Risotto allo zafferano e i primi pistilli di Ca’da l’Era

E come potevamo inaugurare il nostro nuovo sito, se non presentando un gustoso e genuino risotto allo zafferano, con i primi pistilli di Ca’da l’Era? Pochi, pochissimi pistilli che per quest’anno custodiamo gelosamente, ma che dal prossimo anno troverete in vendita. Sentiste che profumino…

Altre ricette con lo zafferano:

 

Risotto allo zafferano e i primi pistilli di Ca'da l'Era
  • Difficoltà:Media
  • Preparazione:20 minuti
  • Cottura:20 minuti
  • Porzioni:4
  • Costo:Medio

Ingredienti

  • 400 g Riso Carnaroli (o Arborio)
  • 2 l Brodo vegetale (o del bollito)
  • 150 g Parmigiano reggiano
  • 100 g Burro (locale)
  • 1 Scalogno
  • 4-5 Zafferano in pistilli
  • q.b. Olio extravergine d’oliva
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. Risotto zafferano Cadalera cottura
    1. Cominciate preparando un buon brodo vegetale, mettendo a bollire acqua, carote, sedano e cipolle. Potete utilizzare anche il brodo avanzato del bollito.
    2. Tritate fine uno scalogno e rosolatelon facendolo imbiondire in poco olio extravergine d’oliva e poco burro.
    3. Versate il riso e tostatelo per 2 minuti circa. Bagnate con il vino bianco che lascerete evaporare.
    4. Iniziate la cottura del riso versando un mestolo di brodo bollente e lasciando che si assorba completamente di volta in volta.
    5. Pestate i pistilli dello zafferano tra due forgli di carta da forno e sciogliete la polvere ottenuta in mezzo mestolo di brodo tiepido.
    6. Aggiungete a fine cottura e continuate a mescolare.
    7. Trascorsi i 20 minuti, spegnete, mantecate con il burro mescolando vigorosamente e senza smettete, aggiungete il Parmigiano reggiano e regolate di sale se necessario.
    8. Servite subito.
    9. Potete decorare il piatto con del prezzemolo riccio.
  2. Zafferano fiore

    Innovazione e tradizione

    La passione per l’innovazione e per le colture inusuali ci rappresenta fin da subito. La nostra azienda nasce proprio in questo modo, iniziando a coltivare quello che in Ossola non c’era ancora, ma senza dimenticare e portando comunque avanti la cultura dei prodotti Ossolani per eccellenza. Innovazione e tradizione. Possiamo tradurre il tutto così. Ed ecco spuntare anche l’idea di coltivare lo zafferano. Non siamo i primi in Ossola e ringraziamo i nostri amici per i preziosi consigli. Lo zafferano ha un’anima, è delicato più di un semplice fiore e va trattato con le dovute maniere. Lo zafferano è un’erbacea perenne che fiorisce in autunno, nel mese di novembre. I crochi non superano i 30 cm di altezza e da ognuno di essi spunta un fiore viola con tre pistilli. Questa pianta ama le primavere piovose e le estati piuttosto asciutte. La raccolta avviene nelle prime ora del mattino, ne consegue la pulitura e l’essiccazione dei pistilli nel pomeriggio. “Oro giallo”, così lo chiamano, perché i prezzi al grammo sono molto alti. Ma ne vale davvero la pena. Almeno una volta. E’ un sapore indimenticabile, inconfondibile, unico.

Lo zafferano in cucina. Istruzioni per l’uso.

Lo zafferano è una spezia molto intensa. Se utilizzate lo zafferano in polvere, 0.15-20 gr basteranno per 4 persone. Se invece dovete lasciare dei pistilli in infusione contate 0,30 gr per 6 persone. La quantità può variare in base alla ricetta e, naturalmente, ai gusti personali.

Cosa non fare con lo zafferano

La cosa che non dovete mai fare in cucina è cuocere lo zafferano, perderebbe buona parte del suo sapore. Per questo utilizziamo acqua tiepida e non calda per il suo discioglimento ed evitiamo di cuocerlo, aggiungendolo solo a fine cottura

 

 

Se ti piace la mia ricetta

puoi ricevere direttamente la mia newsletter

(trovi il form in home page)

Oppure

seguimi sulla pagina Facebook e diventa Fan.

Mi trovi anche su Twitter Google+ Pinterest

Se vuoi vistare il nostro sito clicca su

cadalera.it

oppure seguici su 

Facebook

Twitter

Istagram

Torna alla home

Precedente Cavolfiori arrosto Successivo Marmellata con scarto di spremuta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.