Risotto al radicchio e Ca’ d’Maté

risotto radicchio Ca' d' Maté

Voglia di piatti sani, di piatti fatti con ingredienti buoni e della terra. E’ il caso di questo risotto al radicchio e Ca’ d’Maté, targato 100% made in Ossola. Risotto ricco di gusto, ma allo stesso tempo semplice.

Vedi anche:

Un risotto fatto di Ossola

Un risotto in onore delle terra in cui vivo, che ci regala prodotti di nicchia eccezionali. Uno di questi è il vino rosso Ca’ d’Maté, prodotto in Ossola con le migliori uve di Nebbiolo, di Croatina e di Prunent di tutta la valle. Il vino prende il nome dall’antica cantina in cui viene effettuato l’invecchiamento. Il colore è rosso rubino con riflessi viola. Profumo fruttato, frutta a bacca rossa. In bocca asciutto, sapido, pieno, caldo e strutturato con leggeri tannini.

Nasce nell’acqua e muore nel vino”

La prima testimonianza sul commercio del riso novarese risale addirittura al 1450. Nel 1513 il Castellano Ducale di Novara Giovanni Antonio Giuscondo scrive che la coltivazione del riso era praticata proprio alle porte della città e il prezzo dell’acqua era pari ad un quarto del valore della produzione di riso ottenuta nel terreno annacquato.
Nel censimento di quell’epoca l’estensione delle risaie era di 9533 ettari nel Contado di Novara e di 2754 ettari solo nei dintorni di Vigevano. Numeri già  importanti che segnano l’inizio della grande ascesa del riso novarese nel mondo.

Risotto al radicchio e Ca’ d’Maté

Ingredienti per 4 persone:
  • 400 g di riso arborio
  • 200 g di radicchio
  • 1 scalogno medio
  • 1-2 litri di brodo vegetale
  • 80 g di Parmigiano 24 mesi
  • 100 g di burro d’alpeggio o di ottima qualità
  • 1 bicchiere abbondante di Ca’ d’Maté
  • 1 cucchiaio d’olio evo
  • sale
  • pepe
Preparazione:
  1. Tritate fine lo scalogno e fatelo appassire in padella con 20 g di burro e l’olio evo.
  2. Aggiungete il riso, fatelo tostare un minuto e unite il Ca’d’Maté. Lasciate sfumare bene il vino, fino a che perde completemente l’odore di alcol.
  3. A questo punto cominciate ad unire poco alla volta il brodo vegetale, lasciando che il riso lo assorba del tutto di volta in volta.
  4. A 5-6 minuti dalla fine della cottura unite il radicchio tagliato molto fine e privato possibilmente delle nervature bianche.
  5. Mescolate bene e portate a termine la cottura.
  6. Mantecate con il restante burro e il Parmigiano. regolate di sale e di pepe.
  7. Servite subito.

Mara Toscani

Precedente Finti arancini di miglio e legumi ripieni di ragù, cottura al forno Successivo Mais made in Vco, dalla polenta alla birra

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.