Crea sito

Minestra di lenticchie, ceci e carota – Ivana

minestra-di-lenticchie-ceci-carota-ivana

Ecco la minestra della nostra amica Ivana con lenticchie, ceci e carota, un piatto sostanzioso e gustoso, capace di riscaldare tutta la famiglia anche nelle giornate invernali più fredde.

Vediamo, passo passo, come si preparano

Ingredienti:

  • Lenticchie
  • Ceci
  • Carota
  • 1 piccola patata
  • Pomodoro
  • Cipolla
  • olio extravergine
  • un rametto di rosmarino
  • 1 lt e 1/2 d’acqua
  • lasagnette all’uovo.. per le lasagnette serve uova farina e un pizzico di sale.

Preparazione:

Cominciamo con il lessare  le lenticchie e i ceci separati dopo essere stati ammollati in acqua.

Appena sono pronti prendiamo una pentola e mettiamo  la cipolla tritata, la carota tagliata  a rondelle, la patata a piccoli dadini.

A questo punto scoliamo le lenticchie ed i ceci e versiamo tutto in pentola con qualche cucchiaio di passato di pomodoro il sale, il rametto di rosmarino ed 1 lt e 1/2 d’acqua , portare ad ebollizione e cuocere per 40 minuti.

Trascorso il tempo necessario per la cottura uniamo le lasagnette precedentemente fatte con uova farina e sale, impiattiamo ed aggiungiamo un giro di olio.

Buon Appetito!!!

Informazioni:

  • Tempo di preparazione: 15  minuti
  • Tempo di cottura: 40 minuti + cottura legumi
  • Tempo totale: 55 minuti + cottura legumi

 

Tutte le ricette dei membri di Amici in cucina catalogate per tipologia li trovate nel blog:

https://blog.giallozafferano.it/amicincucina/

 

Approfondimenti:

Approfondimenti:

I legumi più noti sono: fagioli, piselli, fave, ceci, lenticchie, soia, lupini, arachidi, cicerchie, caiani e carrube.
I legumi sono commercializzati sotto diverse forme di conservazione; quelli freschi possono essere reperiti facilmente sui banchi dei prodotti ortofrutticoli in corrispondenza del periodo di raccolta. Ogni specie è a sé stante: fave e piselli sono disponibili a fine primavera, mentre fagioli (in base alla varietà), lenticchie e ceci in estate. Sono disponibili anche legumi conservati in lattine, all’interno delle quali vengono immersi nel corrispettivo liquido di cottura e di governo. Infine, i legumi possono essere conservati a temperatura ambiente in maniera ottimale previa essiccazione; quest’ultimo metodo permette di non utilizzare grosse quantità di sale (NaCl) e mantiene una certa integrità nutrizionale.

NB. I legumi secchi, eccezion fatta per le lenticchie, prima della cottura necessitano un periodo di ammollo in acqua FREDDA indispensabile alla reidratazione del seme.

Le funzioni dei legumi in cucina sono molte. Avendo una buona composizione amidacea possono sostituire (e frequentemente sarebbe auspicabile farlo!) i prodotti a base di cereali e di patate (fatta eccezione per il pane che richiede glutine, assente nei legumi).

Parallelamente, grazie alla tipica abbondanza proteica, se opportunamente associati ad altri alimenti i legumi possono raggiungere un valore biologico (VB) tale da sostituire i cibi di origine animale. Per approfondire consulta l’articolo: Proteine dei legumi.
A livello pratico, i legumi possono essere utilizzati stufati in sostituzione alla pasta alimentare o al riso, bolliti, scolati e raffreddati come accompagnamento alle pietanze, e cucinati assieme ai cereali per raggiungere un VB simile a quello delle proteine dell’uovo.

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/alimentazione/funzioni-legumi.html