho iniziato ad impastare poi ho aggiunto 60 ml d’olio d’oliva e un cucchiaino di sale

Ho impastato per 15 minuti

Ho fatto lievitare per 3 ore coperto con un panno umido

Ho ripreso l’impasto ho formato 16 palline da 52 gr più o meno

Pirlando
Le ho sistemate in teglia con carta forno
Ho spennellato olio sopra ed ho fatto lievitare altre 2 ore
Ho cotto al massimo della temperatura forno ventilato per 5-10 minuti

Informazioni:

  • Tempo di preparazione: 6 ore
  • Tempo di cottura: 10 minuti
  • Tempo totale:  6 ore e 10 minuti

Se la ricetta è stata di tuo gradimento metti mi piace sulla Pagina Facebook del Blog

Torna alla HOME PAGE

Vedi anche

Panini alla curcuma con olive o uvetta – Elisa T.

Panini alla zucca- Elisa

Panino con panelle e crocchette (panelle e crocchè o cazzilli) – Maria D.

Pane con la camicia – Laura V.

Pane Casereccio e lievito madre – Caterina S.

Approfondimenti

Pirlatura

Tecnica che viene adottata in pasticceria per dare alla massa (o impasto) la forma della colomba o del panettone, maneggiando questo con le mani.

Pirlatura: pirlare un impasto significa arrotondarlo facendolo girare tra le mani o sul piano di lavoro dandogli una forma sferica regolare,  in questo modo si da  una crescita regolare all’impasto durante la lievitazione.

Video Pirlatura impasto

Salva

Salva

Precedente Risotto con filetto di Persico – Teresa A. Successivo Seni di vergine (minni di virgini) – Anna M.