Crea sito

pesto genovese / un rituale di profumi

Il pesto genovese è un condimento tipico della cucina tradizionale ligure a base di basilico, aglio, sale grosso, formaggi, pinoli e olio extravergine di oliva, ingredienti pestati a mano nel mortaio di marmo e pestello in legno seguendo un antico rituale che garantisce la prelibatezza del prodotto finito. Il pesto genovese si trova nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani PAT.

pesto genovese
pesto genovese
pesto genovese
pesto genovese 

Gli archivi storici fanno risalire la prima ricetta del pesto genovese alla metà del 800, la quale si è mantenuta intatta nel tempo senza gravi variazioni nella tecnica d’esecuzione. Potete leggere sull’argomento al seguente indirizzo PESTO GENOVESE: LA RICETTA UFFICIALE DEL PESTO. Venite a scoprire come preparare un ottimo pesto alla genovese!

Ingredienti pesto genovese

  • 50 g di basilico genovese DOP
  • 1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva della riviera ligure o prodotto in regioni italiane contigue
  • 6 cucchiai di parmigiano reggiano DOP grattugiato (o grana padano in alternativa)
  • 2 cucchiai di pecorino sardo DOP grattugiato (fiore sardo)
  • 2 spicchi d’aglio dolce
  • 1 cucchiaio di pinoli ottenuti dal Pinus-pinea prodotto nell’area mediterranea
  • qualche grano di sale grosso

Preparazione pesto genovese

Tutti gli ingredienti devono essere di ottima qualità, lavorati a temperatura ambiente, nel minor tempo possibile per ridurre gli effetti dell’ossidazione.

Scegliete Il basilico a foglia piccola, giovane e fresco. Lavate le foglie di basilico con acqua fredda e mettetele ad asciugare su un canovaccio.

Pestate gli spicchi d’aglio nel mortaio (l’aglio deve essere dolce, il suo profumo non deve spiccare durante la preparazione).

Aggiungete il sale grosso e le foglie di basilico. Pestate le foglie con un movimento leggero e rotatorio per conservare in questo modo gli oli essenziali presenti nelle foglie di basilico (non dovete avere fretta nel pestare le foglie, munitevi di pazienza!).

Una volta estratto il liquido dalle foglie, unite i pinoli che con i movimenti del pestello si ammorbidiranno amalgamandosi agli altri ingredienti.

Aggiungete il formaggio e versate lentamente l’olio extravergine di oliva. Mescolate gli ingredienti delicatamente, otterrete così una crema densa di colore verde chiaro.

Adesso il pesto genovese è pronto per condire i vostri primi piatti di pasta!

Il pesto genovese può essere conservato in frigorifero negli appositi recipienti adatti alla conservazione e potrà essere consumato nell’arco di una settimana. Se invece volete preparare una maggior quantità di pesto come scorta, potete congelarlo e utilizzarlo entro 2 mesi dalla preparazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.