Crea sito

Vini Biologici e biodinamici, cosa sono?

vini con tappi

vini biologici e biodinamici  hanno suscitato interessi mediatici, forse per la semplice voglia di vivere meglio e di bere meglio.  Importante delineare bene le differenze tra vino biologico e vino biodinamico: esse esistono e sono sostanziali, ma c’è ancora molta confusione sull’argomento.

 Cosa sono i vini biologici?

Per vini biologici s’intendono vini che utilizzano uve provenienti da agricoltura biologica, la quale fa riferimento all’ecosistema agricolo e mira a sfruttare la naturale fertilità del suolo, a tutelare le biodiversità del territorio, a non far uso di prodotti di sintesi, cioè frutto di reazioni chimiche. Nulla è prescritto per quanto riguarda i processi di vinificazione, affinamento e maturazione del vino. I produttori di vino biologico (la definizione corretta sarebbe “vino proveniente da uve e vigneti condotti con il sistema di agricoltura biologica“), mantengono spesso la filosofia anche in cantina, per cui la vinificazione avviene con processi naturali e con uso contenuto o quasi assente di additivi o correttivi del vino.

[banner type=”default” corners=”rc:0″]

Cosa sono i vini biodinamici?

Per vini biodinamici s’intendono vini che utilizzano uve provenienti da agricoltura biodinamica. Essa fa riferimento alla visione del mondo elaborata da Rudolf Steiner in merito alla creazione di sistemi che rispettino l’ecosistema terrestre, includendo l’idea di agricoltura biologica e la considerazione che il suolo e la vita su di esso sono un unico sistema. Secondo il metodo biodinamico, la fertilità e la vitalità del terreno devono essere ottenute con mezzi naturali, vale a dire compost prodotto da concime solido da cortile, materiale vegetale come fertilizzante, rotazioni colturali, pesticidi a base di sostanze minerali e vegetali. Rendendo più vitale la terra ed aumentandone l’attività biologica, le piante crescono in modo naturale, nutrite dall’ecosistema del suolo. La concimazione e la cura del terreno sono quindi finalizzate all’ottenimento di questo equilibrio. Il vino biodinamico è legato alla terra, alla fertilità del terreno, alle tecniche di coltivazione. La vinificazione deve tenere conto delle posizioni dei pianeti, della forza terrestre e della forza cosmica.

[banner network=”altervista” size=”300X250″ corners=”rc:0″]

 

 

Tratto dall’ articolo scritto da me sul sito Ginger and Tomato. Ogni diritto è riservato alla testata IsayBlog.

Pubblicato da mara

a tutto c'è un perchè..il mio è vino e cucina.e a ciascuno il suo....

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.