Crea sito

Carciofini sott’olio – Marina C.

Ecco i carciofini sott’olio della nostra amica Marina C., un’ottima idea per poter conservare questa ottima verdura anche fuori stagione. Sono perfetti come antipasto o come contorno sfizioso.

 

Carciofini sott’olio

 Vediamo, passo passo, come si prepara

Ingredienti :

Preparazione:

Pulire i carciofini e metterli a bagno per un ‘ora in acqua e limone

Portare a ebollizione l’acqua e aceto versare i carciofini un po’ di sale e fate cuocere per 10 minuti

Scolare e mettere su canovacci ad asciugare li ho lasciati per tutto il giorno

Li ho invasati con fettine di aglio e se piace peperoncino versare olio q.b.

Informazioni:

  • Tempo di preparazione: 60 minuti
  • Tempo di cottura: 35 minuti
  • Tempo totale:  60 minuti

 

Barattoli , vasetti e varie per le vostre per conserve su Amazon

 

Visita la pagina Amazon di Amici in cucina troverai tante offerte, idee e consigli!

https://www.amazon.it/shop/cucinamici

 

 

 

Segui Amici in Cucina su Pinterest

Tutte le ricette dei membri di Amici in cucina catalogate per tipologia li trovate nei blog:

https://blog.giallozafferano.it/amicincucina/

http://blog.giallozafferano.it/idolcidiamiciincucina

https://blog.giallozafferano.it/panelievitatiefantasia

 

Se la ricetta è stata di tuo gradimento metti mi piace sulla Pagina Facebook del Blog

Torna alla HOME PAGE

 

 

Approfondimenti

Le conserve di verdure sottolio e sottoaceto sono preparazioni che basano il loro processo di conservazione sull’assenza dell’ossigeno attraverso l’immersione della verdura in un liquido (olio o aceto) adatto alla lunga conservazione.

Le verdure solitamente utilizzate sono peperoni, carciofi, zucchine, melanzane, funghi etc. etc.

E’ importante che al momento dell’invaso, le verdure siano ancora calde di cottura, e che la temperatura dell’olio o dell’aceto sia superiore ai 60 °C. Bisogna poi fare molta attenzione a che il liquido arrivi fino all’orlo del vasetto. Le verdure infatti potrebbero assorbire parte dell’olio o dell’aceto facendole rimanere scoperte, prestandosi così alla contaminazione batterica o virale.

Il vasetto di vetro da utilizzare per l’invaso deve essere sterilizzato e i tappi da utilizzare essere nuovi di busta. L’invaso come detto in precedenza deve avvenire ancora con le verdure calde di cottura, utilizzando olio o aceto oltre i 60 °C, quindi una volta che il vasetto viene chiuso deve essere capovolto. In questo modo non si forma il sottovuoto, ma comunque una depressione sul tappo dovuta al raffreddamento delle verdure.

I vasetti con le verdure sottolio e sottaceto devono essere conservati in un luogo fresco e buio, poichè la luce degrada l’olio. La consumazione può avvenire 3 mesi dopo l’invaso, tempo nel quale potrebbe avvenire la proliferazione batterica.

Se aprendo i vasetti dopo i 3 mesi si sente ancora il click del tappo che torna alla sua posizione e non si vedono bolle di aria che escono dall’olio, allora le verdure non sono state contaminate e possono essere tranquillamente consumate, in caso contrario buttare il tutto immediatamente.

Ogni ricetta dedicata al prodotto indicherà il procedimento per trattare la verdura in questione, di seguito però alcune semplici regole da seguire in ogni caso:

  • per far mantenere il colore naturale alle verdure nelle conserve, durante l’ebollizione è bene immergerle nel recipiente quando l’acqua è già in ebollizione e affondarle con l’ausilio di un mestolo di legno e farle bollire a pentola scoperta;
  • non salate troppo l’acqua in quanto il sale tende a far indurire le verdure;
  • verificate bene il tempo di ebollizione nelle ricette, poiché una distrazione e una ebollizione prolungata può portare allo spappolamento delle verdure che al contrario devono essere al dente.

Tratto da: http://www.ricettedellanonna.net/come-preparare-le-conserve-di-verdure-sottolio-e-sottoceto/

Salva

Salva