Sformatini con scarti di finocchi

Quante volte vi è capitato di acquistare i finocchi e di eliminare la prima foglia perché troppo dura e coriacea, o magari semplicemente perché segnata o danneggiata? E dei ciuffi vogliamo parlarne? Quanto sprechiamo ogni giorno? Bene allora da oggi non si gettano più e si riutilizzano per preparare questi semplicissimi sformatini con scarti di finocchi. Ricetta facile. Gli sformatini si possono congelare una volta cotti.

Tante ricette con i finocchi:

Sformatini con scarti di finocchi
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    15 minuti
  • Porzioni:
    2
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Parte coriacea esterna e ciuffi di un finocchio
  • Uova 1
  • Albume 1
  • Parmigiano reggiano 50 g
  • panino piccolo raffermo 1
  • Latte 1/2 bicchiere
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione

  1. Scarti di un finocchio
    1. Nel mixer frullate con una presa di sale e del pepe gli scarti dei finocchi.
    2. Aggiungete il tuorlo e il pane ammollato nel latte e ben strizzato.
    3. A parte montate a neve ben ferma gli albumi e aggiungeteli gradatamente al composto, avendo cura di mescolare dal basso verso l’alto, in modo che si incorpori bene l’aria e durante la cottura si gonfi. Imburrate ed infarinate 3 cocotte o stampini da muffin e versate il contenuto.
    4. Infornate a 180 ° per 15 minuti.
    5. Servite  gli sformatini con scarti di finocchi tiepidi o anche caldi.

Note

Finocchi maschi e finocchi femmine

Sapevate che i finocchi si dividono in finocchi maschio e finocchi femmina? I primi hanno una forma tondeggiante e sono ottimi da mangiare crudi, mentre gli altri, più allungati sono più buoni cotti.

“Farsi infinocchiare”

Sapete da dove arriva questa espressione? Era dei cantinieri e gli osti, che pur di far sembrare gradevole anche il più disgustoso dei vini,  offrivano spicchi di finocchio da sgranocchiare prima della degustazione a chi si presentava per acquistare il vino custodito nelle botti.

Se ti piace la mia ricetta

puoi ricevere direttamente la mia newsletter

(trovi il form in home page)

Oppure

seguimi sulla pagina Facebook e diventa Fan.

Mi trovi anche su Twitter Google+ Pinterest

Se vuoi vistare il nostro sito clicca su

cadalera.it

oppure seguici su 

Facebook

Twitter

Istagram

Torna alla home

Precedente Crostata salata con carciofi e ricotta, senza burro Successivo Minestra di trippa e varzol (silene vulgaris)

Lascia un commento

*